Calciomercato, Mourinho pronto a rivoluzionare il Manchester United

Conclusa una stagione senza trofei, Mourinho rivoluzionerà la squadra con almeno 5 innesti: fari puntati su Bale e Alderweireld, Pogba potrebbe salutare.

1k condivisioni 1 commento

di

Share

A Manchester, sponda United, il cielo non potrebbe essere più grigio di quanto non sia in questi giorni: mentre i cugini del City festeggiano la vittoria della Premier League con l'aggiunta di numerosi record e guardano con fiducia al ciclo che Guardiola intende inaugurare e alla prossima Champions League, i Red Devils si leccano le ferite dopo aver fallito anche l'ultimo appuntamento utile per salvare una stagione conclusa con zero titoli.

La sconfitta nella finale di FA Cup contro il Chelsea di Antonio Conte ha gettato nello sconforto tanto i tifosi quanto il manager José Mourinho e la dirigenza: alzare il trofeo più antico al mondo avrebbe decisamente cambiato il giudizio su un'annata che adesso può essere definita estremamente negativa per il Manchester United, soprattutto considerando quanto è stato realizzato nell'altra metà calcistica della città.

Il secondo posto finale in Premier League non può consolare, dato che per tutto l'arco del campionato gli uomini di Mourinho - che ha chiesto e ottenuto rinforzi molto importanti - non sono mai sembrati in grado di reggere il ritmo strepitoso della banda di Guardiola. Insediatosi all'Old Trafford due anni fa, per adesso il tecnico portoghese non rischia il posto, ma è chiaro che la dirigenza non tollererà un'altra stagione come quella appena conclusa. Ecco dunque che il Manchester United sarà rivoluzionato, subendo una vera e propria opera di restyling nel prossimo calciomercato.

José Mourinho durante la finale di FA Cup 2018Getty Images

Calciomercato, Mourinho pronto a rivoluzionare lo United

Almeno 250 milioni di sterline, quasi 300 milioni di euro. A tanto arriverà il valore complessivo degli acquisti con cui José Mourinho intende rilanciare il suo Manchester United, non potendo accettare il dominio dei cugini del City allenato dall'eterno rivale Guardiola in Premier e più in generale di concludere un'altra stagione senza vittorie importanti. Il portoghese del resto si considera un vincente e vuole continuare ad esserlo, consapevole che il suo famoso tormentone "zero tituli" potrebbe finire per rivoltarsi contro di lui in caso di nuovo fallimento.

Naturale che i soldi necessari per concludere certe operazioni in entrata non saranno immessi completamente dalla dirigenza, ma arriveranno anche tramite delle operazioni sul calciomercato in uscita: sono pronti a lasciare l'Old Trafford Luke Shaw, pagato 40 milioni nell'estate 2014, e Matteo Darmian, altro terzino che Mourinho non ha mai considerato un titolare. L'italiano, dopo una convincente prima stagione nel 2015/2016, è finito sempre più ai margini del progetto, così come Anthony Martial, che di occasioni ne ha avute pure ma ha sempre fallito nel lasciare il segno.

Sicuri partenti anche Daley Blind e Marouane Fellaini, con quest'ultimo che se ne andrà a parametro zero non avendo trovato un accordo per il rinnovo con il contratto in scadenza a giugno: difficilmente sarà rimpianto, soprattutto da Mourinho, che ha voluto nello scorso calciomercato Paul Pogba dalla Juventus proprio per schierarlo al suo posto. A proposito di quest'ultimo, pagato oltre 100 milioni di euro, ci sono da registrare le recenti voci che lo vorrebbero in partenza dopo una sola stagione dal suo ritorno all'Old Trafford: la situazione non è chiara, ma è certo che la sua cessione permetterebbe al club di operare con molta più scioltezza nel mercato in entrata.

Paul PogbaGetty Images

Quest'ultimo sarà composto da almeno cinque colpi di spessore, che nei piani della dirigenza dovrebbero rivoluzionare la squadra e annullare - o comunque diminuire sensibilmente - il gap con il Manchester City. Ai cugini sarà conteso proprio Jorginho del Napoli, il regista che i Red Devils non hanno e che metterebbe ordine a una manovra mai convincente in quest'ultima stagione, mentre Mourinho vorrebbe puntellare la difesa con gli innesti di Toby Alderweireld del Tottenham e soprattutto Alex Sandro della Juventus, oggetto del desiderio già un anno fa e adesso tornato ad essere un obiettivo concreto.

Non finisce qui: a centrocampo si parla di Fred dello Shahktar Donetsk e dell'ivoriano Jean Seri del Nizza, ma il colpo grosso sarebbe quello relativo a Gareth Bale, finito in fondo alle gerarchie offensive di Zidane al Real Madrid e ansioso di cambiare aria. Quella per il gallese non sarà una trattativa facile, ma Mourinho e la dirigenza sono convinti che si tratterebbe del nome giusto per spostare gli equilibri e faranno tutto il possibile per riportarlo in Premier League.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.