Giro d'Italia, ancora Yates! La Maglia Rosa vince sulle terre di Scarponi

Il britannico stacca tutti sugli strappi finali e trionfa per la seconda volta in questo Giro. Dumoulin secondo, perdono ancora Aru e Froome.

Giro d'Italia, vince Yates ad Osimo Getty Images

55 condivisioni 0 commenti

di

Share

Ad Osimo trionfa la Maglia Rosa Simon Yates in ricordo di Michele Scarponi. È lui il più forte, è in uno stato di forma impressionante. Secondo trionfo in questo Giro d’Italia che sta dominando. Secondo Dumoulin che ha provato a tenere testa al britannico, ma sullo strappo finale ha pagato qualcosa. Terzo Formolo, decimo Aru. Il sardo paga 22''. Chi sprofonda ancora è Froome: ritardo di 40''.

Una Maglia Rosa che gioca sempre all'attacco. Ora il suo vantaggio, calcolando anche i 10'' di abbuono, aumenta. Dumoulin è a 47'', Aru a 3'10'', Froome addirittura a 3'20''. Le grandi montagne devono ancora arrivare.

Ora due tappe del Giro d'Italia che mettono in pole i velocisti. Un po' di riposo dopo una settimana molto faticosa. E non è finita: sabato c'è lo Zoncolan, domenica l'arrivo a Sappada. Nel fine settimana la Classifica Generale subirà un forte scossone.

Giro d’Italia, la tappa 11 per ricordare Michele Scarponi

Media subito alta in gara. La tappa più lunga del Giro d’Italia corsa ieri sembra non aver pesato nelle gambe dei corridori. In cinque vanno in fuga: Turrin, De Marchi, Maestri, Sanchez e Masnada. Ma il gruppo Maglia Rosa non lascia tanto spazio: vantaggio sempre tra i 2 e i 3 minuti. Al traguardo volante dopo il muro di Filottrano passa per primo Luis Leon Sanchez, compagno e amico di Michele Scarponi. È una delle migliori immagini che il ciclismo possa regale tra tanti striscioni e scritte per “Scarpa”.

Allo scollinamento rimangono in tre: Sanchez, Masnada e De Marchi. Il gruppo ai -20 km è ad un minuto e mezzo.

Strappi e Osimo

Il muro di Villa è un altro strappo che fa male. Ma i tre davanti insistono forte fino ai 5 chilometri dall'arrivo. Poi il gruppo li risucchia a tutta velocità. Sul pavè scattano Stybar e Wellens. Una coppia micidiale su questi tipi di percorsi. Dietro però parte la Maglia Rosa Yates, Pozzovivo subito dietro. Froome in difficoltà. Yates non lo riprende più nessuno. Questo ragazzo è un fenomeno, ma soprattutto è in una forma incredibile. Secondo successo in questo Giro dopo aver trionfato sul Gran Sasso.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.