Atletica, Ronnie Baker primo sprinter sotto i 10 secondi nel 2018

Ricco week-end di risultati dalle gare primaverili: in primo piano le Mt. Sac Relays di Torrance in California che hanno acceso la stagione con tanti risultati di rilievo.

Ronnie Baker

15 condivisioni 0 commenti

di

Share

Le Mt. Sac Relays hanno regalato il primo acuto cronometrico stagionale sui 100 metri maschili. Il bronzo mondiale indoor dei 60 metri di Birmingham 2018 Ronnie Baker ha firmato il primo meno 10 secondi di questa stagione con un eccellente record personale 9”97 ripetendo il successo della passata edizione di questo meeting in 9”99. “The Hell Machine” come viene soprannominato il campione NCAA 2016, ha realizzato tre tempi in carriera sotto i 10 secondi. In questa stagione ha già stabilito i personali sui 60 metri indoor con 6”40 e sui 200 metri outdoor con 20”55. Baker ha preceduto Jeff Demps (10”08) e il vincitore della Diamond League 2017 Chijindu “CJ” Ujah (10”08). Bryce Robinson si è aggiudicato l’altra serie in 10”07. Nello stesso meeting californiano Baker ha corso anche i 200 metri in 20”62.

Nei 100 metri femminili la diciannovenne Twanisha Terry è scesa per la prima volta sotto gli 11 secondi con 10”99 precedendo Ashley Henderson (11”07) e l’italo- statunitense Jenna Prandini (11”09). Terry, studentessa presso la University of Southern California, ha migliorato il precedente record personale di 11”20 realizzato in Arizona due settimane fa. La sua prestazione ottenuta nel meeting californiano si colloca al quarto posto delle liste mondiale all-time under 20 e al secondo delle liste statunitensi ad un centesimo dal primato nazionale di categoria detenuto dalla campionessa mondiale under 18 e under 20 Candance Hill. Ashley Henderson si è imposta nei 200 metri in 22”66.

I 400 metri hanno visto ancora protagonista il primatista mondiale indoor dei 400 metri Michael Norman, che ha fermato il cronometro in 44”53 due settimane dopo aver debuttato in questa stagione sui 200 metri in 20”06 con -1.4 m/s di vento contrario. Secondo Quincy Watts, campione olimpico dei 400 metri di Barcellona 1992, Norman potrebbe battere presto il record del mondo di Wayde Van Niekerk. Raj Benjamin, velocista di Antigua e compagno di squadra alla University of South California, si è classificato secondo scendendo sotto i 45 secondi sui 400 metri con 44”74 precedendo Paul Dedewo di quattro centesimi di secondo. Il campione NCAA 2017 dei 400 metri Fred Kerley si è aggiudicato i 200 metri in 20”48 precedendo Kendal Williams (20”66). La medaglia d’argento mondiale under 20 Lynna Irby ha stabilito il record personale sui 400 metri in 50”95.

La campionessa olimpica dei 100 ostacoli Brianna Rollins McNeil ha realizzato il miglior tempo mondiale dell’anno e il quarto tempo della sua carriera con 12”43 precedendo Bridgette Owens (12”79) e ∑Dior Hall (12”85). Grande sorpresa nei 110 ostacoli maschili dove David Kendziera ha battuto per due centesimi il primatista del mondo e campione olimpico Aries Merritt di due centesimi di secondo in 13”47. La campionessa olimpica dei 400 ostacoli Dalilah Muhammad ha esordito in questa stagione vincendo in 55”25. Jarvis Gotch si è espresso con un buon 8.27m nel salto in lungo maschile. La vice campionessa mondiale indoor Vashti Cunningham ha superato 1.91m nel salto in alto femminile. L’ostacolista Tara Davis si è cimentata nel salto in lungo vincendo con 6.63m. La campionessa NCAA e finalista iridata Keturah Orji si è imposta nel salto triplo con 14.33m.

Justin Gatlin debutta sui 100 metri in 10”05 a Grenada

Il campione del mondo dei 100 metri Justin Gatlin ha corso il primo 100 metri stagionale in 10”05 precedendo Isiah Young (10”11) e Mike Rodgers (10”17) al Grenada Invitational disputato al Kirani James Stadium dedicato al campione olimpico dei 400 metri di Londra 2012. L’iridata dei 100 metri Tori Bowie ha disputato il primo 100 metri stagionale in 22”75. Il campione olimpico dei 400 metri di Pechino 2008 e due volte iridato di Berlino 2009 e Mosca 2013 Lashawn Merritt si è imposto sui 200 metri in 20”57. Il quattrocentista di Grenada Bralon Taplin ha avuto la meglio sui 400 metri in 45”29 davanti al dominicano Luguelin Santos (45”66) e al costaricense Neri Brenes (45”73). La campionessa mondiale dei 400 ostacoli Kori Carter si è cimentata sui 100 ostacoli in un buon 12”79 superando la neo campionessa del Commonwealth Tobi Amusan (12”93).

