Liga, l'Atletico Madrid batte 3-0 il Levante e celebra Cen-Torres

L'attaccante spagnolo firma il gol del 3-0 e il suo 100° con la maglia dei colchoneros. Simeone consolida il suo secondo posto in classifica aspettando il Real.

428 condivisioni 0 commenti

di

Share

Doveva essere 'El dia del Niño" così è stato. Sono felici tutti al Wanda Metropolitano per il 3-0 al LevanteSimeone che si regala una bella vittoria e che per ora conferma il suo secondo posto in Liga alle spalle del Barcellona e i tifosi che oltre alla vittoria possono celebrare quel ragazzino diventato leggenda e che in settimana ha annunciato che questa sarà la sua ultima stagione qui, Fernando Torres.

Tutto bellissimo in questa giornata tranne il primo tempo dell'Atletico Madrid che hanno rischiato un po' ad inizio partita e poi non hanno avuto sempre la lucidità di chiudere questa partita e fare male ad un Levante comunque encomiabile e che ha giocato una partita di cuore e sacrificio nonostante il risultato finale non li premi. Il Deportivo la Coruña ora è distante solo cinque punti e i discorsi salvezza sono tutt'altro che chiusi.

È stata anche la giornata di Correa, tornato titolare in campionato e autore del gol del vantaggio, ma anche di una signora partita, di Griezmann, top player e luce di questa squadra: il suo gol del 2-0 è un capolavoro di tecnica e potenza difficilmente ripetibile. Insomma, una giornata indimenticabile per il tifo colchoneros che probabilmente porterà le emozioni di questa gara per molto tempo con sé.

Liga, Atletico Madrid-Levante: colchoneros spenti, ma Correa la sblocca

Un primo tempo strano, ma che alla fine premia la squadra di Simeone. Il Levante parte forte e nei primi 5' minuti mette molto in appressione la difesa dell'Atletico Madrid che comunque regge e non crolla. I problemi maggiori, la squadra di Simeone, se li crea quando deve attaccare: spesso le manovre offensive partono bene, ma finiscono per essere evanescenti. Griezmann e compagni si vanno ad impantanare al centro del muro difensivo eretto dal Levante senza mai essere davvero pericolosi. Addirittura al 20' il Wanda Metropolitano trema quando il colpo di testa di Roger Martí termina di poco a lato. I colchoneros sembrano venire scossi da questo pericolo e al 22' l'asse Griezmann-Gameiro confeziona una bella palla gol che però l'ex attaccante del Siviglia non riesce a capitalizzare calciando male.

È il segnale che l'Atletico sta ingranando: al 33' infatti Correa porta in vantaggio i padroni di casa. Vitolo entra in area e confeziona un assist perfetto per l'argentino che manda al bar due difensori prima di scaricare un destro potentissimo alle spalle di Oier. L'ex San Lorenzo torna titolare e si regala il suo ottavo gol in questa Liga. Il Wanda Metropolitano spinge e anche l'Atletico, ma manca spesso e volentieri la lucidità sotto porta. Al 40' Griezmann lanciato in verticale da Hernandez arriva in area - forse allungandosi un po' troppo la palla - e decide di saltare Oier, l'ex portiere del Barcellona lo atterra ma le Petit Diable accentua la caduta e l'arbitro lo ammonisce per simulazione. È l'ultima esenzione della prima frazione.

Griezmann e Cen-Torres chiudono i giochi

La squadra di Simeone torna in campo con tutta un'altra carica e voglia e infatti dopo appena tre minuti dall'inizio della ripresa raddoppia: Šime Vrsaljko mette al centro un cross arretrato a mezza altezza che Antoine Griezmann colpisce perfettamente al volo di destro. Boom. Un gol pazzesco, incredibile che va ad insaccarsi sotto la traversa alle spalle di Oier e che vale il 2-0. Un gol straordinario che testimonia la bravura del numero 7 dell'Atletico Madrid capace di segnare in tutti i modi anche di destro, lui che è un sinistro naturale. È il suo 19° gol in Liga, il 40% dei gol segnati dai colchoneros porta la sua firma. Diavolo. La rosa è corta e dieci minuti dopo, considerati anche gli importanti impegni europei, Simeone decide di richiamarlo in panchina: al suo posto entra El Niño  Torres, la leggenda del club che in settimana ha annunciato l'addio a fine stagione.

Poteva finire senza un gol di Torres nel 'Dia del Niño' questa partita? Assolutamente no, il calcio è uno sport emozionale sì, ma mai banale: al 77' Correa fa una giocata pazzesca e mette a rimorchio in area per Torres che anticipa l'intervento del difensore avversario e fai il gol del 3-0. Esplode il Wanda Metropolitano per il suo idolo, il giocatore che, come recita uno striscione apparso oggi allo stadio, qui è arrivato niño ed è diventato leggenda. Terzo gol in Liga, 100° con la maglia dell'Atletico e quinto giocatore nella storia del club a raggiungere il traguardo dei cento gol. Pazzesco e bellissimo. Nella sua settimana, nel suo giorno, Fernando Torres fa gol, chiude la partita e fa piangere un popolo, quello dell'Atleti.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.