MMA, UFC Fight Night 128: l'arte della guerra nella città del Monopoli

UFC torna ad Atlantic City: tanti i top fighters impegnati nella main card, in onda su FOX Sports dalle ore 4:00 della notte tra sabato 21 e domenica 22 aprile.

UFC FN 128 official banner

60 condivisioni 0 commenti

di

Share

UFC fa ritorno ad Atlantic City. La promotion più importante al mondo nel settore delle MMA fa capolino nella località turistica più in voga del New Jersey, stato famoso per aver dato i natali al fenomeno televisivo virale "Jersey Shore". Nella cittadina che ha anche ispirato l'edizione statunitense del Monopoly saranno ben sei i match che il nostro Alex Dandi andrà a commentare su FOX Sports a partire dalle ore 4:00 della notte tra sabato 21 e domenica 22 aprile, con la main card che verrà aperta dall'interessante confronto al limite delle 155 libbre tra Jim Miller e Dan Hooker. Un incontro questo che cozza non poco con le recenti politiche di matchmaking UFC, visti i trend nettamente diversi dei due fighter. Tre sconfitte consecutive e due successi di fila rispettivamente per "A -10" e "The Hangman", con quest'ultimo che ha recentemente raccolto il successo più importante della sua carriera sconfiggendo il prospetto anglo-congolese Marc Diakiese. Una eventuale vittoria spedirebbe con tutta probabilità Hooker a ridosso della top 15 dei pesi leggeri, consolidando la sua crescita sportiva a 28 anni compiuti. 

Successivamente spazio ai pesi gallo, con Aljamain Sterling che proverà a dimenticare il bruttissimo KO inflittogli da Marlon Moraes affrontando il rampante peso gallo Brett Johns. Paradossale come, dalla risicata sconfitta per split decision contro Bryan Caraway, la carriera di "The Funk Master" abbia preso una piega inaspettata, con l'atleta newyorkese che sembra essersi leggermente incupito a seguito dei primi stop della sua carriera sportiva. L'avversario sarà di quelli stilisticamente favorevoli, con il 15-0 di "The Pikey" che non può e non deve intimorire un atleta della levatura di Sterling. Chi vincerà, con tutta probabilità, avrà modo di rilanciare le proprie ambizioni affrontando un combattente ben piazzato nella top 10 delle 135 libbre UFC. 

Interessantissima poi la contesa tra David Branch e Thiago Santos, valida per la categoria pesi medi. L'ex campione delle 185 libbre WSOF è reduce dalla sconfitta patita contro il parigrado UFC Luke Rockhold, che ne ha un po' minato le ambizioni di vertice all'interno della divisione. All'angolo opposto invece vi sarà un "Marreta" reduce da ben quattro vittorie consecutive, che lo hanno lanciato non poco nei ranking. Muay thai perfettamente adattata alle MMA quella del brasiliano, che dovrà però stare attento a non subire la pressione di un Branch alla ricerca di riscatto nella sua seconda avventura all'interno dell'ottagono più famoso al mondo. A precedere gli ultimi due incontri di serata sarà la sfida tra pesi massimi che vedrà opposti Chase Sherman e Justin Willis. Anche in questo caso trend nettamente diversi per i due fighter, con "The Vanilla Gorilla" e "Big Pretty" che proveranno ad impensierire i soliti nomi ai vertici delle classifiche della divisione. Favori del pronostico tutti per Willis, che pur vantando un fisico decisamente poco atletico può contare su una castagna da KO decisamente importante.

MMA: co-main e main event di UFC FN 128

Co-main event che rappresenterà invece il secondo atto di un match andato in scena quasi quattro anni fa. Dopo il successo del 22 novembre del 2014, infatti, Frankie Edgar tenterà di imporsi ancora una volta su Cub Swanson al meglio delle tre riprese. Situazioni e periodi analoghi stavolta per i due fighter, vere e proprie istituzioni del panorama delle MMA al limite delle 145 libbre. "The Answer" torna in azione a poco più di un mese dal tremendo KO inflittogli da Brian Ortega in quel di UFC 222, con uno score di due vittorie e due sconfitte negli ultimi quattro impegni. Situazione migliore invece per "Killer Cub", reduce da quattro vittorie negli ultimi cinque incontri disputati ma fermato anche lui da "T-City".

Poco da dire infine riguardo al main event, che si presenta da solo grazie all'hype creatosi sin dall'annuncio di Edson Barboza vs Kevin Lee. I due fighter sopracitati sono stati infatti le ultime "vittime sacrificali" di Khabib Nurmagomedov e Tony Ferguson, main eventer iniziali di UFC 223 prima del gravissimo infortunio patito da "El Cucuy". Tre vittorie negli ultimi quattro match per "Junior", cinque negli ultimi sei per "The Motown Phenom". Chi vincerà, con tutta probabilità, avrà modo di rilanciarsi anche nell'ottica di una possibile title eliminator con Dustin Poirier.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.