Giro d'Italia, la crono a Dennis! Dumoulin recupera, ma Yates non molla

L'australiano batte tutti con una grande prova. Terzo Dumoulin, che accorcia il vantaggio sulla Maglia Rosa: ora è di 56''. Bene Pozzovivo, sempre più terzo. Crolla Pinot.

Giro d'Italia, a Dennis la crono

64 condivisioni 0 commenti

di

Share

Rohan Dennis festeggia a Rovereto. La seconda e ultima cronometro del Giro d'Italia partita da Trento (34,2 km), la vince il forte corridore australiano della BMC. Battuti Martin e Dumoulin, rispettivamente secondo e terzo. L'olandese, che paga 22'', recupera tanto sulla Maglia Rosa Simon Yates: ora il suo vantaggio è di 56''.

Il giorno della verità ci ha detto che Dennis rimane un fenomeno a crono, che Dumoulin ha sì recuperato, ma la Maglia Rosa di Yates dista ancora meno di un minuto. Con i denti, il britannico, ha difeso la prima posizione. Ok Froome e Pozzovivo, orgoglio Aru: sesto a 37''.

Adesso, in questa ultima settimana di Giro d’Italia, ci sono solo montagne. Domani tappa movimentata che non dovrebbe sconvolgere le prime posizioni. Poi giovedì arrivo a Prato Nevoso, venerdì a Bardonecchia con la scalata al Colle delle Finestre, sabato si taglia il traguardo a Cervinia. Le Alpi, come sempre, decideranno tutto

Giro d’Italia, sfida contro il tempo Trento-Rovereto

Rohan Dennis batte Tony Martin, è grande sfida nell’ultima cronometro del Giro d’Italia del 2018. La corsa, con i big che partono in ordine di classifica, è tutta nel finale. Fabio Aru, ormai fuori classifica, tira fuori l’orgoglio e una grande prestazione. Poi Froome, Pinot, Pozzovivo, Dumoulin e il leader Yates. Questi ultimi due si giocano tutto in questi 34 chilometri. L’olandesone, Campione del Mondo a crono, vuole recuperare per giocarsi la Maglia Rosa sul britannico. L’attenzione è tutta qui.

Eppure il vincitore del Giro del 2017, al primo intermedio, delude: 4° a 17’’ da Dennis. Addirittura Aru ha fatto meglio di lui di 5’’. E infatti quando arriva anche la Maglia Rosa al primo rilevamento cronometrico, l’orologio indica che sta recuperando “solo” 21’’.

Yates non molla

Pinot, uno forte a crono, delude. E così Pozzovivo, autore di una grande prova, consolida la sua terza posizione rispetto al francese. Dumoulin è terzo sul traguardo: paga 22''. Ne recupera 1'18'' su Yates, ma non bastano per vestirsi di rosa. Sono 56 i secondi che Simon ha di vantaggio. Ha dimostrato di sapersi difendere contro il tempo e di saper attaccare in montagna. Da giovedì si salirà ancora. Il Giro d'Italia è un po' più aperto, ma ha sempre un solo padrone.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.