Scandalo arbitrale in Bundesliga, sospeso Stieler: è amico dei calciatori?

Il direttore di gara non verrà designato per nessuna delle ultime giornate di campionato: c'è il sospetto che abbia protetto Petersen del Friburgo.

L'arbitro Stieler in Bundesliga è stato sospeso perché si sospetta sia amico di alcuni giocatori

936 condivisioni 0 commenti

di

Share

Sospeso. E si prende anche tutte le critiche del caso. Perché è un episodio davvero unico nel suo genere. In Bundesliga l'arbitro Tobias Stieler ha finito anzitempo la propria stagione. Non verrà più designato per nessuna partita del campionato tedesco. E questo non solo per un clamoroso errore tecnico ma per un atteggiamento strano e provocatorio nei confronti della Federcalcio tedesca.

Il 31 marzo scorso, durante la partita di Bundesliga fra Schalke e Friburgo, Stieler ha espulso l'attaccante ospite Nils Petersen per doppia ammonizione. Il giocatore però non è stato squalificato perché il direttore di gara aveva estratto il primo cartellino senza avvertire il diretto interessato (che dava le spalle all'arbitro).

Già la partita dopo quindi Petersen era in campo. Errore grave, ma non è tutto. Perché ai dirigenti della Federcalcio tedesca è sorto un dubbio: Stieler ha infatti ammonito l'attaccante del Friburgo per proteste. Cosa ha detto il giocatore nei confronti del direttore di gara per farsi cacciare? Nel referto non ne viene fatta menzione.

L'allenatore del Friburgo protesta contro Stieler
L'allenatore del Friburgo protesta contro Stieler

Bundesliga, sospeso l'arbitro Stieler

Il problema è che c'è il sospetto che Stieler abbia deciso di non fare riferimento alle proteste di Petersen perché i due sono amici. Più persone (compresi alcuni giocatori) assicurano di aver notato che i due si danno del tu e non del lei come si è soliti fare in Bundesliga fra arbitro e giocatore. Possibile che Petersen, frustrato per la delicata situazione di classifica del Friburgo (rischia la retrocessione), abbia utilizzato parole pesanti che dovevano esser punite con un rosso diretto? Se così fosse l'attaccante, miglior marcatore della propria squadra, avrebbe dovuto saltare per squalifica più di una partita. Possibile quindi che Stieler lo volesse proteggere?

La DFB ha deciso di chiedere spiegazioni direttamente al direttore di gara che non ha però voluto riportare le offese ricevute. Per questo la Federazione tedesca ha deciso di sospendere l'arbitro. Da qui a fine stagione Stieler non tornerà in campo. Ma il dubbio resta, così come il mistero: perché non svelare le offese ricevute da Petersen? La DFB vuole fare chiarezza, anche perché il precedente è davvero antipatico. Non soltanto per la Bundesliga.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.