Champions League, 5 fotogrammi per descrivere l'impresa della Roma

Dal pianto di Manolas a quello di un bambino. E poi il bacio di Dzeko a De Rossi, Di Francesco che pretende concentrazione e un Messi spaesato.

4k condivisioni 0 commenti

di

Share

Prima l'1-0 di Dzeko, il gol della speranza; poi il rigore di De Rossi, la convinzione di potercela fare; infine Manolas, l'apoteosi per il 3-0 finale. Il risultato perfetto, quello della vittoria a tavolino. Ma la Roma ha giocato e quel tavolino l'ha ribaltato: capovolto il 4-1 dell'andata, Barcellona spinto fuori dal ring a forza di grinta e aggressività. Un trionfo epico.

Semifinale di Champions League conquistata, nonostante i pronostici sfavorevoli. La Roma non ha guardato le quote, ha fissato il campo e ha sbranato l'erba. Trascinata dai suoi 11 opliti, la squadra di Di Francesco ha messo in scena la battaglia perfetta ingabbiando l'armata blaugrana. Più attrezzata, più forte. Ma solo sulla carta: niente è scontato, nel calcio.

Una serata da incorniciare, dagli sguardi dei primi minuti all'euforia incontenibile nel post partita; in mezzo, una serie infinita di volti e sguardi e rabbia e sudore. Era tutto già scritto? Forse sì, la Roma ha messo in scena il suo poema contro il Barcellona. Valido per entrare tra le semifinaliste di Champions League. Valido per entrare nella storia. Come queste cinque immagini del match, che resteranno indelebili. Facciamo sei.

Champions League, fotogramma n°1: le lacrime di Manolas

L'ha decisa lui. Dietro ha chiuso praticamente tutto, e davanti ha fatto anche gli straordinari. Un gol straordinario, per un risultato straordinario. L'anticipo sul primo palo, la sfera che supera un incredulo Ter Stegen. I giganti che cadono e fanno rumore. Non fanno rumore, invece, le lacrime di gioia di un eroe che si lascia andare a uno sfogo meraviglioso. Da solo, in panchina: il pianto commosso di Manolas.

2) Il pianto di un bambino

L'incredulità, la sorpresa, l'emozione che esplode: da Manolas in campo a un bambino sugli spalti. Tutta l'innocenza del mondo, la vittoria della sua Roma è Babbo Natale che arriva con il regalo che aveva chiesto, una giornata al parco con gli amici, il giorno del suo compleanno. Il lato bello del calcio. Bello come gli occhi di un bambino che piange di gioia.

3) Lo sguardo perso nel vuoto di Messi

Da un sentimento a un altro, completamente opposto: Messi guarda verso un punto imprecisato. No: Messi non guarda niente. I suoi occhi sono persi nel vuoto di una sconfitta che fa rumore. Di una disfatta inaspettata. Di un risultato che non può lasciare indifferenti. Il Barcellona ha perso 3-0. Il Barcellona è fuori dalla Champions League. 

4) Di Francesco contro tutti

Sì, ok, il 3-0; sì, ok, la qualificazione a portata di mano; sì, tutto bellissimo: ma mancano ancora 10 minuti. Di Francesco, dopo l'esultanza, se la prende con tutti, si sbraccia, urla, grida, vuole attenzione, concentrazione per il finale di partita. E la ottiene. E ottiene la semifinale di Champions League.

5) Dzeko e il bacio a De Rossi

Un pallone che pesa. Un pallone da tirare in porta. Un rigore che spetta al capitano: Dzeko raccoglie la sfera e la consegna De Rossi. Poi gli dà un bacio, semplice, spontaneo, come quello di un genitore al figlio il primo giorno di scuola. Vai, tocca a te, lì fuori c'è un mondo che ti aspetta. Un gol da segnare

Fotogramma bonus: l'eroico Manolas

Il cerchio si chiude: abbiamo iniziato con Manolas, chiudiamo con l'eroe giallorosso. Qui sembra una statua che prende vita. Il difensore della Roma viene da un'epoca diversa, che parla di achei, opliti e guerre da vincere. Più semplicemente: viene dalla Grecia. Quella antica, però.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.