Diritti TV, accolto il ricorso di Sky: annullato bando Mediapro

Il bando non era correttamente formulato e violava i principi Antitrust. Non si sblocca la vendita dei diritti TV della Serie A per il triennio 2018-2021.

772 condivisioni 0 commenti

Share

Il Tribunale di Milano ha accolto il ricorso di Sky confermando la sospensione del bando che aveva assegnato a Mediapro i diritti TV della Serie A per il triennio 2018-2021. Il giudice Claudio Marangoni - riporta l'Ansa - ha decretato che il bando non è correttamente formulato e vìola i principi Antitrust. Inolte Mediapro, che entro 15 giorni potrà presentare reclamo (se lo farà la palla passerà di nuovo ai giudici e ci saranno ulteriori slittamenti), dovrà versare 15.600 euro nelle casse di Sky per il rimborso delle spese legali e gli oneri di legge.

E adesso cosa succede? La Serie A per il momento vede sfumare 1 miliardo e 50 milioni annui che Mediapro aveva messo sul piatto per aggiudicarsi i diritti TV del campionato italiano. Il tempo corre, la Serie A 2018/19 inizierà il 19 agosto e ora il bando dovrà essere rifatto. Intanto Sky commenta così la decisione del Tribunale di Milano: "Si tratta della conferma di come fosse necessaria una verifica dell'aderenza del bando di Mediapro alle leggi italiane. Siamo pronti come sempre a fare la nostra parte con un'importante offerta che possa dare certezza a tutti gli appassionati e allo stesso tempo garantire il futuro dei club e di tutto il sistema calcio".

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.