La storia del Brechin City, la squadra che non ha vinto una partita

Nella seconda divisione scozzese un club ha concluso la stagione senza aver mai vinto una sola partita: è il Brechin City, piccolo club che a suo modo centra un record.

Il Brechin City subisce un gol eveningtelegraph.co.uk

642 condivisioni 0 commenti

di

Share

Tra poco sarà passato esattamente un anno da quel giorno indimenticabile: 20 maggio 2017, al termine di una stagione incredibile il Brechin City, compagine militante nella terza divisione scozzese e che tutti pronosticavano come sicura retrocessa, conquista ai rigori contro l'Alloa Athletic un'inaspettata e soffertissima promozione nella Scottish Championship, la seconda serie. Si tratta di un momento memorabile per una squadra espressione (a discapito del nome "City") di un villaggio con meno di 10mila abitanti e il cui stadio può accoglierne a stento 4mila, e nell'aria c'è ovviamente la consapevolezza che la stagione successiva sarà durissima.

Certo, se il calcio fosse una favola, un romanzo, si potrebbe sognare un'incredibile riconferma contro i club professionistici ben più blasonati, la storia di una squadra di eroi cittadini che uniti trovano il modo di lottare contro ogni difficoltà. E anche se i tifosi del Brechin City sono consapevoli che il football raramente racconta favole, e che la realtà si rivelerà sicuramente molto più dura, nessuno può prevedere quanto si riveleranno invece disastrosi i 365 giorni successivi, che vedranno il City entrare nella storia, ma purtroppo negativamente. 

La malinconia del pubblico che ha continuato e continuerà a riempire le tribune del Glebe Park, piccolo quanto meraviglioso impianto costeggiato da una siepe che è un vero e proprio schiaffo agli stadi multifunzionali moderni, è comprensibile quando si nomina il 20 maggio 2017: quella data segna infatti l'ultima gioia dei tifosi del Brechin City, che da allora hanno visto la propria squadra battersi nella Scottish Championship senza mai riuscire a centrare una sola vittoria in tutto il campionato, un vero e proprio record.

Glebe Park, Brechin CityGetty Images
Il meraviglioso Glebe Park, dal lontano 1919 casa del Brechin City.

Brechin City, la squadra che non vince mai

Proprio così: nelle 36 partite in cui sono scesi in campo, gli uomini guidati dal player-manager Darren Dods, difensore centrale prossimo ai 43 anni con oltre 300 presenze in massima serie, sono riusciti a collezionare la miseria di 4 punti, frutto di altrettanti pareggi, e a segnare la miseria di 20 gol, mentre 90 sono stati quelli incassati in una stagione che poteva essere da sogno e che invece si è trasformata ben presto in un incubo fino a concludersi sabato scorso con l'ennesima disfatta, una sconfitta 1-5 contro il Queen of the South che ha perlomeno visto i tifosi festeggiare ironicamente il gol della bandiera, arrivato a sfida ormai conclusa: il City non segnava infatti da ben 11 giornate.

Nonostante nel recente passato due esperienze analoghe si fossero rivelate altrettanto disastrose (il primo campionato in seconda serie si era concluso con un'immediata retrocessione, il secondo allo stesso modo e con la miseria di due vittorie totali) nessuno poteva prevedere che questa stagione sarebbe stata così avara di gioie per il Brechin City e i suoi tifosi: sorto addirittura nel lontano 1906 dalla fusione di due compagini locali, gli Harps e gli Hearts, il club ha sempre sofferto per emergere nel corso della sua lunga storia.

Ma concludere un intero campionato senza mai riuscire a vincere una singola partita era qualcosa di imprevedibile anche per le modeste aspettative dei suoi tifosi, che tuttavia hanno continuato a presentarsi al Glebe Park, aspettando di festeggiare un risultato che però non si è mai materializzato.

In questa stagione una vittoria, a dire la verità, è stata centrata nel primo turno della Scottish Cup: il 18 novembre 2017, infatti, il City espugnava il campo del Buckie Thistle - formazione dilettante della Highland League - grazie a una doppietta di Isaac Layne, attaccante di 22 anni che vanta come esperienze di rilievo l'aver militato nelle giovanili del Brentford e l'aver realizzato 13 reti nell'ottava serie inglese. Quel 3-2 in rimonta contro una squadra di quinta serie è stato l'unico acuto di una stagione disgraziata: pur immaginando che sarebbe stata un'annata difficile, al Brechin City non immaginavano che sarebbero arrivati solo quattro pareggi, l'ultimo addirittura a gennaio.

Adesso che finalmente questa stagione è alle spalle il City potrà ripartire ancora una volta, consapevole della sua dimensione amatoriale e certo di poter contare su quei pochi tifosi che però hanno continuato a seguire la squadra e a incitarla. Perché nel calcio vincere non è la sola cosa che conta, anche se dopo oltre un anno sarebbe il caso di non prendere queste parole troppo alla lettera.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.