Serie A, il presidente dell'AIA Nicchi: "Ci hanno minacciato"

Il presidente dell’AIA convoca una conferenza e denuncia di essere stato minacciato con delle pallottole: prende piede l'ipotesi di un'astensione all'attività degli arbitri nella 32a giornata.

462 condivisioni 0 commenti

Share

Il clima è teso, tesissimo. In una conferenza stampa convocata a Roma, il presidente dell'Associazione Italiana Arbitri Marcello Nicchi porta alla luce una sgradevole situazione: lui, il vice presidente dell'AIA e il designatore Nicola Rizzoli sono stati minacciati.

Presso la sede dell'AIA - ha dichiarato Nicchi - sono state fatte recapitare delle pallottole destinate a me, al vice presidente e al designatore Rizzoli. La Digos e il Viminale sono a conoscenza di quanto accaduto, è stata sporta denuncia e ora vedremo cosa accadrà. Si è venuto a creare un clima di tensione, addirittura un giornalista di una trasmissione radiofonica ha detto: "La classe arbitrale ha dichiarato guerra a un popolo e in guerra non si va suonando lo zufolo ma sparando"

Nicchi ha proseguito: 

Ci troviamo in un contesto surreale in cui un arbitro, Di Bello, è costretto a comparire in Tribunale davanti al giudice di pace, convocato dall’associazione dei consumatori per non aver assegnato un calcio di rigore (riferimento a Lazio-Torino e all'azione portata avanti da alcuni sostenitori biancocelesti contro Giacomelli e appunto Di Bello, ndr). Ditemi voi se è possibile una cosa simile. Per caso Cristiano Ronaldo o Messi vengono convocati in tribunale? Come possiamo noi prenderci la responsabilità di mandare un ragazzo ad arbitrare sapendo che potrebbe andare incontro a situazioni simili? Di recente si sono addirittura tenuti dei sit-in di protesta e nessun ha detto niente

Per questi fatti sta prendendo piede l'ipotesi di un'astensione all'attività (non si può parlare di sciopero visto che parliamo di una categoria di "non professionisti") degli arbitri nel weekend del 14 e 15 aprile, in occasione della 32esima giornata di Serie A. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.