Sbaglia di proposito rigore inesistente: "CR7 doveva fare lo stesso"

Parla Nicolò Francescotti, il ragazzo di 13 anni che ha dato lezioni di fair play: "Nessuno mi ha suggerito nulla, ho fatto solo quello che credevo fosse giusto".

4k condivisioni 1 commento

Share

Un gesto che ha fatto il giro del mondo. Lui si chiama Nicolò Francescotti, ha 13 anni e ha volutamente sbagliato un rigore nel match della Categoria Giovanissimi tra La Pelota FC Aprilia e Connect. 

Nasce tutto dal fischio dell'arbitro che assegna un rigore inesistente. Nicolò, già autore di due reti, va sul dischetto e calcia il pallone abbondantemente a lato.

Il rigore non c’era – ha dichiarato Francescotti al quotidiano "Latina Oggi" - ma ho notato che l’arbitro era in difficoltà, credo fosse la sua prima partita. L'ho visto pentito, non poteva tornare indietro e così in maniera istintiva ho sbagliato il rigore di proposito. Ho fatto la cosa che credevo fosse più giusta, nessuno mi ha consigliato di farlo. Anche Cristiano Ronaldo avrebbe dovuto fare come me

Il riferimento è al rigore trasformato da Cristiano Ronaldo nei minuti finali di Real Madrid-Juventus, ritorno dei quarti di Champions League. Alla fine la partita tra i giovani calciatori è stata vinta 6-0 da La Pelota FC di Nicolò Francescotti.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.