WWE WrestleMania 34 - Tutti i risultati degli incontri in diretta

Dal Mercedes-Benz Superdome di New Orleans, la diretta scritta della notte dell'anno del mondo del wrestling: ecco tutti i risultati dell'evento.

Il Mercedes-Benz Superdome pronto per WWE WrestleMania 34

777 condivisioni 0 commenti

di

Share

La grande notte è arrivata, il countdown è finito. WrestleMania 34 si apre in tutto il suo splendore nelle luci che colorano il Mercedes-Benz Superdome di New Orleans, in Louisiana.

La redazione di FOXSports.it è qui presente negli Stati Uniti per raccontarvi tutto quello che accadrà in questa fantastica serata targata WWE. Dal kickoff ai main event con i titoli di campione del mondo in palio, passando per il ritorno di Daniel Bryan, il debutto di Ronda Rousey e così via.

Non ci resta che cominciare la diretta scritta di WrestleMania 34, partendo subito con il primo incontro, la Andre The Giant Memorial Battle Royal. Tutti i contendenti entrano sul ring a riempirlo e tra le prime file vediamo inquadrato anche John Cena, da tifoso, in attesa di una risposta da The Undertaker.

WWE WrestleMania 34

Andre The Giant Memorial Battle Royal

Le eliminazioni sono molto caotiche, come normale che sia in un match così. Dolph Ziggler è protagonista indiscusso della prima parte dell'incontro, riuscendo a salvarsi più volte da un'eliminazione che appariva quasi scontata. Alla fine però ci pensa Kane a buttarlo oltre la terza corda, venendo a sua volta eliminato da Baron Corbin.

Nella parte finale del match rimane proprio The Lone Wolf, con Mojo Rawley e Matt Hardy. I vincitori delle ultime due edizioni si accaniscono su Woken, ma a un certo punto si spengono le luci e parte la musica di Bray Wyatt!!

L'ex leader della Family riappare dunque in WWE a WrestleMania 34 e si schiera in difesa del suo ex avversario, porgendogli "in sacrificio" Mojo Rawley e facendo lo stesso con Baron Corbin, consentendo a Matt Hardy di eliminare entrambi e vincere questa quinta edizione della Andre The Giant Memorial Battle Royal!

Cedric Alexander vs Mustafa Ali

Cruiserweight Championship Match

Il secondo match del Kickoff è quello che mette in palio la Cruiserweight Championship, vacante dallo scorso gennaio per via dell'allontanamento di Enzo Amore dalla WWE. A vincere l'incontro, come sempre spettacolare quando si tratta di pesi leggeri, è Cedric Alexander, che chiude il discorso contro Mustafa Ali con il suo Lumbar Check.

Woman's Battle Royal

La prima eliminata è subito Carmella, cha paga a caro prezzo il fatto di mostrare la valigia del Money in the Bank. Le eliminazioni vanno avanti l'una dopo l'altra, con le ragazze di NXT, Natalya, la Riott Squad e il tandem composto da Bayley e Sasha Banks, tornate per l'occasione alleate, a guidare l'incontro.

Il cerchio si stringe con un due contro tre, da una parte le due ex amiche, dall'altra la coalizione di SmackDown. Bayley e Sasha riescono ad avere la meglio e quando rimangono da sole sul ring sembrano volersi riappacificare una volta per tutte. The Boss allunga la mano per stringerla a Bayley, che però la prende e ne approfitta per buttarla fuori.

Bayley vince la prima Women Battle Royal di WrestleMania!!! Anzi, no... La sua musica non suona. In gioco c'è ancora Naomi, che era rimasta fuori dal ring! L'ex campionessa di SmackDown riesce ad avere la meglio e lancia Bayley oltre la terza corda. Ed è proprio lei a vincere questa prima edizione della Battle Royal dedicata alla divisione femminile!

Seth Rollins vs Finn Balor vs The Miz (C)

Intercontinental Championship Match

Si parte con il primo vero incontro della programmazione di WrestleMania 34, quello che mette in palio l'Intercontinental Championship Match. Già il momento degli ingressi è tutto un programma, con Seth Rollins che si presenta con gli occhi blu (sì, avete letto bene), il campione The Miz che dice ai suoi due scagnozzi - Bo Dallas e Curtis Axel - di tornarsene negli spogliatoi perché vuole cavarsela da solo e Finn Balor, che invece viene introdotto dal Balor Club.