Il sudafricano Ncilncilili Titi ha fermato il cronometro in un eccellente 20”00 sui 200 metri con vento regolare di +1.9 m/s a Columbia in South Carolina. A Waco si è svolto il Michael Johnson Invitational organizzato dal due volte campione olimpico dei 200 metri e dei 400 metri di Atlanta 1996. Il risultato di spicco è arrivato dal nigeriano Divine Oduduru, che ha corso i 100 metri in 10”10 dopo aver brillato nella recente stagione indoor con un eccellente 20”18 sui 200 metri. Il giovane Will London (qualificato l’anno scorso per i Mondiali di Londra) ha debuttato in questa stagione sui 400 metri con 44”73. L’equadoregna Angela Tenorio si è imposta sui 100 metri femminili in 11”20 precedendo Candice McGrone (11”32) e la campionessa mondiale dei 400 metri Phyllis Francis (11”35).

A Long Beach il due volte campione olimpico del salto triplo Christian Taylor ha debuttato in questa stagione all’aperto nella sua specialità, dopo aver disputato due gare sui 400 metri, vincendo con 17.15m precedendo a pari misura ma con un secondo miglior salto Omar Craddock. L’iraniano Ehsan Hadadi ha confermato il suo eccellente stato di forma vincendo il lancio del disco con la misura di 66.20m precedendo Reggie Jagers (64.63) e la medaglia d’argento iridata di Londra Daniel Stahl (64.35m). Il campione mondiale di Osaka 2007 di salto in alto Donald Thomas ha esordito nella stagione all’aperto vincendo con 2.31m a Auburn.

Il britannico Nethaneel Mitchell Blake (campione mondiale della staffetta 4x100 a Londra 2017) ha corso il primo 100 metri della stagione in 10”08 con vento nei limiti della norma di +2.0 m/s. Buon 100 metri femminile dove Mikiah Brisco ha fermato il cronometro in 11”09 precedendo di tre centesimi di secondo Kimberley Duncan, che si è aggiudicata i 200 metri in 22”74. La campionessa mondiale indoor dei 400 metri Courtney Okolo ha fermato il cronometro in 51”46 sui 400 metri femminili. Rushelle Burton ha avuto la meglio sui 100 ostacoli in 12”89 davanti a Jasmine Stowers (12”98). Vittoria italiana di Nadia Maffo (studentessa universitaria negli States) nel lancio del martello con 59.96m.

Sempre negli States Daisy Osakue ha raggiunto la misura di 59.55m nel lancio del disco al West Texas Invitational di Canyon. La studentessa della Angelo State University aveva realizzato il record italiano under 23 e la quarta migliore prestazione italiana all-time con 59.72m. Con questa prestazione Daisy ha stabilito anche il record della Division II dell’atletica NCAA. La ragazza di origini nigeriane frequenta un corso di giustizia criminale ad Angelo State in Texas. E’ cresciuta in una famiglia di sportivi. Il padre è stato judoka e la madre ha praticato pallamano.

Osakue ha giocato per sei anni a tennis prima di iniziare con l’atletica nel 2008 nell’impianto della Sisport Torino. E’ allenata dall’ex discobola piemontese Maria Marello (allenatrice della giavellottista Zahra Bani), mentre in Texas è seguita dal coach Nate Janusey. L’obiettivo di Dasy è raggiungere i 60 metri e ottenere il minimo per gli Europei di Berlino della prossima estate. Tornerà in Italia per disputare i Campionati Italiani Under 23 di Agropoli.

Daisy Osakue:

Da Agosto non torno a casa e non è stato facile come per tutti coloro che vivono all’estero lontano dalla famiglia e dagli amici. E’ stata fondamentale la visita della mia allenatrice Maria Marello e della mia amica Zahra Bani in Febbraio. Sono stata fortunata perché negli States ho trovato un gruppo fantastico di amici e di compagni che mi sostiene sempre. Quando ho battuto il record italiano under 23 c’erano il rettore dell’università, allenatori, professori e compagni di squadra. Non vedo l’ora però di tornare a casa e gareggiare con la maglia azzurra

Nello stesso meeting texano il figlio d’arte Tobia Lahbi ha stabilito il secondo miglior tempo della sua carriera sui 400 ostacoli con 51”12, a 14 centesimi dal record personale stabilito a Rieti nel 2016.

Samba sotto i 48 secondi nei 400 ostacoli

Il giovane talento del Qatar Abderrahamane Samba è sceso per la prima volta in carriera sotto i 48 secondi sui 400 ostacoli con un eccellente 47”89 in Sudafrica in una gara di avvicinamento al meeting della Diamond League di Doha del prossimo 4 Maggio stabilendo il secondo miglior tempo asiatico di sempre a pari merito con il giapponese Dai Tamesue. Più veloce nel continente asiatico ha corso soltanto il saudita Hadi Souan Al Somaily con 47”53 alle Olimpiadi di Sydney 2000.

