Mayweather, ferita una guardia del corpo in una sparatoria

Nella notte fra domenica e lunedì il pugile è stato vittima di un agguato: lui è uscito illeso ma una sua guardia del corpo è stata colpita da un proiettile.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Dramma sfiorato. Nella notte fra domenica e lunedì una guardia del corpo dell'ex pugile Floyd Mayweather è stata ricoverata d'urgenza in un ospedale ad Atlanta dopo esser stato colpito da un proiettile fuori da un hotel nella zona di Buckhead, quartiere di lusso della città. La polizia sta indagando.

Secondo le prime ricostruzioni tre veicoli che trasportavano membri della festa di Mayweather stavano tornando da un club ad un albergo di Atlanta intorno alle 3 della notte. All'improvviso un agguato e un proiettile che colpisce Gregory LaRosa alla gamba.

La guardia del corpo di Mayweather è comunque stata dimessa dal Grady Hospital di Atlanta già alle 5:30. In una conferenza stampa la polizia ha spiegato che il pugile era presente in uno dei suv parcheggiati di fronte all'hotel, ma che non era nel veicolo colpito.

Floyd Mayweather
Floyd Mayweather

Agguato a Mayweather, ferita una guardia del corpo

A un giorno dall'accaduto Mayweather (che nelle scorse settimane ha ammesso di non escludere ci possa essere una rivincita con Conor McGregor nelle MMA) non si è ancora espresso sull'episodio. Il blindato che si è avvicinato ai suv del pugile è fuggito senza lasciare tracce. Le prime ipotesi parlano comunque di un assalto per spaventare e non per uccidere. Sarebbe infatti stato esploso un colpo solo. L'episodio resta comunque particolarmente grave e preoccupante perché si è sfiorato un dramma.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.