Una partenza fantastica, un Triple Threat Match davvero spettacolare, con tutti e tre i contendenti capaci di regalare uno show emozionante. Ad avere la meglio è Seth Rollins, che evita a Finn Balor di chiudere l'incontro dopo il Coup de Grace su The Miz, eseguendo su di lui il Curb Stomp. Lo stesso fa poi con lo stesso The Miz, che poi schiena conquistando la vittoria, prendendosi per la prima volta in carriera l'Intercontinental Championship ed entrando nell'élite dei Grand Slam Champion.

Charlotte (C) vs Asuka

SmackDown WWE Women's Championship Match

The Queen fa il suo ingresso in modo "leggendario", accompagnata da tre legionari che l'hanno scortata fino al ring. Poi tocca ad Asuka, con la sua classica "entrance". Scontro tecnico, di altissimo livello, che non ha nulla da invidiare a quello degli uomini. Lo vince Charlotte, con la sua Figure-8 Leg Lock che porta la giapponese a cedere e conoscere per la prima volta la parola sconfitta da quando è in WWE. Al termine della sfida tra la regina e l'imperatrice, quest'ultima prima prende il microfono e dice a Charlotte di essere pronta per Asuka, poi le fa le congratulazioni e la abbraccia. Ovazione del pubblico del Mercedes-Benz Superdome.

Ma non è ancora finita, perché un arbitro arriva di corsa dal backstage e corre da John Cena. Gli dice qualcosa all'orecchio, il 16 volte campione del mondo sembra non crederci. Poi però parte di corsa e rientra negli spogliatoi. A quanto parte il match con The Undertaker si farà... Altra ovazione del pubblico, ancora più rumorosa.

Bobby Roode vs Rusev vs Jinder Mahal vs Randy Orton (C)

United States Championship Fatal 4-Way Match

È il momento del Rusev Day, ma l'esito non è come quello che avrebbe voluto il 90% del pubblico. Non vince né l'amatissimo bulgaro, né tantomeno Glorious Bobby Roode o il campione in carica Randy Orton. Sì, avete capito bene, a vincere è proprio l'impronosticabile Jinder Mahal, che sfrutta l'assist di Sunil Singh a distrarre Rusev ed esegue su di lui la Khallas, prendendosi la vittoria del titolo degli Stati Uniti.

Triple H e Stephanie McMahon vs Kurt Angle e Ronda Rousey

Siamo arrivati al momento del debutto di Ronda Rousey in WWE. Il mixed Tag Team Match è anticipato come sempre dall'ingresso spettacolare di Triple H e Stephanie McMahon a bordo delle Harley Davidson. Poi tocca a Kurt Angle e l'ex campionessa UFC, vestita esattamente come il suo idolo Rowdy Piper. L'Authority come prevedibile gioca sporco, rallentando più possibile l'ingresso di Ronda.

Anche quando riesce finalmente a entrare, nonostante un inizio on fire, Stephanie le mette le dita negli occhi e Triple H la tira fuori dal ring quando si appresta a chiudere l'incontro.

Addirittura The Game fa sì anche che Rousey possa sfidarlo, dicendo all'arbitro di derogare alla regola secondo la quale sono vietati gli incroci tra un uomo e una donna. Non una decisione saggia, perché Triple H le prende da lei fino a quando non interviene di nuovo Stephanie in suo soccorso. Ormai vale qualsiasi cosa, anche Kurt Angle si toglie lo sfizio di applicare la Angle Lock sulla Commissioner di Raw. E alla fine ci pensa proprio lei, Ronda Rousey, la debuttante in WWE, a prendersi la vittoria sottomettendo la figlia di Vince McMahon.

The New Day vs The Usos (C) vs The Bludgeon Brothers

SmackDown WWE Tag Team Championship Match

I campioni di coppia di SmackDown degli Usos provano ad allearsi momentaneamente con il New Day per mettere fuori gioco i due mostri dei Bludgeon Brothers, ma alla fine la supremazia fisica di Rowan ed Harper è troppo evidente e i due riescono a vincere i titoli schienando Kofi Kingston.

John Cena vs The Undertaker

È il momento di uno dei match più attesi, almeno così ci dice l'annunciatrice. Sembra però esserci qualcosa che non va, perché John Cena raggiunge il ring, ma di Undertaker non vi è traccia. Un momento però, si spengono le luci! Il pubblico è in visibilio, ma quando si riaccendono compare Elias. Tra la delusione generale parte così il suo concerto, che viene interrotto dal leader della Cenation.

Il 16 volte campione se va, nella tristezza di tutti... Ma le luci si spengono un'altra volta e si accendono solo al centro del ring, dove viene illuminato il cappello e il cappotto di Undertaker!!!!!! Si spengono di nuovo le luci e questi non ci sono più.

