Southgate e il 3-4-3: come potrebbe giocare l'Inghilterra ai Mondiali

Difesa con Walker nei 3, centrocampo molto Spurs e il doppio centravanti, Kane-Vardy. Analisi delle idee tattiche di Southgate alla luce delle convocazioni dei 23 per i Mondiali.

637 condivisioni 0 commenti

di

Share

Gareth Southgate, allenatore dell'Inghilterra, non ha voluto creare false aspettative né crearsi problemi scegliendo di fare preconvocazioni extra-large come molti suoi colleghi delle nazionali che saranno presenti ai Mondiali di Russia 2018.

Prima del dovuto ha già consegnato la lista definitiva dei suoi 23 uomini, lasciando i tabloid inglesi non troppi sorpresi per la non convocazione di Joe Hart, ormai in fase calante come anche noi abbiamo potuto vedere nell'anno al Torino, e Wilshere, ancora troppo discontinuo.

Analizzando bene la lista però salta agli occhi il numero esagerato di laterali convocati e soprattutto la scelta di partire da alcuni uomini fondamentali del Tottenham nei ruoli cardine della squadra. Andando in profondità, ecco come potrebbe essere schierata e giocare l'Inghilterra ai Mondiali.

Southgate segue Conte: l'idea è giocare ai Mondiali con il 3-4-3

Una partita indicativa dell'idea di come Southgate vorrà schierare la sua squadra è l'ultima amichevole con l'Italia. Dopo aver provato poche volte nelle qualificazioni la difesa a tre, con l'Italia questo sistema ha dato ottime risposte. Walker ha giocato molto bene su Insigne e Stones al centro poteva muovere la manovra come Guardiola gli ha insegnato al Manchester City, venendo perfettamente coperto dai due compagni di difesa e dal mediano centrale, Dier. Il trio Walker, Stones, Cahill è molto probabilmente l'idea iniziale di Southgate.

Per avere questo tipo di difesa, secondo l'idea contiana del 3-4-3 che l'allenatore dell'Inghilterra ammira e vuole riproporre, le fasce devono essere coperte da uomini capaci di giocare lungo tutto l'out e che sappiano lavorare con il timing giusto in difesa e buona competenza offensiva. Da questo punto di vista le scelte potevano essere tante ed è per questo che Southgate ha portato con sé molti esterni anche con caratteristiche diverse, così da avere svariate opzioni e possibilità di cambio per giocatori che in quel ruolo spenderanno molto.

La scelta iniziale potrebbe essere quella di schierare Trippier a destra e magari Delph a sinistra, anche se Alexander-Arnold, dopo una stagione sorprendente, o un giocatore esperto come Ashley Young possono essere provati fin da subito come titolari.

Centrocampo made in Tottenham nella speranza che Alli diventi un top player

A centrocampo Southgate non ama le sorprese e si affida, schierandoli in verticale, ai due del Tottenham, Dier come mediano capace anche di schiacciarsi per far diventare la difesa a quattro e Dele Alli come mezzala centrale per sfruttare le sue capacità di inserimento.

A favore di Alli c'è anche l'intesa con il centravanti della squadra di Pochettino e titolare dell'Inghilterra, Harry Kane. Per Dele Alli saranno i Mondiali del bivio: è un giocatore perfetto in alcuni contesti e con determinati compagni di squadra oppure un trascinatore di personalità? A giocare insieme ai due Spurs avrebbe dovuto esserci Oxlade-Chamberlain, che però in Champions League contro la Roma si è procurato la rottura del legamento crociato del ginocchio desto.

Vardy-Kane: avere equilibrio con il doppio centravanti è l'ago della bilancia in attacco  

L'idea iniziale di Southgate è di far giocare in attacco un esterno come Rashford, il quale entra molto in mezzo al campo insieme a due centravanti, Kane e Vardy, con quest'ultimo che dovrà per forza di cose svariare molto di più e attrarre le difese per lasciare spazi liberi a Kane.

L'idea del doppio centravanti con Kane e Vardy è possibile ma per gli uomini convocati è evidente come l'allenatore inglese si voglia tenere accesa una seconda possibilità, ovvero quella di rinforzare il centrocampo, facendo giocare vicino a Dier anche Henderson, o Delph con Young in fascia, e spostare Alli fra le linee oppure schierare un tridente, con Kane centrale e Rashford e Sterling ai lati.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.