Liga, il Barcellona rialza la testa e vede il titolo: Valencia steso 2-1

I blaugrana, dopo la batosta contro la Roma, ritrovano la vittoria. In gol Suarez nel primo tempo e Umtiti nella ripresa. Parejo su rigore non basta agli ospiti.

323 condivisioni 0 commenti

di

Share

I grandi campioni, dopo una sconfitta, rialzano subito la testa. Il Barcellona ritrova la vittoria in Liga contro il Valencia per 2-1: gettata alle spalle la clamorosa eliminazione dalla Champions League per mano della Roma. In gol Suarez e Umtiti. La squadra di Marcelino si arrende dopo aver giocato una buona partita. Inutile il rigore segnato nel finale di Parejo

I blaugrana volano in classifica a +14 dall’Atletico Madrid (impegnato domani in casa col Levante). Vedono il titolo a sei partite dalla fine. Il Valencia ancora terzo e quasi sicuro di un posto Champions League, domani potrebbe essere scavalcato dal Real Madrid. 

Il Barcellona, dopo la disfatta dell’Olimpico, doveva dare una risposta importante in Liga. Eccola servita: squadra imbattuta da 39 partite di campionato, è record. Con la giusta personalità, i blaugrana sono tornati. Mancano 7 punti per vincere il titolo.

Liga, il Barcellona deve rialzare la testa col Valencia

Silenzio surreale al Camp Nou, il Barcellona si ripresenta in Liga dopo l’uscita dalla Champions League un po’ timido. Parte bene il Valencia, tiro immediato di Guedes, ter Stegen si impegna e respinge. Ci vogliono 14’ per accendere i motori blaugrana: mancino di Jordi Alba, Neto c’è e para. Ma un minuto dopo, il portiere ex Fiorentina non può nulla sul tiro da pochi metri di Suarez che vale l'1-0. Assist fantasmagorico di Coutinho, di esterno, preciso, perfetto. 23esimo gol in Liga, il Pistolero raggiunge Cristiano Ronaldo. Primo segnale arrivato.

Guedes ci riprova, questa volta da più lontano, ancora ter Stegen si oppone. Il giocatore di proprietà del PSG è scatenato: altro destro, Busquets con il piede devia in angolo. Insomma, il Valencia reagisce. Poi succede di tutto: regalo di ter Stegen, sbaglia il passaggio, Rodrigo calcia, il portiere blaugrana si salva con l'aiuto dell'incrocio dei pali. Marcelino si mette le mani nei capelli: quanta sfortuna. Il match diventa duro, Kondogbia rischia il secondo giallo per un'entrata a piedi pari su Paulinho: graziato. Si va negli spogliatoi con il vantaggio del Barcellona.

Fortuna e concretezza

Il Valencia è vivo. Umtiti la combina grossa con il pallone, Rodrigo con il sinistro calcia diretto in porta, Piqué salva a due passi dalla riga. Decisivo. Si va dall’altra parte, Coutinho dalla bandierina: cross per la testa proprio di Umtiti, che si riscatta dell’errore e fa 2-0. Neto non perfetto e i blaugrana festeggiano.

Coutinho prova a fare il Messi, destro di poco fuori. Barcellona più incisivo rispetto a quello visto nel primo tempo. Parejo sfiora l'incrocio dei pali da calcio di punizione, Neto fa una super parata su Iniesta. Emozioni infinite al Camp Nou, che ha ritrovato entusiasmo. Serve il gol di Messi. Lui ci prova con un'accelerata delle sue, sinistro di poco fuori. Esce Coutinho tra gli applausi, dentro Dembélé. All'80' scatta pure il momento di Zaza, out Rodrigo.

All'86' Dembélé entra come un kamikaze in area su Gaya: rigore. Parejo va sul dischetto e non sbaglia. Palla sotto la pancia di ter Stegen e gol della speranza. 2-1. Denis Suarez si divora il match point nei minuti di recupero. Va bene così, il Barcellona soffre nel finale ma è ancora vivo.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.