Lube in finale di CEV Champions League. Zenit troppo forte per Perugia

Gli uomini di Medei regolano lo Zaksa per 3-1 con ottime prove di Sokolov e Sander. Lo Zenit e Leon troppo forti per Perugia. Domani finale in diretta su Fox Sport Plus

Sokolov e Sander decisivi in semifinale. Leon schianta Perugia Getty Images

63 condivisioni 0 commenti

di

Share

Nessuna sorpresa nelle due semifinali di CEV Champions League di Kazan. Nella prima gara la Lube Civitanova vince contro lo Zaksa allenato da Andrea Gardini e nessuna speranza purtroppo per la Sir Safety Perugia nella seconda gara in cui è battuta senza attenuanti dallo Zenit Kazan.

Nella prima partita la Lube perfettamente equilibrata in attacco e capace di una buona ricezione sulle battute degli avversari ha dei problemi solo nel secondo set giocato sotto tono soprattutto dall'italo-cubano Juantorena.

Nella seconda semifinale la squadra neocampione d'Italia di Perugia gioca una partita coraggiosa ma niente può contro un Wilfredo Leon monstre, il pallavolista più forte al mondo ormai ad un passo proprio dalla Sir per riprovarci con altre prospettive il prossimo anno.

Ci resta la Lube. Domani contro Kazan nella finale di CEV Champions League

La semifinale della Lube Civitanova dura solo due set. Nel primo, dopo un ottimo avvio dei marchigiani, la squadra polacca riesce a raggiungere il 21-21. Per fortuna Sokolov mette il turbo e con un paio di attacchi perfetti la squadra italiana passa. Nel secondo il pareggio dura per buona parte del set grazie all'ottima vena di Torres. Un paio di ottimi muri del belga Deroo segnano la distanza con cui lo Zaksa chiude i conti. Dal terzo set in poi Juantorena, Sander, scelto da Medei a sorpresa al posto di Kovar, e Cester salgono di livello e lo Zaksa non riesce più a rispondere. La Lube va in finale di CEV Champions League con ampio merito.

Il Leon-show schianta Perugia. Zenit Kazan troppo forte per i campioni d'Italia

La seconda partita ha poca storia. Atanasijević fa quello che può poco assistito da Zaytsev e da un De Cecco che non riesce a variare il gioco. Ma se Perugia non è al massimo come nella gara 5 di finale scudetto, lo Zenit Kazan è il solito schiacciasassi. Perfetto Verbov in ricezione, Butko ha la solita regia poco creativa ma molto precisa e poi c'è Wilfredo Leon. In tutti e tre i set sono le sue battute e delle pipe devastanti a scavare il solco che da la nuova finale europea a Kazan.

Domani in diretta su Fox Sport Plus prima il Perugia cercherà di vincere la finale di consolazione contro lo Zaksa e poi Civitanova tenterà non una semplice impresa ma un vero miracolo sportivo per battere i tre volte campioni della CEV Champions League in casa.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.