La Formula E conquista l'Italia: il GP di Roma fa il pieno di fan

Si fanno i conti alla prima corsa elettrica nella Capitale: 30mila spettatori all'Eur, più di 1 milione a casa. E già si parla delle prossime edizioni.

22 condivisioni 0 commenti

di

Share

Roma ha servito per la prima volta il suo GP di Formula E. Ed è stato un successo. Mentre all’Eur sono iniziate le operazioni di smontaggio del circuito, si fanno i conti all’evento. Boom di ascoltatori in tv, boom di spettatori sugli spalti. Così la Capitale può festeggiare un grande evento che ha abbracciato migliaia di persone.

Su Twitter l’hashtag #formulaeday è stato trend topic per tutta la giornata di sabato. La diretta tv ha fatto il 9.09% di share. Tradotto: 1.118.000 spettatori incollati davanti ad uno schermo per una corsa mai vista tra le strade del quartiere capitolino. 

Un successone non solo per le quattro ruote della Formula E spinte da un motore elettrico. Ha vinto il pilota della Virgin Sam Bird davanti ai 30mila tifosi sugli spalti distribuiti nei 2,8 chilometri del percorso. Prova superata, ora si pensa già alle prossime edizioni.

La Formula E a Roma
Formula E, i bolidi sul circuiti di Roma

Formula E a Roma: un successo

Trentamila spettatori all’Eur intorno ai rombi silenziosi delle monoposto di Formula E, più di 1 milione a casa davanti alla tv. Il primo GP elettrico di Roma ha riscosso un successo notevole. E sui social non si è parlato d'altro. Roma, tra qualche disagio, limitazioni al traffico e più di una polemica, ha retto l’urto e si gode gli applausi di tutti i team.

Il super evento però, non è stato solo in pista. Il GP ha coinvolto tanto pubblico anche in una vera e propria festa iniziata già dal sabato mattina. All’Allianz E-Village sono andate in scena tante auto elettriche e ibride targate Renault e BMW. Poi i simulatori di guida virtuali, master, lezioni e addirittura sessioni di yoga. Migliaia di persone coinvolte nel cuore pulsante della manifestazione. Senza dimenticare il gran gala di chiusura con il presidente FIA Jean Todt, la sindaca di Roma Virginia Raggi e il presidente del CONI Giovanni Malagò.

Indotto e futuro

È tempo di conti in tasca: la Formula E a Roma porta un indotto economico per circa 60 milioni di euro in 3 anni. Ristoranti, bar e alberghi ringraziano. Già si parla del 2019: GP sempre all’EUR, con l’ad dell’E-Prix Alejandro Agag che vuole le gare a Roma addirittura per i prossimi 5 anni. Di sicuro l’anno prossimo si farà. L'esordio è stato più che positivo.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.