Folorunso batte la migliore prestazione italiana under 23 sui 300 ostacoli

In ambito italiano grande esordio stagionale della campionessa europea under 23 e oro alle Universiadi sui 400 ostacoli Ayomide Folorunso, che ha stabilito la migliore prestazione italiana under 23 sulla distanza non olimpica dei 300 ostacoli con 39”03 a La Spezia, a soli tre centesimi di secondo dal record nazionale assoluto detenuto da Marzia Caravelli stabilito il 25 Aprile 2014. L’allieva di Maurizio Pratizzoli ha migliorato il suo primato di categoria di 39”73 ottenuto il 16 Settembre 2017 a Milano.

Ayomide Folorunso:

Il risultato è incoraggiante dopo una settimana impegnativa negli allenamenti e negli studi. Mi dispiace per un errore tecnico sul sesto ostacolo, ma sto ritrovando il giusto feeling tra le barriere, anche se non ci ho dedicato più tempo rispetto al solito. Questo vuol dire che la preparazione procede bene e sono contenta

Sulla pista di Napoli il vice campione europeo under 20 dei 400 ostacoli e oro continentale di Grosseto 2017 Alessandro Sibilio ha fermato il cronometro in 33”24 sui 300 sfiorando la migliore prestazione italiana under 20 del campione europeo juniores Vladimir Aceti realizzata con 33”12 a Milano il 16 Settembre 2017. 

Buon test di Eleonora Giorgi in vista del Mondiale a squadre di marcia di Taicang

Eleonora Giorgi, Yusneisy Santiusti e Elena Bellò hanno regalato gli acuti dal punto di vista tecnico del meeting Walk & Middle Distance Night Memorial Ugo Grassia, organizzato da Giorgio Rondelli al Campo Sportivo XXV Aprile di Milano per l’ottava edizione. La primatista italiana della 20 km di marcia Eleonora Giorgi ha effettuato un buon test in vista dell’imminente Coppa del Mondo di marcia di Taicang del 5 e 6 Maggio percorrendo la distanza dei 5000 metri in pista in un buon 21’39”68.

Eleonora Giorgi:

Ci tenevo molto a questa gara perché si svolgeva sul campo dove di solito mi alleno. Sono appena tornata dal raduno di Tirrenia ed ero un po’ stanca dopo aver percorso 20 km di allenamento questa mattina. Il 25 Aprile parto per la Cina in vista della Coppa del Mondo. Quest’anno ho svolto due prove internazionali che mi hanno dato buone sensazioni. A Lugano volevo soprattutto rompere il ghiaccio dopo mesi di allenamento, anche se faceva molto freddo. A Podebrady ho puntato a fare un buon tempo. A Taicang spero di trovare condizioni ideali

La quinta classificata degli ultimi Europei di Amsterdam sugli 800 metri Yusneysi Santiusti ha corso i 1000 metri in 2’45”68. La vicentina Elena Bellò (quarta alle Olimpiadi Giovanili sugli 800 metri a Nanchino 2014 e finalista agli Europei Under 23 della scorsa estate) ha realizzato la migliore prestazione all-time sui 600 metri con 1’29”20. Il precedente primato apparteneva alla stessa atleta con 1’29”39, tempo realizzato a Trento il 29 Aprile 2017.

Ottima prova anche per la figlia d’arte Nadia Battocletti, che si è imposta sui 3000 metri in 9’20”60 diventando l’undicesima di sempre in Italia a livello under 20. Bella prova anche per la maratoneta veneziana Giovanna Epis, che ha firmato il personale con 9’23”61.

Track and Field Weekly, il magazine settimanale dell’atletica in onda su Fox Sports

In vista dell’imminente partenza della IAAF Diamond League a Doha del prossimo 4 Maggio sono iniziate le trasmissioni del magazine settimanale Track and Field Weekly sull’atletica internazionale su Fox Sports. Nel magazine i telespettatori appassionati di atletica potranno seguire gli highlights della Diamond League, del World Challenge e delle grandi rassegne IAAF del 2018 come la Coppa del Mondo di marcia di Taicang, i Mondiali under 20 di Tampere e la Continental Cup di Ostrava oltre ad interviste con le stelle dell’atletica, storie dietro le quinte dei più importanti eventi e notizie generali sull’atletica mondiale.

Nella prima puntata andata in onda lo scorso Giovedì scorso la campionessa mondiale dei 100 metri Tori Bowie ha raccontato il suo sogno di gareggiare nel lungo alle Olimpiadi di Tokyo e la primatista svedese del salto in lungo Khaddi Sagnia ha parlato della sua passione per il salto triplo e del rapporto speciale con la sua allenatrice. Nella prossima puntata in onda su Fox Sports Giovedì 26 Aprile dalle 19.30 alle 20 verrà proposta un’intervista con il campione del mondo dei 400 ostacoli norvegese Karsten Warholm.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.