Serie A, quando la Juve può vincere matematicamente il campionato

La prima data possibile è il 22 aprile: la Juve non può più essere raggiunta se batte Crotone e Napoli e i partenopei perdono con l'Udinese. Ecco tutte le ipotesi...

436 condivisioni 0 commenti

di

Share

Calcolatrice in mano e sguardo fisso sul calendario. Mancano 6 giornate alla fine e la Juventus ha riallungato in classifica sul Napoli grazie al successo sulla Sampdoria e al pareggio degli uomini di Sarri in casa del Milan. 

La Serie A, l’unico dei top-campionati ancora in bilico, “rischia” di finire come gli ultimi sei anni, con il trionfo dei bianconeri. Ma quando, dall’alto degli 84 punti conquistati in 32 giornate, la squadra di Allegri potrebbe staccare i partenopei, ora a 78, e laurearsi matematicamente campione d’Italia?

“Il prima possibile”, penseranno a Torino. “Vinciamo lo scontro diretto e poi li superiamo”, sogneranno ancora a Napoli. Fatto sta che a 6 turni dal termine è arrivato il momento di fare un po’ i conti e capire quando sarà possibile (o probabile) avere senza dubbio il nome della vincitrice dello Scudetto 2017-2018. 

Massimiliano Allegri e Maurizio Sarri
Massimiliano Allegri, 50 anni, e Maurizio Sarri, 59, si abbracciando prima del match dell'andata (0-1 per la Juve)

Serie A, quando la Juventus può vincere matematicamente il campionato

Come già preannunciato, prendiamo la calcolatrice (anche se i calcoli non sono così complicati) e diamo un’occhiata a quelli che saranno gli impegni delle due squadre da qui a fine campionato. La Juventus andrà a Crotone in questo turno infrasettimanale, mentre domenica prossima ci sarà lo scontro diretto all’Allianz Stadium. Poi la trasferta con l’Inter e di fila in casa con il Bologna, la partita all’Olimpico con la Roma e l’ultima interna con il Verona. 

Gonzalo Higuain
Gonzalo Higuain, 30 anni, autore del gol decisivo nello scontro diretto dell'andata al San Paolo

Il Napoli, in ordine, se la vedrà questo mercoledì con l’Udinese al San Paolo, andrà a Torino per il big match, affronterà la Fiorentina fuori, ospiterà il Torino, poi a Genova con la Samp e chiusura davanti al proprio pubblico con il Crotone, chissà se ancora in corsa per la lotta salvezza.

Calendario Juventus e Napoli

  • 33° giornata - 18 aprile: Crotone-Juventus; Napoli-Udinese
  • 34° giornata - 22 aprile: Juventus-Napoli 
  • 35° giornata - 28 aprile: Inter-Juventus; 29 aprile: Fiorentina-Napoli
  • 36° giornata - 5 maggio Juventus-Bologna; 6 maggio: Napoli-Torino
  • 37° giornata - 13 maggio: Roma-Juventus; Sampdoria-Napoli
  • 38° giornata - 20 maggio: Juventus-Verona; Napoli-Crotone

Rugani, Buffon e Asamoah
Rugani, Buffon e Asamoah dopo la vittoria con la Samp che ha permesso alla Juve di portarsi a +6 sul Napoli

Le date possibili

I punti di vantaggio sono 6 (84 contro 78) e la Juve ha dalla propria parte anche il confronto diretto dell’andata, vinto 1-0 al San Paolo grazie al gol dell’ex Higuain (fischiatissimo). Dunque, ricordato l’intero programma delle due squadre, partiamo con le ipotesi. La domanda è sempre la stessa: quando la Juve può laurearsi matematicamente campione d’Italia? Ecco le possibili date.

  • 22 aprile: Se la Juventus nel turno infrasettimanale batte il Crotone, il Napoli perde in casa con l’Udinese e poi i bianconeri vincono lo scontro diretto dell’Allianz Stadium di domenica prossima. I punti di distanza sarebbero 12 a 4 giornate dalla fine (con entrambi i confronti a favore). Data possibile, seppur complicatissima.
  • 28 aprile: Se la Juventus vince le prossime 3 partite (Crotone, Napoli e Inter). Anche in caso di vittoria del Napoli contro Udinese e Fiorentina, Allegri sarebbe a + 9 su Sarri, a 3 giornate dalla fine, e con entrambi gli scontri diretti a favore. 
  • 28 aprile: Se la Juventus vince con il Crotone e con il Napoli e poi pareggia a Milano con l’Inter, a patto che i partenopei non ottengano il bottino pieno contro contro Udinese e Fiorentina (si ritroverebbero almeno a -9 a 3 giornate dalla fine). 
  • 28 aprile: Se la Juve fa 6 punti nei prossimi 3 turni (vincendo comunque lo scontro diretto) e il Napoli ottiene massimo 3 punti tra Udinese e Fiorentina.
  • 28 aprile: In generale, se la Juve - dopo la partita con l'Inter - ha 9 punti di vantaggio sul Napoli, a patto che non perda lo scontro diretto del 22 aprile con 2 o più gol di scarto.
  • 5 maggio: Se la Juve - dopo la partita con il Bologna - resta a +6 sul Napoli (a 2 giornate dalla fine), a patto che non perda lo scontro diretto di domenica 22 aprile con 2 o più gol di scarto. 
  • 13 maggio: Se la Juve perde lo scontro diretto con il Napoli con una sola rete di scarto, ma vince contro Crotone, Inter, Bologna e Roma. A una giornata dalla fine sarebbe almeno a + 3 sui partenopei e sarebbe certa del primo posto in classifica per la differenza reti migliore (ora +59 contro + 45). 
  • 13 maggio: Se la Juve perde lo scontro diretto (anche con 2 o più gol di scarto), ma vince contro Crotone, Inter, Bologna e Roma, a patto che il Napoli non riesca a fare 12 punti contro Udinese, Fiorentina, Torino e Sampdoria. In questo caso i bianconeri avrebbero più di 3 punti di vantaggio a una sola giornata dalla fine e non potrebbero essere raggiunti.
  • 20 maggio: Se la Juve a fine campionato ha più punti del Napoli o anche gli stessi, a patto che non perda con 2 gol di scarto lo scontro diretto di domenica 22 aprile.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.