Bundesliga, l'Amburgo vince ma retrocede. E nel finale scoppia il caos

La vittoria contro il Borussia Mönchengladbach è inutile: gli Irretrocedibili salutano la Bundesliga dopo 55 stagioni. E nel finale scoppia il caos.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Era arrivato a 54 anni e 262 giorni. Ora dovrà ripartire da zero, come l'Amburgo. L'orologio del Volksparkstadion passerà a segnare il tempo trascorso dalla fondazione, cambiando la sua funzione originaria. Già, perché l'unica squadra di Germania a non aver mai saltato una stagione di Bundesliga è ufficialmente retrocessa in Zweite. Questo nonostante la vittoria contro il Borussia Mönchengladbach: un 2-1 amarissimo e inutile, alla luce della contemporanea vittoria del Wolfsburg. E con un epilogo decisamente turbolento, tra fumogeni, bombe carte e polizia schierata in campo.

Per scavalcare i Lupi - terzultimi con due punti di vantaggio - e agguantare il playout salvezza, all'Amburgo sarebbe servita la loro sconfitta contro il Colonia già retrocesso. Un'impresa che, a fine primo tempo, sembrava ancora possibile: all'intervallo il Wolfsburg era bloccato sull'1-1. Nella ripresa, però, il definitivo 4-1 ha spento ogni speranza dei Rothosen.

Ecco allora che gli "Irretrocedibili" non saranno più tali: dal 1963, anno di fondazione della Bundesliga, avevano partecipato a ogni singola edizione. Un en plein lungo 55 anni, che neanche il Bayern Monaco poteva vantare. Un record che ora entrerà a far parte del libro dei ricordi: dopo quattro stagioni di salvezze strappate al fotofinish, la sentenza più dura di tutte si è abbattuta sui tifosi anseatici.

Amburgo, si ferma l'orologio: gli "Irretrocedibili" salutano la Bundesliga

A nulla sono valsi i 1.500 litri di birra, offerti dai sostenitori dell'Amburgo al Colonia. Altrettanto inutili le quattro vittorie collezionate nelle ultime sei partite: la rincorsa disperata alla salvezza, quantomeno al playout contro l'Holstein Kiel, s'infrange contro le notizie giunte da Wolfsburg. Sul campo, la squadra di Christian Titz va in vantaggio, si fa recuperare e poi chiude i conti sul 2-1.

Al 11' è Hunt a sbloccare la partita su rigore, dopo la decisione rivista al VAR dall'arbitro Brych. Il momentaneo pareggio dei Fohlen lo firma invece Drmic: l'ex di giornata trova il pareggio al 28'. Il definitivo 2-1 è infine di Holtby: al 63' il numero 8 dell'HSV trova il suo 5° centro nelle ultime 7 giornate. La sconfitta priva il Gladbach di ogni speranza di accedere alla prossima Europa League, ma anche i tifosi ospiti trovano il modo di prendere in giro l'orologio del Volksparkstadion.

Caos nel finale, la polizia in campo

L'epilogo però è segnato dai fumogeni e dalle bombe carta lanciate in campo dalla curva dell'Amburgo, a un minuto dalla fine del match. Immediato l'ingresso in campo di decine di poliziotti e steward, con il conteggio del recupero che tocca addirittura i 17 minuti. Un finale tristissimo per quella che, fino a oggi pomeriggio, era la squadra degli Irretrocedibili.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.