Cristiano Ronaldo spaventa il Real: finale di Champions a rischio?

La botta rimediata nel Clasico in occasione del primo gol ha costretto Zidane a sostituirlo: a pochi dall'appuntamento di Kiev, CR7 potrebbe non recuperare in tempo.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

C'è apprensione in casa del Real Madrid: Cristiano Ronaldo, l'uomo di punta dei Blancos e sicuramente il più determinante in una squadra ricca di campioni, potrebbe essere costretto ad assistere da spettatore alla finale di Champions League in programma il prossimo 26 maggio a Kiev e che vedrà gli spagnoli affrontare il Liverpool di Mohamed Salah e Jurgen Klopp.

Non si sbilancia il tecnico madridista Zinedine Zidane nelle dichiarazioni rilasciate ieri sera al termine del Clasico, la sfida che da sempre contrappone Real Madrid e Barcellona e che ieri sera ha visto andare in scena la sua edizione numero 176 nella Liga: un pareggio 2-2 che ha visto Cristiano Ronaldo realizzare il primo gol delle merengues bruciando sullo scatto Piqué per spingere in rete l'assist di testa di Benzema.

Proprio in quel momento, nello scontro con il numero 3 del Barcellona che tentava disperatamente di impedire la marcatura, CR7 ha rimediato una botta che adesso mette in dubbio la sua presenza nella finale di quella che è a tutti gli effetti la sua competizione, la Champions League.

Cristiano Ronaldo ci ha detto che è una cosa da poco. Vedremo meglio domani (oggi, ndr) cosa si è fatto, è un po' preoccupato per Kiev ma dovrebbe essere una cosa da poco. Al momento attuale non è una bella notizia, ma penso sia una cosa superabile

Cristiano Ronaldo stringe la mano a Piqué dopo il gol nel ClasicoGetty Images
Subito dopo aver segnato, scontrandosi nell'occasione con Piqué, Ronaldo ha zoppicato per poi essere sostituito alla fine del primo tempo.

Real Madrid, allarme Cristiano Ronaldo

Subito dopo il gol, realizzato al 14esimo e che è servito a stabilire il momentaneo 1-1 dopo la rete segnata in apertura da Luis Suarez, Cristiano Ronaldo è apparso in difficoltà, non riuscendo a incidere nella partita come di suo solito e fallendo anche un'occasione da gol che forse, in condizioni ottimali, avrebbe indirizzato la partita in altro modo. Quasi un fantasma nella mezz'ora successiva allo scontro con Piqué, è stato sostituito con Marco Asensio nell'intervallo a scopo precauzionale.

Dopo aver visto trionfare gli eterni rivali del Barcellona sia nella Liga che nella Coppa del Re, agli uomini di Zidane è rimasto come unico obbiettivo stagionale il più importante, il trofeo che potrebbe trasformare una stagione piuttosto deludente in un'annata indimenticabile: a Kiev contro il Liverpool il Real Madrid giocherà la sua 16esima finale della massima competizione europea, la Champions League, tentando di alzare al cielo la coppa per la 13esima volta. Dovesse trionfare, non soltanto sarebbe la terza volta consecutiva, ma anche la quarta nelle ultime cinque edizioni.

Ecco perché l'infortunio di Cristiano Ronaldo preoccupa Zidane: non dovesse rientrare in tempo il campione portoghese, le alternative certo non mancherebbero alle merengues, ma certo uno come il portoghese è insostituibile e a maggior ragione in Champions, visto lo speciale rapporto che lega CR7 alla competizione di cui è capocannoniere e miglior marcatore di sempre. Il Real Madrid è una squadra abituata a vincere e che non si può accontentare dei secondi posti, ecco perché i galacticos faranno di tutto per avere il loro campione disponibile nella sfida contro il Liverpool di Mohamed Salah.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.