Rintocchi della campane, è arrivato davvero il momento! Ecco The Undertaker!!! John Cena indietreggia impaurito sul ring, il becchino si prende tutto il tempo del mondo per raggiungerlo a suo modo. Ce ne mette pochissimo invece per avere la meglio sul leader della Cenation, eseguendo in circa 5 minuti tutto il suo repertorio e chiudendo con la Tombstone Piledriver del delirio del Mercedes-Benz Superdome.

Shane McMahon e Daniel Bryan vs Kevin Owens e Sami Zayn

Si passa a un altro incontro attesissimo, quello del ritorno ufficiale di Daniel Bryan sul ring WWE. Lui e Shane McMahon fanno il loro ingresso, Sami e Kevin entrano però alle loro spalle e li attaccano. Se la prendono in particolare proprio con il GM, facendolo sbattere con la schiena a bordo ring. I medici lo portano fuori, Shane è costretto a combattere un handicap match.

Ma quando sembra sul punto di crollare, ecco che ritorna Daniel Bryan, che prende in mano le redini dell'incontro e riesce a chiudere con la Yes Lock su Sami Zayn. A quando pare quest'ultimo e Kevin Owens restano licenziati da SmackDown.

Alexa Bliss (C) vs Nia Jax

Raw WWE Women's Championship Match

Alexa Bliss arriva accompagnata da Mickie James, Nia Jax vede bene di mettere fuori gioco quest'ultima ancora prima dell'inizio del match, in modo tale che non ci siano distrazioni durante l'incontro con la campionessa di Raw. La sfida è meno scontata di quanto si possa pensare, perché Alexa dimostra tutti i motivi che l'hanno mantenuta al top per così tanto tempo. Alla fine però a vincere è Nia, che chiude dopo un devastante Samoan Drop dalla seconda corda.

 

WWE Championship Match

Ed eccoci arrivati al primo dei due main event della serata, quello che mette in palio uno dei due titoli mondiali. AJ Styles contro Shinsuke Nakamura, probabilmente l'incontro più atteso in assoluto, sicuramente quello che aspettano i puristi del wrestling. Una sfida come prevedibile combattutissima, che ha diviso il pubblico in parti più o meno uguali.

Un incontro dall'esito incerto fino all'ultimo, ma che alla fine è stato vinto dal campione WWE in carica, abile a evitare la Kinshasa del giapponese ed eseguire subito dopo la sua Styles Clash che vale il conteggio di tre.

Al termine dell'incontro AJ Styles va da Shinsuke Nakamura e lo abbraccia, con un gran bel gesto di fair-play. Ma il clima idilliaco dura fino a un certo punto, perché il giapponese lo attacca con un colpo nelle parti basse e successivamente lo finisce con la Kinshasa. Un colpo di scena davvero inaspettato, turn-hell per il re dello strongstyle.

 

Sheamus e Cesaro (C) vs Braun Strowman e Nicholas

Raw Tag Team Championship Match

Penultimo incontro della serata, quello tra i campioni di coppia di Raw, Cesaro e Sheamus, di fronte a Braun Strowman e il suo partner a sorpresa. Tutti si aspettano che sia un nome di un big, magari Batista, oppure Rey Misterio, Samoa Joe e così via. In realtà però il Monster among men stupisce tutti e annuncia che sceglierà il suo partner tra il WWE Universe.

Va in giro tra il pubblico e seleziona un bambino, Nicholas. Lo porta al suo angolo, gli regala anche l'ebbrezza di entrare per un attimo sul ring nel corso dell'incontro, per poi andare a mettere ko Cesaro e prendersi le cinture. Braun Strowan e Nicholas sono dunque i nuovi campioni di coppia di Raw.

Roman Reigns vs Brock Lesnar (C)

Universal Championship Match

Ed eccoci arrivati alla conclusione di questa fantastica edizione di WrestleMania 34, la sfida per il titolo di campione universale tra Brock Lesnar e Roman Reigns. Il pubblico è indeciso, nel senso che non sa contro chi tifare. Così prova a disinteressarsi platealmente dell'incontro facendo delle ole varie e dando via a dei cori che niente hanno a che vedere con la sfida.

Questa è brutale, con Brock Lesnar che esegue ben sei F5 (di cui una sul tavolo di commento), facendo chiudere il match al Big Dog in una maschera di sangue. E, contro ogni pronostico della vigilia, a vincere è proprio The Beast, che se ne va ancora come campione Universale, chiudendo così questa 34esima edizione dello Showcase of the Immortals.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.