Atletica, Tortu a due centesimi di secondo da Pietro Mennea con 10”03

Tortu e Marcel Jacobs scrivono una pagina storica della velocità italiana diventando i primi due azzurri a scendere sotto i 10”10 nella stessa gara.

242 condivisioni 1 commento

di

Share

Il record italiano dei 100 metri di 10”01 detenuto dal grande Pietro Mennea stabilito nell’altura di Città del Messico il 4 Settembre 1979 ha tremato sotto i colpi di Filippo Tortu e Marcel Jacobs al meeting internazionale di Savona, appuntamento inserito nel circuito dei meeting della Federazione Italiana di Atletica Leggera.

Tortu è salito al secondo posto delle liste italiane all-time con un sensazionale 10”03, a soli due centesimi di secondo dal record di Mennea e ha cancellato dopo 20 anni il record italiano under 23 di Carlo Boccarini stabilito nel Maggio 1998. Il tempo di Filippo è il più veloce di sempre in Italia sul livello del mare.

La prestazione del campione europeo e vice iridato under 20 si colloca al terzo posto delle liste europee dell’anno alle spalle del 10”00 del francese Jimmy Vicaut e del 10”01 del britannico di origini anguillane Zharnel Hughes e in settima posizione di quelle mondiali.

Alle spalle del diciannovenne lombardo di origini sarde ha brillato anche Marcel Jacobs, che ha migliorato il suo record personale di 4 centesimi con 10”08, quarto miglior tempo italiano di sempre. L’allievo di Paolo Camossi aveva corso il personale di 10”12 a Campi Bisenzio.

Già in batteria i due giovani sprinter azzurri avevano lasciato presagire che poteva essere una grande giornata. Il primo ad esibirsi è stato Jacobs con un fantastico 10”04 anche se con troppo vento a favore di +3.0 m/s. Si tratta comunque del terzo miglior tempo di sempre in Italia in ogni condizione di vento.

Pochi minuti dopo è stato il turno di Tortu, che è sceso per la prima volta sotto i 10”10 avvicinando il record italiano under 23 di Boccarini con 10”09 con vento regolare, quarto miglior tempo italiano all-time.

La pista del Fontanassa si è confermata ancora una volta magica per i due sprinter azzurri rivali solo in pista ma molto amici al di fuori del campo di atletica. Nell’edizione di due anni fa del meeting di Savona Jacobs si impose in 10”23 per un centesimo su Tortu, che firmò il record italiano under 20 con 10”24. Nel 2017 Tortu vinse migliorando il suo record italiano under 20 con 10”15.

Tortu e Jacobs torneranno a sfidarsi al Golden Gala Pietro Mennea allo Stadio Olimpico di Roma il 31 Maggio contro Christian Coleman, Su Bingtian, Ronnie Baker, Jimmy Vicaut e Ramil Gulyev. Dopo il risultato di Savona c’è da credere che Filippo e Marcel saranno in grado di competere ad armi pari con i migliori sprinter del mondo. Filippo e Marcel rappresentano i volti sorridenti dell’atletica italiana, che si avvicina carica di fiducia ai prossimi Campionati Europei di Berlino.

A seguire Filippo era presente la sua famiglia al gran completo con il padre e allenatore Salvino, la madre Paola, il fratello Giacomo e la nonna Titta, sua prima grande tifosa.

Atletica, Tortu a due centesimi di secondo da Pietro Mennea con 10”03: "Che sorpresa!

Filippo Tortu:

Sono contento al 110 %. Il tempo mi ha sorpreso soprattutto in batteria. Lentamente ho preso coscienza dei miei mezzi e mi sono rilassato. Non ho pensato al record ma solo a correre al meglio delle mie possibilità. Tra la batteria e la finale sono stato tranquillo insieme ai miei amici e a mio fratello. Ho capito subito dopo i primi metri che sarebbe stata una grande giornata. Più la sfida è difficile, più sono stimolato. Ringrazio l’organizzatore Marco Mura per l’ottimo lavoro nell’allestire questo meeting. Io senza Marcel e lui senza di me non avremmo mai potuto realizzare questi tempi. Sono sicuro che al Golden Gala potremo miglioraci ancora. Possiamo lavorare per costruire una buona staffetta per gli Europei di Berlino. Non credo che ci sia un record italiano in altura e uno sul livello del mare. Penso che ci sia solo un record e questo appartiene al grande Pietro Mennea. Mi chiedete se diventerò il prossimo bianco sotto i 10 secondi. Adesso pensiamo solo ad andare forte, il resto verrà da sé. Il vero obiettivo è correre 100 e 200 metri e staffetta 4x100 agli Europei di Berlino

Tortu ha definito i suoi programmi agonistici dopo il Golden Gala. Correrà a Madrid sui 100 metri, a Mannheim sui 200 metri e la staffetta ai Giochi del Mediterraneo in Giugno. Dopo alcune settimane di allenamento correrà i 200 metri al meeting della Diamond League a Montecarlo, dove ritroverà l’amico Noah Lyles, che vinse l’oro sui 100 metri davanti all’azzurro ai Mondiali Under 20 di Bydgoszcz nel 2016.

Marcel Jacobs:

Un po’ brucia. C’era una sfida e l’ho persa. Spero di rifarmi a Roma. Ho pensato al tempo invece che a correre bene. Se mi irrigidisco e corro in 10”08 va bene. Sono contento di avere corso il mio quarto primato personale in quattro gare. Possiamo puntare ad una medaglia con la staffetta agli Europei. Faremo un raduno a Casalmaggiore per prepararci

In evidenza anche il campione italiano in carica dei 100 metri Federico Cattaneo, che ha vinto la finale B con il suo secondo tempo di sempre di 10”33. Il non ancora diciottenne Lorenzo Paissan è entrato nella top ten italiana under 20 con 10”46. Alessandro Piubeni ha corso in 10”34 ventoso nella batteria vinta da Jacobs.

