Inter-Juventus, Allegri: "Gara tosta o non usciamo vivi da San Siro"

Il tecnico dei bianconeri presenta il big match di San Siro contro l'Inter.

631 condivisioni 0 commenti

Share

Vuole mettersi il Napoli alle spalle, Massimiliano Allegri. Il tecnico della Juventus vuole vincere contro l'Inter a San Siro per archiviare il gol di Koulibaly e avvicinare il settimo scudetto di fila. In conferenza stampa come al solito non è stato banale nel presentare il big match della 35esima giornata di Serie A: 

In questo tipo di situazioni mi diverto, le preferisco a quelle piatte come ad esempio quando si vince lo Scudetto in anticipo. Dobbiamo mettere in campo coraggio e incoscienza, servono entusiasmo e forza di volontà per scrivere un'altra pagina di storia

Sulle presunti liti nello spogliatoio:

Mi dispiace che escano voci simili, notizie senza alcun fondamento che minano la professionalità di ognuno di noi. Non è neanche la prima volta, dobbiamo essere bravi a farci scivolare tutto addosso e pensare solo alle cinque partite che restano (quattro di campionato più la finale di Coppa Italia, ndr). Momenti complicati capitano, ma non vuol dire che improvvisamente da campioni siamo diventato brocchi. Quel che conta ora è l'equilibrio, domani servirà una grandissima partita, una gara tosta, altrimenti non usciamo vivi da San Siro. In ogni caso lo Scudetto non verrà assegnato in questo weekend

Poi ripensa al Napoli:

In una sfida come quella col Napoli, uno scontro diretto ad alta tensione può succedere di tutto. Il Napoli ha segnato al 90', in un momento della partita in cui si pensa che è finita e invece bisogna prestare ancora più attenzione. Non è il primo gol che subiamo alla fine

Su Dybala:

Parliamo di un grande giocatore che in un mese può dare tanto alla Juventus. Sta bene, ovvio che tutti si aspettavano di più da lui ma ora sarà fondamentale per noi. Lui poi deve conquistarsi il Mondiale con l'Argentina. Dobbiamo toglierci dalla testa la sconfitta col Napoli e affrontare con entusiasmo il finale di stagione. Corriamo invece dei rischi se siamo negativi. Ora è il momento di lavorare e stare zitti, ma è una storia già vista: se vince sei bravo e bello, se perdi... Pensiamo solo a giocare a calcio

Infine sui tifosi e la manifestazione andata in scena mercoledì:

Hanno tutto il diritto di esprimere la loro opinione, li rispetto così come loro hanno sempre rispettato me. Se non arrivano risultato è normale qualche brontolio

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.