Barcellona, cosa potrebbe cambiare nella prossima stagione?

L'eliminazione in Champions rimediata contro la Roma costringe il club a ripensare le strategie future: non sarà rivoluzione, ma andranno risolte alcune incognite.

267 condivisioni 0 commenti

di

Share

Non sarà rivoluzione, ma qualcosa sicuramente cambierà nel Barcellona della prossima stagione. La delusione per l'incredibile rimonta subita dalla Roma, che ha sancito l'eliminazione dei catalani dai quarti di Champions League, ha lasciato più di uno strascico: certo, il Barca viaggia spedito nella Liga - a 7 giornate dal termine si trova primo a +11 sull'Atletico Madrid secondo - ma questo non può bastare a un club abituato a stare nell'élite del calcio europeo e mondiale.

Ecco perché la prossima estate porterà dei cambiamenti, che però non dovrebbero riguardare la guida tecnica: Ernesto Valverde dovrebbe continuare a sedere sulla panchina del Barcellona, forte dei risultati ottenuti in campo nazionale e a discapito di una delusione europea che in realtà ha tanti colpevoli. Il Barca guida la Liga imbattuto, ha vinto 31 partite su 24 e non ne ha persa neanche una, e la disastrosa sconfitta patita a Roma sembra essere il frutto di una serata negativa dove niente ha girato per il verso giusto.

Rimane tuttavia da vedere come sarà il Barcellona della prossima stagione. Sono numerose le incognite che andranno risolte, dalla delicata situazione riguardante Umtiti al paventato addio di Iniesta passando per la delusione legata all'impatto di Dembelé con l'ambiente e l'apparente inadeguatezza di alcuni membri della squadra titolare nel giocare a così alto livello. Inoltre arriverà sicuramente qualche rinforzo di livello: ma chi?

Edicola di Barcellona dopo l'eliminazione della squadra in Champions League
L'eliminazione del Barcellona ha fatto rumore, e adesso il club deve ripartire.

Il Barcellona pensa già al futuro: i nodi da sciogliere

Samuel Umtiti potrebbe già essere sul piede di partenza dopo appena due stagioni vissute con la maglia blaugrana: le voci che circolano da tempo, e che dicono di come il francese non sia mai riuscito a inserisi nel mondo-Barca, trovano la conferma di "Don Balòn", che racconta di come il centrale mancino, arrivato dal Lione nell'estate del 2016, sembri essere sempre più vicino al Real Madrid. I blancos sarebbero ben felici di acquistare Umtiti, privando i rivali di un giocatore di sicuro valore - nonostante la serata negativa con la Roma - attraverso una clausola rescissoria di appena 60 milioni di euro, un prezzo più che onesto considerando il mercato di oggi.

Per la squadra allenata da Zidane Umtiti sarebbe un'eccellente alternativa a Raphael Varane, che in questa stagione non sempre ha convinto: l'attuale centrale del Barcellona andrebbe così a fare coppia con Sergio Ramos, ammesso che il Real riesca ad essere più convincente di un'altra grande squadra europea interessata al giocatore, e cioè il Manchester United di José Mourinho. Già accostati in passato a Umtiti, i Red Devils potrebbero presto tornare alla carica, presentando inoltre un'offerta importante per un altro giocatore che doveva essere un perno del futuro dei catalani, e cioè Ivan Rakitic.

Dovesse perdere anche il croato, il Barcellona dovrebbe intervenire sul mercato per trovare un degno sostituto a centrocampo, reparto che potrebbe perdere anche il leggendario Andres Iniesta: il regista e capitano blaugrana, 34 anni tra un mese, sembra essere ormai a un passo dall'addio. Nonostante alcune recenti dichiarazioni, in cui ha ribadito il suo attaccamento ai colori del Barcellona e la necessità di concentrarsi sugli obbiettivi stagionali rimasti, Iniesta sarebbe infatti a un passo dal chiudere la carriera nella Super League cinese, dove sarebbe senz'altro un valore aggiunto e dove, soprattutto, potrebbe strappare un ricchissimo contratto.

Andres Iniesta in azione contro la Roma in Champions League
Quella contro la Roma sarà con ogni probabilità l'ultima gara giocata in Champions League da Andres Iniesta, icona del calcio spagnolo e al Barcellona dall'età di 12 anni.

In difesa è sotto esame anche la fascia destra: Aleix Vidal non ha mai convinto, trovando un po' di spazio in più in questa stagione solo per le prove altrettanto poco convincenti di Nelson Semedo, prelevato dal Benfica la scorsa estate per 30 milioni di euro. Il terzino portoghese è stato uno dei peggiori contro la Roma, e al Barca il timore è che si tratti di un giocatore inadeguato per giocare partite di così alto livello. Lo stesso discorso vale anche per il centrocampista André Gomes, quasi sicuramente pronto a lasciare la Catalogna. Non dovrebbe tornare dal prestito all'Inter Rafinha, che i nerazzurri sembrano intenzionati a riscattare.

Ci sono ancora poche indiscrezioni sui nomi dei possibili arrivi estivi: Griezmann sembrava davvero a un passo, ma in realtà la situazione tra il francese, l'Atletico Madrid e il Barcellona sembra ancora da definire. Nonostante l'arrivo a gennaio di Coutinho il Barca potrebbe intervenire ancora nel reparto offensivo, superando nuovamente il record mondiale di spesa - che appartiene proprio al brasiliano, prelevato a gennaio dal Liverpool per 160 milioni - per gettarsi su uno tra Griezmann e Salah, senza considerare che in Spagna qualcuno parla addirittura di un possibile ritorno di Neymar, pentitosi del trasferimento al Paris Saint-Germain ma in realtà già accostato al Real Madrid.

E Ousmane Dembélé? Il talento francese, prelevato la scorsa estate dal Borussia Dortmund per oltre 100 milioni di euro - e che doveva sulla carta essere il sostituto di Neymar - non ha vissutgo una stagione particolarmente felice, tra infortuni e voci su una vita privata piuttosto turbolenta. Ha appena 21 anni e un talento abbagliante, ed è per questo che il Barcellona lo aspetterà, ma è chiaro che non si tratta di una sicurezza per il futuro prossimo. E di questo ha bisogno il Barcellona dopo l'incredibile serata di Roma: certezze.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.