Luminosa Bogliolo illumina Savona

Il magico pomeriggio di Savona ha regalato altre straordinarie perle come il 12”99 della portacolori del Cus Genova Luminosa Bogliolo, che ha “illuminato” la pista di Savona salendo al quinto posto delle liste italiane all-time dei 100 ostacoli femminili alle spalle di Veronica Borsi, Marzia Caravelli, Carla Tuzzi e Micol Cattaneo. Erano quattro anni che un’ostacolista italiana non scendeva sotto i 13 secondi. La ligure ha abbattuto di tre decimi il record personale stabilito a Rieti il 12 Maggio scorso. Angelika Wegierska si è classificata seconda migliorando il personale di 28 centesimi di secondo con 13”30.

Luminosa Bogliolo:

Vivo ad Alassio non lontano da Savona, ma non mi ero mai migliorata su questa pista. Due anni fa mi allenavo una volta alla settimana. Non avrei mai detto che sarei riuscita un giorno a scendere sotto i 13 secondi. Ho fatto il minimo per Berlino. Con il tedesco non va benissimo ma mi farò capire

La ventiduenne studentessa in veterinaria di Alassio iniziò a praticare atletica sotto la guida del compianto allenatore ligure Pietro Astengo, che guidò Emanuele Abate alla semifinale olimpica a Londra 2012 e al record italiano sui 110 ostacoli. Ora Luminosa è seguita da Ezio Madonia, uno dei migliori velocisti italiani degli anni 90.

Il due volte campione italiano Eseosa Fausto Desalu si è imposto sui 200 metri in 20”52 per due centesimi di secondo su Davide Manenti, mentre un ritrovato Andrew Howe si è classificato terzo in 20”74 precedendo l’italo-inglese Antonio Infantino (20”86). Diego Marani si è imposto nella seconda serie con 20”85 precedendo il campione europeo under 20 Vladimir Aceti, che ha migliorato il suo personale con 21”10.

Sui 110 ostacoli il vice campione europeo under 20 di Rieti 2013 Lorenzo Perini ha migliorato il primato personale con 13”60 battendo il campione italiano indoor Hassane Fofana (13”68) e Ivan Mach Di Palmstein (primato personale con 13”87).

Kevin Ojaku ha vinto il salto in lungo con la buona misura di 7.94m, record del meeting e terza miglior misura della sua carriera. Antonmarco Musso e il vicecampione europeo under 23 Filippo Randazzo si sono classifcati secondo e terzo con la stessa misura di 7.71m.

Il reatino Sebastiano Bianchetti ha migliorato il personale stagionale del getto del peso maschile con 19.49m strappando il record del meeting al suo allenatore Paolo Dal Soglio. Il vincitore della medaglia di bronzo degli Europei Under 23 dell’anno scorso era appena tornato dal lungo viaggio intercontinentale da Osaka dove Domenica si è classificato terzo nella tappa giapponese del World Challenge IAAF con 19.20.

La semifinalista degli ultimi Mondiali Indoor di Birmingham Anna Bongiorni si è imposta sui 100 metri femminili in 11”44, seconda migliore prestazione in carriera. La figlia d’arte del primatista italiano della staffetta 4x400 Giovanni Bongiorni si è meritata il titolo di “Dottoressa più veloce d’Italia” per aver coniugato con successo l’atletica di alto livello con gli studi universitari in medicina. Johanelis Herrera ha migliorato il personale in batteria con 11”58 prima di correre la finale con 11”68. La stessa Herrera ha vinto i 200 metri stabilendo il record del meeting con 23”70.

La campionessa italiana indoor Raphaela Lukudo si è imposta sui 400 metri realizzando la seconda migliore prestazione della sua carriera con 52”82. Rebecca Borga ha corso la prima gara con la maglia delle Fiamme Gialle classificandosi seconda con 53”67. Il piemontese Michele Tricca si è imposto sui 400 metri in 46”42 (miglior tempo personale degli ultimi quattro anni) davanti al bronzo iridato degli 800 metri Amel Tuka, bosniaco d’Italia allenato dal coach veronese Gianni Ghidini.

Il finalista iridato di Mosca 2013 Fabrizio Schembri si è aggiudicato il salto triplo maschile con 16.42m precedendo Tobia Bocchi, che ha realizzato la terza miglior misura della sua carriera con 16.28m. Giordano Benedetti ha aperto la stagione vincendo gli 800 metri in 1’47”97 vincendo un bel testa a testa con il bosniaco Abedin Mujezinovic per un solo centesimo di secondo.

Il romeno Alexandru Novak ha superato gli 80 metri nel giavellotto con 80.17m precedendo Roberto Bertolini (77.79m). Zahra Bani ha conquistato il successo nel giavellotto femminile con la misura di 55.28m. Il meeting di Savona ha ricordato la figura del compianto Giulio Ottolia, appassionato allenatore ligure, che scoprì il talento di Ezio Madonia. Lo scoppiettante pomeriggio baciato da uno splendido sole estivo è stato un susseguirsi di gare emozionanti ottimamente organizzate sotto la regia dell’appassionato Marco Mura, che ha allestito un cast ricco di sfide degne di un campionato italiano.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.