WWE Backlash 2018, tutti i risultati del Pay-Per-View in diretta

Nel Prudential Center di Newark, in New Jersey, va in onda il primo evento della nuova generazione dei PPV, con atleti di Raw e di SmackDown contemporaneamente.

77 condivisioni 1 commento

di

Share

Dopo l'appuntamento di poco meno di due settimane fa della Greatest Royal Rumble, il mondo del wrestling targato Vince McMahon è già pronto per tornare. È la notte di WWE Backlash 2018, il primo vero e proprio PPV del post-Wrestlemania 34, quello che sancisce il ritorno della vecchia formula, quella che prevede sia atleti di SmackDown che di Raw. 

Nel Prudential Center di Newark, in New Jersey va in onda dunque questo Pay-Per-View, che a partire dall'una di notte vi racconteremo come sempre in diretta scritta qui su FOXSports.it.

A WWE Backlash, in palio il titolo WWE nella sfida tra AJ Styles e Shinsuke Nakamura, ma anche quelli di campione Intercontinentale attualmente detenuto da Seth Rollins, che se la dovrà vedere con The Miz, e degli Stati Uniti, con il detentore Jeff Hardy contro Randy Orton. Poi i due incontri per i titoli femminili dei due roster, quelli tra Roman Reigns e Samoa Joe, tra Daniel Bryan e Big Cass, il Tag Team Match tra la coppia composta da Braun Strowman e Bobby Lashley e quella formata da Kevin Owens e Sami Zayn.

WWE Backlash 2018, tutti i risultati

A tutte queste sfide, poi, va aggiunta quella nel kickoff di WWE Backlash, tra Bayley e Ruby Riott. Ed è proprio l'incontro tra le due ragazze di Raw ad aprire le danze di questo show, che vi racconteremo a partire dall'una.

Prima del match in questione, vediamo un breve segmento nel backstage, in cui Sasha si rifiuta di stare all'angolo di Bayley nel corso dell'incontro (e anche un altro in cui il Miztourage prende di nuovo le distanze da The Miz).

La sfida viene così vinta da Ruby Riott, che sfrutta la superiorità numerica e le interferenze delle sue compagne, Liv Morgan e Sarah Logan (con Sasha che guarda dal backstage), eseguendo il suo Riott Kick che vale il conteggio di tre. E adesso siamo pronti per l'inizio ufficiale del PPV.

The Miz vs Seth Rollins (C)

Intercontinental Championship Match

Primo match ufficiale della card di WWE Backlash 2018 è quello che mette in palio il titolo intercontinentale di Seth Rollins. The Miz vuole provare a strapparglielo via e portarlo con sé da Raw a SmackDown e per poco non ci riesce applicando la sua Figura 4, a seguito di una ginocchiata dell'Architect sul paletto.

L'ex Shield riesce a uscirne, così come poco dopo elude anche il conteggio di tre dopo aver ricevuto la Skull Crushing Finale dell'A-Lister.

Successivamente ne sventa addirittura una seconda, messa a segno da The Miz dopo aver subito un Superplex dalla terza corda. Sembra davvero impossibile una sconfitta di Seth Rollins, che poi connette il suo Curb Stomp e si prende una sofferta ma meritata vittoria.

Seth Rollins vince e si conferma campione intercontinentale.

Alexa Bliss vs Nia Jax (C)

Raw Women's Championship

Si prosegue con un'altra sfida titolata, quella che mette di fronte la campionessa femminile di Raw, Nia Jax, e la sua sfidante, Alexa Bliss. Nonostante le evidenti differenze di stazza e l'assenza a bordo ring di Mickie James, la sfida è molto più equilibrata del previsto, con l'ex campionessa che mette in seria difficoltà Nia.

Alla lunga però la forza fisica superiore della Jax si fa sentire ed è sufficiente un suo Samoan Drop per avere la meglio e conservare il titolo. Al termine dell'incontro la campionessa dedica la sua vittoria a tutti quelli che sono stati vittime di bullismo come lei.

Nia Jax vince e conserva il titolo di Raw Women's Championship.

Randy Orton vs Jeff Hardy (C)

United States Championship Match

Terzo match titolato consecutivo, stavolta in palio c'è la United States Championship di Jeff Hardy, che contro Randy Orton riesce a confermarsi campione, dopo aver evitato la RKO ed aver connesso la sua combo finale, cioè Twist of Fate e Swanton Bomb.

Jeff Hardy vince e si conferma United States Champion.

Elias on the ring

Solito discorso "acchiappa-fischi" di Elias, che se la prende con il New Jersey, dicendo di essere un grande amico di Bruce Springsteen e raccontando di quando lui gli confidò di vergognarsi delle sue origini. Poi chiede di abbassare il volume dei cellulari e stare in silenzio per consentirgli di suonare, ma il pubblico non lo accontenta e lui fa finta di andarsene. Viene interrotto dall'ingresso del New Day al gran completo, che dice di voler "camminare con Elias".

Lui replica che sarebbe il suo peggior incubo e che non è il momento adesso, rimandando il discorso eventualmente a un futuro lontano. Attenzione però, c'è un'altra interruzione: Aiden English si presenta e inizia a cantare, introducendo il Rusev Day. Elias domanda cosa diavolo ci facciano loro due qui nel suo momento e chiede di far partire di nuovo il suo concerto.

