Atletica, Tortu e Lambrughi volano sulla pista di Rieti

Tortu ha aperto la sua stagione outdoor con un 10”16 sulla pista dello Stadio Raul Guidobaldi di Rieti. L’ostacolista lombardo Lambrughi ha stupito con un 48”99 sui 400 m ostacoli. Entrambi hanno staccato il biglietto per i prossimi Europei di Berlino.

Tortu Getty Images

49 condivisioni 0 commenti

di

Share

C’era grande attesa per il debutto del campione europeo under 20 Filippo Tortu, che ha sfiorato di un solo centesimo di secondo il record italiano juniores da lui stesso stabilito a Savona lo scorso anno fermando il cronometro in 10”16. Lo sprinter brianzolo cresciuto nell’Atletica Riccardi Milano ma attualmente in forza alle Fiamme Gialle ha ottenuto il minimo per gli Europei di Berlino fissato a 10”20. Lo scorso anno lo sprinter allenato dal padre Salvino Tortu vinse il titolo europeo under 20 sui 100 metri e l’argento nella staffetta 4x100 agli Europei di Grosseto e raggiunse la semifinale sui 200 metri ai Mondiali di Londra. Era dai Mondiali londinesi che non correva in pista all’aperto. Nella stagione indoor ha corso i 60 metri in 6”62 a Berlino nell’unica gara al coperto.

Filippo Tortu:

Sono relativamente soddisfatto. Ho avuto delle sensazioni diverse dal solito, forse perché si trattava dell’esordio. Ho sentito molto bene la parte tra i 20 e i 30 metri dove di solito sono più carente e forse l’ho pagata negli ultimi 10-15 metri. Non vedo l’ora di poter riprovare a battere il personale nelle prossime gare di Savona e Roma. Non c’è rivalità con Marcel Jacobs perché siamo amici. Non mancherà la concorrenza in vista degli Europei ma la stagione è lunga e c’è tempo

Tortu tornerà a gareggiare proprio sulla pista amica di Savona il prossimo 23 Maggio dove è annunciato anche il capofila italiano stagionale Marcel Jacobs, che ha battuto il record personale con 10”12 settimana scorsa a Campi Bisenzio. Tortu e Jacobs saranno tra i protagonisti dei 100 metri del prossimo Golden Gala Pietro Mennea in una gara stellare che vedrà al via il primatista e campione del mondo dei 60 metri Christian Coleman, gli altri due medagliati dei Mondiali Indoor di Birmingham Su Bingtian e Ronnie Baker, il campione del mondo dei 200 metri Ramil Gulyev e il primatista europeo dei 100 metri Jimmy Vicaut. Nell’edizione del Golden Gala dell’anno scorso Tortu realizzò il quarto miglior tempo italiano all-time sui 200 metri con un eccellente 20”34.

Avrò la fortuna di confrontarmi con atleti di livello mondiale. Gareggiare allo Stadio Olimpico di Roma è un sogno. Inseguire Coleman sarà dura. Lui è un fenomeno. Voglio provare a stargli vicino. Mio padre, mia madre, mio fratello e le mie nonne saranno tutti in tribuna al Golden Gala. Sono orgoglioso della mia famiglia. Studio Economia all’Università a Roma e ho superato il primo esame con un bel 27 in economia aziendale. Mi alleno in un bel gruppo che comprende mio fratello Giacomo, il campione italiano under 20 indoor dei 200 metri Mattia Donola e la capitana della Bracco Atletica Marta Maffioletti. Intanto coltivo la mia passione per la Juventus che ho seguito dal vivo all’Olimpico per il match contro la Roma. L’altra mia passione è la commedia all’italiana e il mio film preferito è Natale in India. Mi sono emozionato quando ho conosciuto Christian De Sica. Intanto rinnovo a tutti gli appassionati l’appuntamento per il Golden Gala. Non prendere appuntamenti per il 31 Maggio. Abbiamo bisogno del tifo di tutti per avere una spinta in più

Mario Lambrughi è entrato nell’élite dei 400 ostacoli fermando il cronometro in 48”99, prestazione che fa ben sperare in vista dei prossimi Campionati Europei di Berlino. Soltanto Fabrizio Mori, Laurent Ottoz e Gianni Carabelli hanno corso più velocemente di Lambrughi nella storia della specialità in Italia. L’atleta allenato da Simone Vimercati ha realizzato il quarto miglior tempo italiano di sempre e la migliore prestazione europea dell’anno. Erano 13 anni che un ostacolista italiano non si esprimeva al di sotto dei 49 secondi. L’ultimo a riuscirci era stato un altro lombardo Gianni Carabelli, che fermò il cronometro in 48”84 al Golden Gala di Roma del 5 Luglio 2005. Alle spalle di Lambrughi il ventitreenne Mattia Contini si è migliorato di 32 centesimi di secondo con un eccellente 49”62 precedendo José Reynaldo Bencosme, che è sceso abbondantemente sotto i 50 secondi con 49”71.

