WWE Raw in Italia, Ronda Rousey show: entrata con la maglia della Juve

Al Pala Alpitour di Torino la tappa italiana del tour europeo della World Wrestling Entertainment. È il debutto nel nostro Paese per l'ex campionessa UFC.

2k condivisioni 2 commenti

di

Share

Il tour europeo della WWE prosegue e arriva a far tappa in Italia, nel Pala Alpitour di Torino, con il roster di Raw impegnato a dare spettacolo. Tutti i titoli in palio a parte quello Universale di Brock Lesnar (assente), anche se in questi live event non televisivi è molto difficile che ci siano dei cambi di cintura.

Lo show del wrestling è comunque assicurato, così come la presenza di Ronda Rousey (per la prima volta in Italia sotto la veste di wrestler), vera e propria attrazione principale della serata.

I posti nell’arena sono quasi interamente esauriti e il pubblico italiano accompagna molto attivamente ogni incontro, lasciandosi andare sia a cori tipicamente americani che ad alcuni nostrani (come il classico “scemo, scemo” nei confronti del cattivo di turno). Non ci resta che partire con il racconto della serata come sempre qui su FOXSports.

WWE Raw in Italia

Il match inaugurale è un Triple Threat Match con in palio i titoli di coppia di Raw, detenuti da Woken Matt Hardy e Bray Wyatt. Di fronte a loro due Tag Team, quello come sempre tifatissimo in Italia composto da Heath Slater e Rhyno (con tanto di cori per la defunta ECW) e l’altro, con Bo Dallas e Curtis Axel.

A vincere sono i campioni, che vanno a chiudere dopo la Sister Abigail potenziata di Bray Wyatt e Matt Hardy sul malcapitato Heath Slater.

Mustafa Ali vs Cedric Alexander (C)

Passiamo poi all’incontro con in palio il titolo dei Cruiserweight, quello all’insegna del fair play tra il campione Cedric Alexander e lo sfidante Mustafa Ali. A livello tecnico e spettacolare è un match fantastico, tanto da spingere il pubblico a cantare più volte “this is awesome”, in pieno stile americano.

Alla fine a vincere è il campione in carica, grazie al suo LumbarCheck.

Zack Ryder e Chad Gable vs Goldust e Mojo Rawley

Altro match di coppia in programma, stavolta con Tag Team inediti, formati da Zack Ryder e Chad Gable da una parte, Goldust e Mojo Rawley (nei panni degli Heel) dall'altra. La vittoria se la prendono i Face, grazie allo schienamento di Chad Gable su Goldust dopo un Suplex.

Baron Corbin vs Finn Balor

È il momento del single match tra Baron Corbin e il tifatissimo Finn Balor, attaccato però ancor prima dell'inizio dell'incontro dal Lone Wolf, che lo sorprende appena terminato il suo ingresso. Con il passare dei minuti però The Demon King riesce a riprendere il sopravvento, per poi andare a chiudere con il suo Coup de Grace.

Bayley vs Sasha Banks vs Alexa Bliss vs Nia Jax (C)

Ora tocca al Fatal 4-Way Match femminile con in palio la Raw Women Championship. Nia Jax deve difendersi dall'attacco di Sasha Banks, Bayley e Alexa Bliss, che tenta di coinvolgere le altre due sfidanti ad allearsi contro la campionessa. Niente da fare, le due "amiche-nemiche" bluffano e la lasciano sola sul ring con Nia. Nel corso del match c'è spazio per qualche classica incomprensione tra Bayley e Sasha, prima che Nia vada a chiudere il discorso con un Samoan Drop su Alexa.

Jinder Mahal (con Sunil Singh) vs Seth Rollins (C)

Altro titolo in palio, è l'Intercontinental  Championship detenuta da Seth Rollins, che riesce a rendere appassionante anche il match con Jinder Mahal (accompagnato come al solito da Sunil Singh). Nonostante le continue interferenze del manager dell'indiano, The Architect non ha problemi a conservare la cintura e prendersi il conteggio di tre dopo il Curb Stomp.

Il concerto di Elias

Fantastica prestazione al microfono e alla chitarra per Elias, che fa il suo concerto e duetta in italiano con il pubblico, dando sfoggio delle sue indiscutibili qualità da vero artista. Elias suona The White Stripes dei Seven Nation Army (inutile dire che tutta l'arena lo accompagni con il classico "po-po-po"), poi viene interrotto da Bobby Roode e inizia a cantare insieme a lui Sweet Child O'Mine dei Guns N' Roses. Davvero uno spettacolo (un po' meno lo è la prestazione canora di Glorious), che poi viene attaccato alle spalle dal chitarrista. Non è un vero e proprio match (non c'è nemmeno l'arbitro), ma si conclude dopo la Glorious DDT che lascia a terra Elias.

Ruby Riott, Mandy Rose e Mickie James vs Ronda Rousey, Ember Moon e Natalya

Il momento più atteso, quello del debutto in Italia di Ronda Rousey. L'ex campionessa UFC fa il suo ingresso con la maglia della Juventus addosso, la numero 10, personalizzata con la scritta Rousey. Una scelta che divide il pubblico tra applausi (degli juventini) e fischi (di tutte le altre tifoserie), ma che viene presto dimenticata con l'inizio dell'incontro. Questo viene vinto ovviamente dalla fazione di Ronda, che va a chiudere l'incontro sottomettendo Mickie James con l'Armbar.

Sami Zayn, Kevin Owens e Samoa Joe vs Bobby Lashley, Braun Strowman e Roman Reigns

Ultimo incontro della serata, il main event. Un 6-Man Tag Team Match tra i tre "cattivi", Sami Zayn, Kevin Owens e Samoa Joe, di fronte ai buoni, cioè Bobby Lashley, Braun Strowman e Roman Reigns (inizialmente fischiatissimo, poi applaudito). La sfida viene vinta proprio dagli ultimi tre, grazie alla Spear decisiva del Big Dog su Kevin Owens. 

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.