Coppa Italia, 5 fotogrammi per descrivere Juventus-Milan: Allegri show

Gattuso è perplesso, l'allenatore bianconero invece ha affetto per tutti (almeno durante la partita). Alla fine, arriva la vendetta di Cuadrado.

409 condivisioni 0 commenti

di

Share

Una partita dalle due facce: le immagini del primo tempo raccontano di un Milan arrembante e ben organizzato, di una Juventus tenuta a bada. Quelle del secondo tempo, invece, sembrano prese da un'altra partita: i rossoneri si sfaldano, Donnarumma commette due errori, la squadra non regge la pressione bianconera. E il poker è servito. Ennesima goccia di pioggia sul bagnato: l'autogol di Kalinic. 

Il Milan perde e perde male, la Juventus trionfa ancora: quarta Coppa Italia consecutiva alzata, grandi abbracci a tinte bianconere. Il dominio avrà una fine? Allegri sarà riuscito a togliersi la schiuma dai capelli? Domande senza risposta, per ora. Eppure, i fotogrammi del post-partita raccontano anche il nervosismo dell'allenatore che ha avuto ragione dopo 90'. Tanti saluti alle critiche, la sua squadra continua a vincere. E lui se ne va, con la Coppa in mano e l'atteggiamento stizzito.

Protagonista Benatia con la sua doppietta da una parte, protagonista la delusione rossonera dall'altra. Gattuso ha accusato il colpo senza farsi scoraggiare, non ha perso la calma e ha guardato avanti. Tanti volti illustri ad assistere alla partita dell'Olimpico. Molti erano raccolti in un unico spicchio di Tribuna e conquistano così un posto tra i 5 fotogrammi del match. 

Juventus-Milan, fotogramma n°1: la perplessità di Gattuso

L'allenatore del Milan ci credeva davvero, così come tutta la squadra. La realtà, però, si è abbattuta su Gattuso prima sotto forma dei due errori di Donnarumma, poi sotto forma di un autogol che ha azzerato anche le ultime energie rossonere: Kalinic, lanciato in campo al posto di Cutrone, ha segnato nella propria porta. Gattuso è rimasto così, immobile, a contemplare il vuoto. Incredulo.

2) Il buffetto di Allegri a Cuadrado

Umori completamente opposti a pochi metri di distanza: sulla panchina bianconera il clima è disteso, Allegri dà un buffetto amichevole a Cuadrado. Il giocatore sorride. L'allenatore ancora non sa che il colombiano si prenderà la sua vendetta. In questa partita o nell'altra. Oppure dopo il fischio finale.

3) L'abbraccio con Dybala

Durante la partita c'è affetto per tutti, dalle parti di Allegri: Dybala viene sostituito, l'argentino si incammina verso la panchina ma il suo allenatore lo richiama. I due si incontrano e si abbracciano. C'è una canzone d'amore in sottofondo, anche se non la sentite.

4) L'incoraggiamento di Buffon

Passaggio di testimone? Forse. Sicuramente un messaggio positivo: a fine partita, Buffon è andato a cercare Donnarumma e lo ha consolato dopo gli errori commessi. Uno schiaffo d'incoraggiamento, qualche parola buona: "Hai solo 20 anni". Da Gigi a Gigio.

5) Il mondo in Tribuna

In ordine sparso: Marco Fassone, Massimiliano Mirabelli, Yonghong Li, David Han Li, Andrea Pirlo, Matteo Salvini, Claudio Lotito. Dal calcio alla politica, ad assistere a Juventus-Milan c'erano più o meno tutti.

Fotogramma Bonus - La vendetta di Cuadrado

Perché la vendetta è un piatto che va servito freddo. E con la schiuma.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.