Niente da fare, ora tocca a No Way Josè presentarsi e far partire la festa, accompagnato tra le altre cose anche dal Titus WorldWide e i Breezango. Elias chiede di nuovo che venga annunciato il suo momento, stavolta parte la musica di Bobby Roode, che appare dietro di lui e lo stende con la Glorious DDT. Una mossa che mette ko il chitarrista e fa ripartire la festa, sulle note di No Way Josè, a cui si aggregano tutti tranne Rusev e Aiden English.

Daniel Bryan vs Big Cass

Eccoci arrivati alla resa dei conti tra Daniel Bryan e Big Cass, una rivalità recente nata subito dopo WrestleMania 34, con il ritorno dell'ex compagno di squadra di Enzo Amore e il suo trasferimento da Raw a SmackDown nell'ambito del Superstars Shake-Up.

Il match lo domina proprio lui, facendo leva sullo strapotere fisico. Basta una presa di sottomissione di Daniel Bryan, però, la Yes! Lock, per decretare la sua vittoria e costringere Big Cass a cedere.

Subito dopo però arriva una nuova vendetta di Big Cass, che attacca l'ex GM a tradimento e lo colpisce con il Big Boot, mentre il pubblico gli canta "hai ceduto".

Charlotte Flair vs Carmella (C)

SmackDown Women's Championship Match

In gioco c'è il titolo di campionessa femminile di SmackDown, con Carmella che deve difendersi per la prima volta dalla voglia di rivincita di Charlotte Flair. Inizialmente la campionessa tenta di evitare il confronto con la figlia del Nature Boy, poi inizia a giocarsela davvero, con prese di sottomissione che vengono però ogni volta ribaltate dall'avversaria.

Quando questa prova poi un Moonsault dalla terza corda andando a vuoto, Carmella ne approfitta subito e va con lo schienamento che la conferma campionessa.

Carmella vince e si conferma campionessa di SmackDown.

Shinsuke Nakamura vs AJ Styles (C)

WWE Championship No Disqualification Match

Probabilmente l'incontro più importante, che va in scena però come terzultimo di questa serata di WWE Backlash 2018. AJ Styles vs Nakamura, atto terzo, dopo le sfide a WrestleMania 34 e Greatest Royal Rumble, vinte entrambe dal campione WWE in carica. Stavolta, però, si tratta di un match senza squalifiche. A dir la verità inizialmente non ce ne si accorge nemmeno, per via del mancato utilizzo di sedie, tavoli (richiesti invano a gran voce del pubblico) o altri oggetti contundenti, ma solo per il prolungarsi della contesa in alcune fasi fuori dal quadrato.

Solo nel finale il giapponese va a prendere una sedia e la porta sul ring, per tentare di colpirci il suo avversario: ci riesce solo in parte, lanciandocelo sopra. Poi però finisce per essere colpito a sua volta, mentre provava a connettere la Kinshasa (manovra che comunque ferisce AJ Styles sul volto).

Andando avanti nell'incontro, finalmente The Phenomenal riesce a vendicarsi dei vari Low Blow subiti nell'ultimo mese, restituendone uno a Nakamura, che comunque ne aveva eseguito un altro in precedenza. I colpi nei gioielli di famiglia sono però diventati un punto di riferimento in questa faida, difatti dopo se ne danno altri due in contemporanea, rimanendo entrambi a terra e spingendo l'arbitro a sospendere il match per un No Contest. AJ Styles resta così campione WWE.

L'incontro finisce in No Contest ed AJ Styles si conferma campione WWE.

Braun Strowman e Bobby Lashley vs Sami Zayn e Kevin Owens

Inizia la sfida Bobby Lashley, che se la gioca con Sami Zayn e Kevin Owens, molto bravi inizialmente nell'avvicendarsi. Poi arriva il momento di Braun Strowman e la sfida finisce virtualmente, anche perché tra i due canadesi cominciano delle nuove frizioni.

In particolare con l'atteggiamento dell'Underdog from Underground, che tenta prima di andarsene e poi lascia il suo compagno (dopo averlo anche schiaffeggiato) in pasto ai due avversari, che chiudono il discorso dopo il prolungato Vertical Suplex di Lashley cui segue il conteggio di tre.

Non è finita, perché dopo Braun Strowman esegue anche la sua Powerslam a incontro concluso, sempre su Kevin Owens, senza che Sami Zayn faccia nulla per evitarlo. E ce n'è anche per lui, perché il Monster among Men lo va a prendere fuori dal ring e connette la Powerslam pure di lui.

Samoa Joe vs Roman Reigns

Prima ancora del suono della campana, Samoa Joe attacca Roman Reigns con estrema violenza, spaccando un tavolo di commento lanciandocelo sopra e buttandolo pure sugli altri due accanto. Solo dopo questo tour extra ring, la sfida inizia ufficialmente sul quadrato, con  Joe che tenta di sfruttare il vantaggio conquistato in precedenza.

Roman Reigns non riesce a fare nulla nei primi dieci minuti d'incontro, subendo e resistendo all'iniziativa di Samoa Joe. Poi esce alla distanza, risollevandosi con un Big Boot che colpisce in pieno sul naso l'avversario.

Adesso la sfida torna equilibrata e inizia lo scambio di finisher: il Big Dog esce tre volte dalla Coquina Clutch, mentre Joe sventa il conteggio di tre dopo un Superman Punch e una Spear. Non può far nulla però dopo la seconda Spear ricevuta, perché è quella che vale la vittoria di Roman Reigns, che chiude così questa edizione di WWE Backlash 2018.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.