La moviola di Real Madrid-Bayern Monaco: 3 rigori negati ai tedeschi

Come l'anno scorso, bavaresi infuriati dopo il ritorno al Bernabeu: Çakır due volte non punisce Ramos su Lewandowski e soprattutto sorvola su un fallo di mano di Marcelo.

2k condivisioni 0 commenti

di

Share

E dopo la Juventus... è il Bayern Monaco a imprecare per l’eliminazione. E soprattutto per qualche decisione “dubbia” di troppo dell’arbitro Cüneyt Çakır in favore del Real Madrid. I bavaresi non ci stanno, si sentono defraudati nel ritorno del Santiago Bernabeu, di nuovo contro lo stesso avversario, a distanza di un anno dalla semifinale dello scorso anno. 

La squadra di Zidane pareggia 2-2 in casa e, grazie alla vittoria dell’andata (1-2), potrà difendere il titolo di campione d’Europa a Kiev. In vista la possibilità di conquistare per la terza volta di fila la Champions League

Solo che è la seconda consecutiva che il Bayern Monaco protesta contro gli arbitraggi riservati in Spagna. La scorsa stagione, di questi tempi, i tedeschi si lamentavano per l’espulsione inventata di Vidal (secondo giallo per un non-fallo su Asensio) e i due gol (il 2-2 e il 3-2) di Cristiano Ronaldo, realizzati in netto fuorigioco. Tre episodi che avevano permesso ai Blancos di approdare all’ultimo atto di Cardiff. 

La moviola di Real Madrid-Bayern Monaco: 3 rigori negati ai tedeschi

Si parte con una premessa: il Bayern Monaco aveva già recriminato all'andata per una trattenuta di Carvajal su Lewandowski sugli sviluppi di un corner. Il risultato era sull'1-1, la gara in bilico e la qualificazione neanche a dirlo. Ma i tedeschi, dopo il match di ritorno della semifinale di Champions League, escono letteralmente infuriati dal Bernabeu. La squadra di Heynckes recrimina per tre calci di rigore non concessi.

Il primo al 17’ di gioco: Sergio Ramos tenta di chiudere Lewandowski che sta entrando in area dopo aver raccolto un filtrante, non tocca il pallone e travolge l’attaccante. Il rigore c'è, ma è addirittura il meno solare di quelli non dati nell’arco dei 90 minuti. Il disastro del turco Çakir è solo all'inizio...

Il più chiaro è sicuramente quello non assegnato a fine primo per fallo di mano di Marcelo. Kimmich arriva sul fondo e mette dentro con il destro, il pallone colpisce la mano sinistra del terzino brasiliano, che ha il braccio ben staccato dal corpo. Çakır lascia proseguire considerando il tocco involontario o la distanza tra i due giocatori troppo ravvicinata. Un errore madornale, che non viene corretto né dal guardalinee, né dall'arbitro di porta.  

Infine un altro contatto nella ripresa (al 52’), come nel primo tempo tra Sergio Ramos e Lewandowski. Il centrale spagnolo entra in modo scomposto per anticipare il polacco, ma non colpisce il pallone e finisce per franare sull’avversario. Anche qui non arrivail fischio punitivo. Mentre il Bayern protesta, addirittura Ramos si lamenta con l’arbitro per un presunto intervento a gamba tesa della punta. Chiamatela come preferite, esperienza o faccia tosta. 

Cüneyt Çakır
Cüneyt Çakır, 41 anni, ha penalizzato il Bayern nel ritorno con il Real Madrid: c'erano 3 rigori per i tedeschi

I tedeschi proseguono il forcing, pareggiano i conti con James Rodriguez (che da ex non esulta nonostante il gol prezioso), ci provano fino al 6’ di recupero. La terza rete, quella della qualificazione, non arriverà. I post sui social di Boateng e Vidal (che scrive "Ancora una volta!"), testimoniano la rabbia per la seconda eliminazione consecutiva in Champions League condizionata dagli arbitri. Arbitri con un bidone dell’immondizia al posto del cuore…

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.