Mario Lambrughi:

Ancora non ci credo. Sapevo di stare bene dopo aver corso i 300 ostacoli in 35”51 a Formia ma non mi aspettavo di scendere sotto i 50 secondi ma a Rieti tutto è possibile. Ho baciato il crono perché è quello che faccio quando esce una buona gara. Credo che non realizzerò subito quello che ho fatto, ci metterò un po’ ad elaborarlo, speriamo di abbassare questo tempo perché all’ultimo ostacolo sono quasi caduto. Incrociamo le dita ma ci sono buoni presupposti per fare bene a Berlino

L’ex campione mondiale juniores dei 200 metri e del salto in lungo Andrew Howe è tornato ad esprimersi su ottimi livelli nella velocità correndo in 20”73 sulla pista di casa. Era dal 20”58 ottenuto ai Campionati Italiani Assoluti di Torino del 2011 che il trentatreenne reatino non correva così velocemente. Il semifinalista dei mondiali di Londra sui 400 metri Davide Re ha migliorato il personale sui 200 metri con 20”99. La romana Maria Benedicta Chigbolu ha preceduto la semifinalista dei Mondiali Indoor sui 60 metri Anna Bongiorni di un centesimo di secondo sui 200 metri con 23”78. Bongiorni ha vinto i 100 metri in 11”58.

Andrew Howe:

Tornare a correre un 200 metri così veloce è stata una bella emozione. Mi piace questa gara e questo è un punto d’inizio. La strada è quella giusta. Tornerò a gareggiare nel salto in lungo. Se corro veloce, posso saltare lontano

Nelle gare valevoli per le fasi regionali dei Campionati di società allievi la sprinter romana Chiara Gherardi ha corso i 100 metri in 11”82 e i 200 metri in 24”22. Il sedicenne talento romano Lorenzo Benati ha polverizzato il record personale sui 200 metri con 21”62. La ventiduenne ostacolista ligure Luminosa Bogliolo ha migliorato il suo personale di 15 centesimi di secondo sui 100 ostacoli con un ottimo 13”29 con vento contrario di -0.8 m/s in una gara di contorno dei Campionati di Società allievi sulla pista di Rieti. Con questa prestazione Bogliolo è salita all’undicesimo posto delle liste italiane di sempre. La semifinalista degli ultimi Europei Under 23 di Bydgoszcz iniziò la sua carriera con il compianto tecnico ligure Pietro Astengo (primo coach del primatista italiano Emanuele Abate).

Ora è seguita dall’ex sprinter Ezio Madonia. Sempre in tema di ostacoli si è messa in evidenza la quindicenne Veronica Besana, che ha stabilito la seconda migliore prestazione italiana all-time under 18 con 13”54 sulla pista di Mariano Comense durante i Campionati Italiani di società allievi. Meglio di Besana ha fatto soltanto la campionessa europea under 18 Desola Oki con 13”30 nel 2016. Larissa Iapichino (figlia d’arte di Fiona May e Gianni Iapichino) ha corso i 100 ostacoli in 13”80 con vento a favore di +2.3 m/s ad Arezzo. Nei Campionati di società allievi la sarda Dalia Kaddari ha realizzato il secondo crono italiano all-time under 18 sui 100 metri con 11”65 a Sassari. Solo Erica Marchetti corse più velocemente in questa categoria con 11”44 nel 1997.

Libania Grenot sale al primo posto delle liste europee dell’anno sui 400 metri

La “panterita” Libania Grenot è tornata a graffiare sulla pista di Clermot in Florida, dove è scesa per la prima volta in questa stagione sotto i 52 secondi sui 400 metri con 51”93. La due volte campionessa europea dei 400 metri ha migliorato di 61 centesimi di secondo il suo personale stagionale stabilito sempre sulla pista statunitense con 52”54. L’azzurra di origini cubane, finalista alle ultime Olimpiadi di Rio nei 400 metri e nella staffetta 4x400, è salita al primo posto delle liste europee dell’anno. La giamaicana Chrisann Gordon è stata l’unica a far meglio dell’azzurra correndo in 51”21.

Il due volte campione mondiale dei 100 e dei 200 metri di Osaka 2007 Tyson Gay è tornato alle gare classificandosi secondo sui 100 metri in 10”11 ad un centesimo di secondo dal canadese Gavin Smellie. La statunitense Dezerea Bryant si è imposta sui 100 metri in 11”16. Kyle Greaux ha fatto registrare un ottimo 20”08 sui 200 metri precedendo Alonzo Edward (20”23). Il britannico Matthew Hudson Smith si è messo in luce vincendo i 400 metri in un ottimo 44”70 precedendo Josephus Lyles (45”09).

Baie Mahault: Franklin batte la migliore prestazione mondiale dell’anno del triplo femminile

La quattordicesima edizione del meeting di Baie Mahault in Guadalupa ha fatto registrare la migliore prestazione mondiale dell’anno e il record statunitense di Tori Flanklin nel salto triplo con 14.84m, 13 cm meglio rispetto al precedente primato di Keturah Orji stabilito alle Olimpiadi di Rio. Ottimo livello anche nel salto triplo maschile dove il brasiliano Almir Dos Santos ha battuto il record personale con 17.53m precedendo il campione mondiale indoor Will Claye (17.40m) e il leader mondiale stagionale Pedro Pablo Pichardo (17.40m).

