Bundesliga, il Bayern Monaco avvisa il Real Madrid: 3-0 ad Hannover

Il turnover in vista della semifinale di Champions League non ferma il Bayern Monaco: Müller, Lewandowski e Rudy passeggiano sull'Hannover.

544 condivisioni 0 commenti

di

Share

La Champions League non distrae il Bayern Monaco. Impossibile, per i freschi campioni di Germania, non fare i conti con l'appuntamento di mercoledì: all'Allianz Arena si presenterà il Real Madrid, sarà tempo di semifinale e di sete di rivincita contro i blancos. Anche con il turnover massiccio di Jupp Heynckes, però, i bavaresi vincono anche ad Hannover: il 3-0 dell'HDI Arena matura interamente nella ripresa, grazie a Thomas Müller, Robert Lewandowski e Sebastian Rudy. I due fuoriclasse, partiti dalla panchina, e l'ex Hoffenheim - al primo centro con il suo nuovo club - regalano ai Roten la 25ª vittoria in una Bundesliga già chiusa da due giornate.

A riposare per tutti i 90 minuti, invece, altri big come Ribery, Hummels e Kimmich: a quattro giorni dall'impegno più importante della stagione, la prudenza di Heynckes è stra-legittima.  E poi, con il discorso titolo già in archivio, ecco anche l'occasione per far esordire il primo classe 2000 nella storia del Bayern Monaco: per Lars Lukas Mai, difensore centrale 18enne e capitano dell'Under 19 bavarese, un sabato che rimarrà indimenticabile.

Anche se i pensieri dei campioni di Germania sono rivolti in parte alla supersfida con le merengues, l'undici mandato in campo da Heynckes è tutt'altro che distratto: i Roten dominano per quasi tutta la partita, regalando al portiere dell'Hannover Tschauner un primo tempo da eroe. Nella ripresa, però, non può nulla sui graffi di Müller al 57', di Lewandowski al 73' (dopo neanche sette minuti dal suo ingresso) e di Rudy all'89. Per i padroni di casa di André Breitenreiter, già sicuri di evitare la retrocessione diretta, manca ancora un passo per la matematica certezza di non passare dai playoff.

Bundesliga, Bayern Monaco di misura ad Hannover: ora il Real Madrid

Ci ha messo sei minuti e poco più, dicevamo, Lewandowski per siglare il suo 28° centro in 28 partite di campionato, nonché il 39° stagionale in 45 incontri. Numeri da cannibale e, ancora una volta, da recordman: con 104 reti in Bundesliga con la maglia dei Roten, diventa il primo straniero della storia della massima divisione tedesco per numero di gol con un solo club (superato l'ex Werder Brema Claudio Pizarro).

Simbolico anche il sigillo di Müller: è il suo 11° centro contro l'Hannover, sua nuova vittima preferita (alla pari dello stesso Werder). Prima gioia assoluta, invece, per Rudy: la sua girata quasi allo scadere vale la prima rete con la maglia del Bayern Monaco. Heynckes, insomma, ha tre motivi per sorridere in vista del Real Madrid. Sabato 28, invece, la sfida contro l'Eintracht Francoforte del promesso sposo Niko Kovac.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.