Champions League, la guida calcistica per il romanista a Liverpool

È una delle più affascinanti città del Regno Unito: qui si respira calcio e musica. Tanti i luoghi da visitare seguendo anche i Beatles. Ecco il vademecum per la trasferta.

159 condivisioni 0 commenti

di

Share

Zaino in spalla, maglia giallorossa e santino di Francesco Totti nel portafogli. I tifosi della Roma sono pronti a invadere Liverpool per la semifinale d’andata di Champions League in programma il 24 aprile. Nel magico teatro di Anfield, uno degli stadi più belli e affascinanti al mondo, ecco una delle sfide che sognavi di vedere da bambino.

In 3 ore di volo eccoci a Liverpool, città di 466mila abitanti che affaccia sul Mare d’Irlanda. Siamo nella contea inglese del Merseyside, una zona già abitata fin dal medioevo perché ricca di risorse. Il fiume Mersey e il porto hanno sempre dato un impulso fondamentale all’economia della città.

Il 24 aprile, giorno della partita di Champions League, è anche l’occasione per i tanti tifosi di fare "ponte" con il 25, Festa della Liberazione in Italia. Insomma, match incastonato in maniera perfetta per un bel viaggetto accanto alla Roma. Per rincorrere un sogno, la finale di Kiev. Dopo la clamorosa rimonta contro il Barcellona, i giallorossi ci credono.

Champions League, l'ingresso di Anfield, stadio del Liverpool
Champions League, l'ingresso di Anfield, lo stadio dei Reds

Champions League, i tifosi della Roma a Liverpool: tra musica e calcio

Saranno circa 2500 i tifosi della Roma che potranno assistere alla super semifinale d’andata del match di Champions League contro il Liverpool. Biglietti che costano 56 euro venduti in 2 fasi: prelazione per chi aveva assistito alle altre trasferte europee e poi via alla vendita libera. Di sicuro dall’Italia ne partiranno di più, pronti a gustarsi la partita in qualche pub cittadino davanti a boccali di birra. Rigorosamente con la sciarpa al collo.

Come raggiungere Liverpool da Roma

Naturalmente il mezzo più veloce è l’aereo. Le compagnie che volano dirette su Liverpool da Roma sono Blue Air e Alitalia. Prezzi molto alti, ma esistono valide alternative. La più comoda ed economica: prenotare un volo Roma-Manchester con Ryanair. Da Liverpool sono "appena" 46 km. Da lì prendere un treno, un autobus o eventualmente affittare una macchina. Oppure, sempre con la compagnia aerea irlandese, volare da Pisa, Milano Malpensa o Bari direttamente su Liverpool. Prezzi molto convenienti, ma c’è da aggiungere eventualmente il viaggio da Roma per raggiungere gli aeroporti. Pronti a fare il viaggio della vita? In macchina si può, certo, ma la distanza è notevole: 2.234 chilometri e un giorno no-stop di viaggio.

Come raggiungere il centro città

L’aeroporto John Lennon di Liverpool dista 15 chilometri dalla città. Una volta atterrati, si può raggiungere il centro con il bus "ARRIVA". La navetta Airlink 501 collega l’aeroporto alla stazione di Liverpool South Parkway (in 10 minuti, ogni 15 minuti), mentre la navetta Airlink 500 (così come il bus 80A, 82A, e 86A) porta in centro città (una corsa ogni mezz’ora).

Come muoversi 

Il trasporto pubblico è gestito dalla Merseytravel. Copre ogni parte della città a qualsiasi ora con bus e con il servizio locale di ferrovia suburbana. Ci sono tre linee: la Northern Line, la Wirral Line e la City Line.

Le cose da vedere

Merita una visita la Cattedrale anglicana di Liverpool. È la più grande del mondo. Costruzione in stile neogotico, è ancora ad oggi un punto di riferimento per tutti i fedeli anglicani. Imponente, massiccia, vanta la maestosa Torre di Vestey, alta 101 metri.

Vale la pena farsi un giro anche nell’area portuale famosa per i suoi pontili e gli spazi aperti. Sotto lo sguardo della statua di Edoardo VIII si possono visitare due dei più importanti edifici inseriti nella lista UNESCO: il Royal Liver Building, famoso per essere uno dei simboli della città con i suoi orologi, e il Cunard Building.

Royal Liver Building di Liverpool
Royal Liver Building. edificio simbolo di Liverpool

In memoria di Hillsborough 

Sono tante le persone che ogni anno visitano Sheffield, a circa due ore da Liverpool, nel ricordo della strage di Hillsborough. Un pellegrinaggio ricco di emozione per quei 96 tifosi dei Reds morti schiacciati dalla calca a causa di una pessima gestione delle entrate allo stadio. In quel 15 aprile del 1989 si giocava la semifinale di FA CUP tra Liverpool e Nottingham. Da quel momento qualcosa è cambiato. Un incidente terribile, una strage mai dimenticata. Ancora oggi si va lì per portare una candela, un messaggio, un fiore, una foto. La targa recita: 

In memoria dei 96. Uomini, donne e bambini che tragicamente morirono, ma anche per le innumerevoli persone le cui vite furono cambiate per sempre.

Anfield, uno spettacolo

Il magico stadio del Liverpool si trova a circa 3 chilometri dal centro. È facilmente raggiungibile con l’autobus: prendere la linea 26 o 27 dalla fermata di Paradise St. o la linea 17 dalla stazione degli autobus di Queen Square, o ancora la linea 917 da St. Johns Lane. Anche la linea 68/168 che opera tra Bootle e Aigburth e le linee 14 e 19 da Queen Square fermano anch’esse nelle vicinanze delle stadio. Capienza: 59mila spettatori. Famosa la Kop, uno dei settori più caldi di tutti gli stadi del mondo. 

Sulle tracce dei Beatles 

Liverpool è la città dei Beatles. Qui i Fab Four hanno dato origine al loro cammino rock che ha rivoluzionato per sempre la musica mondiale. E se oltre ad essere tifosissimi della Roma amate anche le canzoni di Lennon e compagni, allora qualche tappa nei luoghi fondamentali degli "Scarafaggi" è d’obbligo.

Una visita al museo ufficiale ci sembra il giusto inizio. Usciti da lì, via in direzione The Cavern Pub, uno dei primi locali dove la band si è esibita. Poi una passeggiata a Penny Lane, il viale che ha dato il titolo all’omonima canzone. Qui John Lennon e Paul McCartney vissero la loro infanzia. E no, niente foto sulle strisce pedonali: Abbey Road, la famosa strada dove venne scattata la foto dei Beatles che diede poi il titolo al disco, si trova a Londra, più precisamente nel quartiere di Camden. 

Il famoso The Cavern Pub a Liverpool
Il famoso The Cavern Pub: uno dei primi locali dove si esibirono i Beatles

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.