La campionessa olimpica dei 200 metri di Londra 2012 Allyson Felix ha aperto la sua stagione vincendo i 100 metri in 11”30. Il vice campione mondiale indoor Jarret Eaton e la campionessa mondiale dei 400 ostacoli Kori Carter hanno vinto i 110 ostacoli e i 100 ostacoli rispettivamente in 13”57 e in 13”04. TJ Holmes ha battuto l’ex campione del mondo Bershawn Jackson nei 400 ostacoli di sette centesimi in 49”25. Shakima Wimbley si è aggiudicata i 400 metri femminili in 50”64. Vittoria al photo finish per Mike Rodgers in 10”14 davanti a Bryce Robinson sui 100 metri.

La bieloruusa Elvira Herman (campionessa mondiale under 20 in carica) ha stabilito la migliore prestazione europea dell’anno sui 100 ostacoli con 12”73 al meeting di Montgeron non lontano da Parigi. La vice campionessa olimpica degli 800 metri Francine Nyonsaba si è imposta in 2’01”97.

Lancio super di Carmelo Musci: record italiano under 18 e migliore prestazione mondiale dell’anno di categoria

Il sedicenne pugliese Carmelo Musci ha realizzato uno straordinario lancio da 63.53m con il disco da 1.5 kg migliorando ancora il record italiano under 18. L’atleta allenato da Gaetano D’Imperio è salito al primo posto delle liste mondiali stagionali di categoria superando il 62.89 del norvegese Fabian Weinberg. Musci punta a salire sul podio ai prossimi Campionati Europei Under 18 di Gyor, cittadina ungherese dove l’anno scorso conquistò la medaglia d’argento nel getto del peso e quella di bronzo nel lancio del disco delle Giornate Olimpiche della Gioventù Europea nel 2017.

Marco Lingua 74.67 nel martello a Castiglione della Pescaia

Il finalista mondiale del lancio del martello di Londra 2017 Marco Lingua ha incrementato la sua migliore prestazione italiana dell’anno nel lancio del martello ottenendo un buon lancio di 74.67m al quinto lancio a Castiglione della Pescaia, che ha aperto il circuito dei meeting italiani della Federazione Italiana di atletica.

Il quarantenne piemontese ha ottenuto altri due lanci oltre il minimo di qualificazione per gli Europei di Berlino raggiungendo 74.66m e 74.59m rispettivamente al terzo e al quarto tentativo. Secondo posto per l’altro azzurro Simone Falloni con 73.37m. Il campione italiano indoor 2018 e iridato under 18 di Cali 2015 Stefano Sottile ha eguagliato il record personale nel salto in alto con 2.20m prima di tentare tre prove alla quota di 2.26m.

Il due volte campione italiano indoor degli 800 metri Simone Barontini ha stabilito il record personale sul doppio giro di pista con 1’47”88 diventando il settimo di sempre nella categoria under 20. Bisogna risalire all’1’47”52 di Giordano Benedetti nel 2008 per trovare un tempo più veloce di uno junior italiano su questa distanza. La vincitrice dei 200 metri delle ultime Universiadi di Taipei Irene Siragusa si è aggiudicata i 100 metri in 11”90 con vento contrario di -1.6 m/s.

La Rosa e Console campioni italiani dei 10000 metri

Stefano La Rosa e Rosaria Console hanno conquistato per la terza volta in carriera il titolo italiano dei 10000 metri sulla pista di Ferrara. Il grossetano La Rosa si è imposto nella gara maschile in 28’36”86 precedendo il campione europeo di maratona di Zurigo 2014 Daniele Meucci (28’38”94). La Rosa si è portato al comando ad un giro e mezzo dalla fine prima di piazzare l’allungo decisivo sul rettilineo conclusivo, che gli ha permesso di battere il corregionale Meucci, mentre il terzo posto è andato allo specialista della corsa in montagna Nadir Cavagna (29’57”14). La gara femminile ha visto il successo dell’olandese Jill Holterman (che gareggiava fuori classifica) davanti a Console, che ha portato a casa il terzo titolo tricolore sulla distanza della sua lunga carriera in 34’56”52. La ventunenne veneta Rebecca Lonedo si è classificata terza ma seconda tra le italiane in 35’51”28.

Nelle gare di contorno Elena Bellò ha conquistato il successo sugli 800 metri con il record personale migliorato di quasi mezzo secondo con 2’03”48 battendo la finalista europea Yusneisy Santiusti (2’03”96). Mohad Abdikadar si è imposto nei 1500 metri migliorando il personale stagionale con 3’41”07, Prima dell’inizio delle gare si è svolta la cerimonia di intitolazione del Campo Sportivo Scolastico di Ferrara al Direttore Tecnico della nazionale italiana di atletica Giampaolo Lenzi, morto nel 2015. Durante il fine settimana la figlia Silvia Lenzi (violoncellista di fama internazionale) ha tenuto un concerto in ricordo del padre.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.