Il Mainz batte il Lipsia 3-0: la Bundesliga scopre Riedle Baku

Tre punti fondamentali per Schwarz che respira aria di salvezza. Hasenhüttl dice quasi addio alla Champions. E la Bundesliga scopre Baku.

734 condivisioni 0 commenti

di

Share

La domenica di Bundesliga premia il Mainz e le sue speranze di salvezza. Il rigore di De Blasis e i due gol di Maxim e Baku valgono il 3-0 che stende il Lipsia, non ancora certo di un piazzamento europeo a 2 giornate dalla fine. Merita però un commento a parte Ridle Baku (il suo nome di battesimo è Bote, ma il padre glielo ha fatto cambiare in omaggio alla leggenda del Borussia Dortmund Karl-Heinz Riedle), centrocampista classe 1998 che era all'esordio nel campionato tedesco. Ed è stato un debutto da sogno, vista la rete, e inaspettato. 

Sì, perché poche ore prima di Mainz-Lipsia era sul pullman delle riserve in direzione Friburgo quando il suo cellulare ha squillato. "Ero in una stazione di servizio quando mi hanno chiamato - ha raccontato a Sky Deutschland - e mi hanno detto che ero convocato in prima squadra. Mi ci sono voluti 45 minuti per capire cosa stesse succedendo". 

Una macchina della società lo ha così prelevato in autostrada ed è sfrecciata verso l'Opel Arena. Baku è stato schierato nell'undici titolare, ha segnato un gol e a fine partita è risultato il giocatore ad aver corso più chilometri (11). "Non so davvero cosa dire, è tutto incredibile. Oggi non mi poteva andare meglio". Come contraddirlo. 

Bundesliga, il racconto di Mainz-Lipsia

La squadra di Schwarz è in piena lotta salvezza, Hasenhüttl è a caccia di punti per la zona europea. L'inizio migliore è del Lipsia, che si fa vedere dalle parti di Adler dopo 10 minuti. La conclusione di Poulsen, però, è ribattuta dalla difesa. La doccia fredda arriva alla mezz'ora: Muto riceve al limite dell'area, contatto con Keita e Dankert concede un rigore al Mainz. Dagli 11 metri si presenta De Blasis, che calcia forte e centrale: Gulácsi tocca con i piedi, ma non può evitare l'1-0 dei padroni di casa. La partita si incattivisce e nell'ultimo quarto d'ora arrivano le ammonizioni per Poulsen, Bell e Orban. Si va al riposo con l'Opel Arena che spera un po' di più nella permanenza in Bundesliga.

La ripresa comincia con lo stesso nervosismo degli ultimi minuti del primo tempo. Il primo tentativo è del Mainz: Gbamin aggancia al limite dell'area e mira l'angolino, Gulácsi non si fa sorprendere. La sfida si ripete a metà frazione con lo stesso esito, il portiere del Lipsia mantiene in partita i suoi. Hasenhüttl inaugura le sostituzioni e prova a scuotere gli ospiti, ma l'undicesima sconfitta in Bundesliga è dietro l'angolo. Sono invece i padroni di casa a sfiorare il 2-0: Holtmann punta l'incrocio sinistro appena fuori dall'area, Gulácsi si allunga e mette in corner. È questione di tempo, perché Maxim firma il raddoppio a ridosso del 90'. Muto trova lo spazio per servire il numero 10 in piena area, che batte il portiere avversario e mette in ghiaccio il match. Con gli avversari ormai al tappeto, c'è spazio anche per il tris dell'esordiente Baku. Il centrocampista sigla il 3-0 prima del triplice fischio di Dankert, che fa in tempo ad espellere Keita e completa il disastro del Lipsia.

Il Mainz si tira nuovamente fuori dalla zona retrocessione, in attesa della trasferta di Dortmund. Per il Lipsia, invece, la Champions League dista ben 5 punti e anche il sesto posto in Bundesliga è a rischio. Il prossimo turno è in casa contro il Wolfsburg.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.