Giro d'Italia, quali guadagni? Ecco quanto incassa il vincitore

La Maglia Rosa quest'anno incasserà circa 265mila euro. La metà per il secondo classificato. Al vincitore di ogni tappa arrivano 11mila euro. Al Tour si guadagna di più.

Giro d'Italia, il montepremi Giro d'Italia, il montepremi messo in palio

293 condivisioni 0 commenti

di

Share

L’essenza del ciclismo sta nella fatica. I soldi? Pochi. Tra montepremi nei Grandi Giri e stipendi riservati ai ciclisti, nel mondo delle due ruote a pedali girano veramente pochi incassi. Quanto guadagna il vincitore del Giro d’Italia? ‘Appena’ 265.668 euro. La metà per il secondo classificato, meno di 70mila euro per il terzo. 

A questi si aggiungono altri piccoli montepremi che possono arrivare dalla vittoria di una tappa, dai giorni con la Maglia Rossa addosso, alle altre maglie assegnate durante il percorso.

Il Giro d’Italia 2018, con i suoi 3562,9 chilometri e 21 giorni di gara, vedrà la partecipazione di 176 corridori. Che hanno fame di vittoria, di gloria, non di soldi. Perché questo è il ciclismo. Sport vero, duro, totalmente differente dal calcio per esempio, molto più popolare e dunque molto più ricco.

Giro d'Italia, il trofeo del 2018 con Bar RefaeliGetty Images
Giro d'Italia, il trofeo del 2018 con Bar Refaeli alla presentazione

Giro d’Italia, ecco quanto guadagna il vincitore

La grande sfida del Giro d’Italia 2018, partito da Israele, vede tanti protagonisti giocarsi la vittoria finale. Spiccano però tre grandi nomi: Tom Dumoulin, trionfatore nel 2017, Chris Froome e Fabio Aru. Loro, salvo grandi sorprese, combatteranno fino all’arrivo di Roma per portarsi a casa la Maglia Rosa. Al primo classificato, il Giro mette in palio 265.668 euro. Al secondo 133mila, al terzo 68mila. Incassi importanti, ma lontani dalle cifre astronomiche che girano in altri sport.

Vestire la Maglia Rosa per un giorno vale 2mila euro. Conquistare la Maglia Ciclamino (classifica a punti) 10mila euro, la Maglia Azzurra (classifica scalatori) 5mila, la Maglia Bianca (miglior giovane) 10mila. Il montepremi non è ancora finito: al vincitore di una tappa vanno 11mila euro, premio combattività 10mila, traguardi volanti e premio per la fuga rispettivamente 8mila e 7mila euro. 

Giro d'Italia, Tom Dumoulin nel 2017Getty Images
Giro d'Italia, Tom Dumoulin vincitore nel 2017

Differenze con il Tour de France? Ce ne sono. Il vincitore della Maglia Gialla guadagna circa 450mila euro, quasi 200mila in più rispetto al collega che trionfa in Italia. 

Gli stipendi dei ciclisti

I guadagni nel ciclismo sono lontani da quelli nel calcio. Chris Froome, che parteciperà al Giro d’Italia, guadagna più di tutti: circa 5 milioni di euro all’anno. E la Sky, la sua squadra, è quella più ricca tra tutte con un monte ingaggi che si aggira intorno ai 25 milioni di euro. Anche i gregari di Froome, che potrebbero essere capitani in qualsiasi altra squadra, guadagnano una cifra superiore al milione di euro.

E gli altri big? Vincenzo Nibali della Bahrain Merida, incassa 4 milioni all’anno. Stessa cifra del colombiano Nairo Quintana. Lo stipendio di Fabio Aru si aggira intorno ai 3 milioni di euro. Da qui inizia il mondo dei ‘veri gregari’ e dei giovani. Salari che vanno tra i 60 e i 90mila euro, ma che scendono, se parliamo di squadre minori, anche a 20mila euro.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.