Italia, Mancini nuovo ct: lo Zenit potrebbe rivolgersi alla FIFA

Il 13 maggio l'ex tecnico dell'Inter dovrebbe essere annunciato come nuovo ct della Nazionale italiana: il club russo è infuriato per le tempistiche dell'accordo.

683 condivisioni 0 commenti

Share

Ormai non ci sono più dubbi, sarà Roberto Mancini il nuovo tecnico della Nazionale italiana. "Il 13 maggio discuteremo i dettagli", ha dichiarato il commissario della FIGC, Roberto Fabbricini, che insieme agli altri vertici della Federazione ha virato con decisione sull'attuale tecnico dello Zenit dopo il no di Ancelotti.

Ecco, lo Zenit. Sull'edizione odierna de La Gazzetta dello Sport si legge che il club russo non avrebbe affatto preso bene le tempistiche dell'accordo. In Russia il campionato terminerà proprio il prossimo 13 maggio, lo Zenit è al quarto posto (a quota 50 punti, gli stessi del Krasnodar) e quindi in piena corso per un posto nella prossima Champions League. 

Il timore del presidente dello Zenit Fursenko è che i giocatori abbiano un calo di tensione e vengano distratti dalle notizie riguardanti il loro allenatore. Di certo la società non agevolerà l'addio del Mancio, tra le parti ci sarà una "rottura senza giusta causa" e non è escluso che lo Zenit si rivolga alla FIFA per ottenere i soldi che avrebbe dovuto versare nelle tasche del tecnico fino alla scadenza del contratto fissata nel 2020.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.