Mondiali 2018, da Low in giù: ecco gli stipendi dei commissari tecnici

Con 3,8 milioni di euro annui, il ct della Germania è quello che costa di più alla propria federazione. Aliou Cisse del Senegal, invece, è quello più economico.

876 condivisioni 0 commenti

di

Share

Che in cima alla lista dei commissari tecnici più pagati ai Mondiali 2018 ci sia lui, Joachim Low, è anche giusto. D'altronde è il campione in carica, colui che alla guida della sua Germania è riuscito a conquistare la Coppa del Mondo quattro anni fa, in Brasile, eliminando la Seleçao in semifinale con un clamoroso 7-1 e sbarazzandosi nell'epilogo del torneo anche dell'Argentina di Messi, grazie a un gol ai supplementari di Mario Gotze.

Il fatto che la federcalcio tedesca lo abbia blindato (anche se in vista della prossima stagione si parla di un forte interesse del Real Madrid), offrendogli ben 3,8 milioni di euro annui, insomma, non è quindi uno scandalo.

Certo, sono tanti soldi, soprattutto se paragonati allo stipendio del commissario tecnico meno pagato di questa Coppa del Mondo, Aliou Cisse del Senegal, che percepisce 200mila euro annui (bisognerebbe moltiplicare per 19 per raggiungere l'ingaggio del tedesco). Nel mezzo ci sono tutti gli altri ct impegnati in Russia, con soli tre (Low compreso) capaci di superare quota 3 milioni di euro: subito alle spalle del tecnico della Germania, infatti, ci sono i due a pari-merito sul secondo gradino del podio dei "paperoni" dei Mondiali 2018, cioè il francese Didier Deschamps e il brasiliano Tite, entrambi con uno stipendio di 3,4 milioni a stagione.

Mondiali 2018, Aliou Cisse del Senegal è il ct meno pagatoGetty
Aliou Cisse del Senegal è il ct meno pagato dei Mondiali 2018

Mondiali 2018, tutti gli stipendi dei ct

Sono solo altri tre i commissari tecnici a varcare la soglia dei 2 milioni di euro: prima lo spagnolo Julen Lopetegui con i suoi 2,9, poi il russo Stanislav Cherchesov con 2,5 e infine il campione d'Europa in carica con il suo Portogallo, Fernando Santos, a quota 2,2.

Sfiorano appena questo traguardo gli allenatori di Inghilterra e Iran, rispettivamente Gareth Southgate e Carlos Queiroz, entrambi fermi a 1,9.

A seguire tutto il resto della truppa, che ovviamente non annovera il nome del prossimo ct azzurro, Roberto Mancini. Lui i Mondiali 2018 se li guarderà comodamente seduto da casa. La curiosità? Nonostante l'assenza dell'Italia dalla spedizione in Russia, i 4 milioni che andrà a percepire lo metterebbero addirittura in cima a questa classifica.

  • Aliou Cisse - Senegal - 200.000 €
  • Adam Nawalka - Polonia - 270.000 €
  • Mladen Krstajic - Serbia - 300.000 €
  • Óscar Ramírez - Costa Rica - 350.000 €
  • Nabil Maaloul - Tunisia - 350.000 €
  • Hernán Gómez - Panama - 400.000 €
  • Shin Tae-Yong - Corea del Sud - 450.000 €
  • Janne Andersson - Svezia - 450.000 €
  • Gernot Rohr - Nigeria - 500.000 €
  • Zlatko Dalic - Croazia - 550.000 €
  • Heimir Hallgrimsson - Islanda - 700.000 €
  • Herve Renard - Marocco - 780.000 €
  • Vladimir Petkovic - Svizzera - 850.000 €
  • Roberto Martínez - Belgio - 925.000 €
  • Akira Nishino - Giappone - 930.000 €
  • Age Hareide - Danimarca - 930.000 €
  • Juan Carlos Osorio - Messico - 1 M€
  • Ricardo Gareca - Perú - 1,1 M€
  • Bert van Marwijk - Australia - 1,2 M€
  • Juan Antonio Pizzi - Arabia Saudita - 1,4 M€
  • José Pékerman - Colombia - 1,5 M€
  • Héctor Cúper - Egitto - 1,5 M€
  • Óscar Tabárez - Uruguay - 1,7 M€
  • Jorge Sampaoli - Argentina - 1,75 M€
  • Gareth Southgate - Inghilterra - 1,9 M€
  • Carlos Queiroz - Iran - 1,9 M€
  • Fernando Santos - Portogallo - 2,2 M€
  • Stanislav Cherchesov - Russia - 2,5 M€
  • Julen Lopetegui - Spagna - 2,9 M€
  • Tite - Brasile - 3,4 M€
  • Didier Deschamps - Francia - 3,4 M€
  • Joachim Low - Germania - 3,8 M€

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.