Serie A, le pagelle di Milan-Inter: Icardi, errori che pesano

Le milanesi non si fanno male e chiudono a reti inviolate il loro 168° derby in campionato. L'argentino grazia i rossoneri sbagliando a porta vuota due clamorose occasioni.

Bonucci ostacola Icardi su un colpo di testa durante il derby

305 condivisioni 0 commenti

di

Share

Ci sono partite che ti fanno emozionare e che di essere banali, storicamente, non ne vogliono sapere. Il derby di Milano è così e infatti non delude mai. Milan e Inter ci hanno messo tutta la loro qualità e garra per rendere il loro derby numero 168 in Serie A intenso ed emozionante. D'altronde anche la cornice di pubblico accorsa allo stadio, nonostante giorno e orario fossero un po' proibitivi per la maggior parte dei tifosi, lo meritava.

Fin dal fischio d'inizio le due squadre hanno cominciato a battagliare col coltello fra i denti e la voglia di rimarcare la propria supremazia cittadina. L'Inter di Luciano Spalletti è sembrata subito più cattiva e determinata vincendo la maggior parte dei duelli in mezzo al campo, ma è il Milan, grintoso e tecnico come piace al suo allenatore, ad andare più vicino al gol: Bonucci di testa su assist di Calhanoglu, da calcio piazzato, va ad un passo dalla seconda rete consecutiva dopo quella alla Juventus, ma uno strepitoso Handanovic gli nega la gioia del gol. Ritmi alti e azioni pericolose da entrambe le parti si susseguono, ma è l'Inter sul finire di primo tempo a spaventare, e tanto, il Milan: Icardi imbeccato da Candreva entra in area e segna quello che avrebbe potuto essere il suo 25° gol in Serie A, ma il Var annulla la rete per la posizione di fuorigioco del capitano nerazzurro. I tifosi rossoneri allo stadio esultano come fosse un gol.

Le squadre anche dopo l'intervallo rientrano in campo con la stessa voglia di attaccare e fare gol. Il Milan ci prova con Cutrone, ma è ancora Icardi a far tremare i tifosi del Milan. Questa volta però la sua giocata fa rabbrividire anche i suoi stessi tifosi che non possono credere ai loro occhi: Rafinha al limite area apre per Candreva che entra in area e mette in mezzo per il suo capitano che tutto solo a porta sguarnita incredibilmente la mette a lato. Stadio ammutolito e risultato ancora sullo 0-0. Stessa situazione nei minuti finali, Icardi manca clamorosamente la palla dell'1-0 ancora una volta tutto solo in area e a porta spalancata. 

Serie A, le pagelle di Milan vs Inter

MILAN (4-3-3) - Donnarumma 6,5; Calabria 6, Bonucci 6,5, Romagnoli 6,5, Rodriguez 6; Kessié 6, Montolivo 5,5 (69' Locatelli 6), Bonaventura 5 (80' Borini sv); Suso 5, Cutrone 6,5 (69' Kalinic 6), Calhanoglu 6,5.

INTER (4-2-3-1) - Handanovic 7; Cancelo 6,5, Miranda 6, Skriniar 6, D'Ambrosio 6; Brozovic 6,5, Gagliardini 6; Candreva 6,5 (76' Eder sv), Rafinha 6,5 (71' Borja Valero 6), Perisic 6; Icardi 5.

I migliori

Rafinha uno dei migliori nell'Inter nel pareggio per 0-0 con il Milan

Handanovic 7

Una parata pazzesca che vale un gol. Su un colpo di testa di Bonucci lo sloveno si supera, va giù come un felino e toglie il pallone dalla porta. Fenomeno. 

Rafinha 6,5

Partita dinamica, di quantità e qualità. Convince tantissimo fra le linee e anche quando deve difendere. Dal suo arrivo in Serie A è cresciuto tantissimo e in questa Inter è utile come il pane. Se avesse segnato probabilmente il suo voto sarebbe ancora più positivo, ma gli manca quel killer instinct che fa la differenza nelle grandi occasioni. Margini di miglioramento? Enormi.

Calhanoglu 6,5

Questa sera è stato di gran lunga il migliore dei suoi. La strigliata di Gattuso post Juventus, probabilmente, è servita. Atteggiamento propositivo e giocate di classe fin dalle battute iniziali. Su una sua punizione il Milan rischia di passare in vantaggio grazie alla deviazione di Bonucci, ma Handanovic nell'occasione si supera. Nel primo tempo è assoluto protagonista, cala nel secondo tempo, ma quando ha la palla lui tra i piedi è sempre pericolosissimo. Fondamentale.

I peggiori

Icardi 5

Doveva essere il protagonista assoluto della partita, lo è stato in negativo. Nel primo tempo il Var gli nega la gioia del gol. L'attaccante argentino, nell'occasione, era stato bravissimo a smarcarsi e a realizzare il gol del possibile 1-0. Gli errori clamorosi però che incidono sulla sua valutazione arrivano entrambi nel secondo tempo: prima su assist di Candreva a porta spalancata mette la palla fuori, poi sul cross di Cancelo sbaglia un'altra occasione incredibile. Cannoniere con le polveri bagnate.

Suso 5

Impalpabile e spesso emarginato dal gioco. I pericolo maggiori il Milan doveva crearli con lui e alla fine dai suoi piedi di situazioni pericolose ne sono nate ben poche. Appannato e poco preciso, mai pericoloso e controllato benissimo da D'Ambrosio che non se lo lascia mai scappare. Anzi, spesso è lo spagnolo ad essere un po' troppo pigro in marcatura dimenticandosi di proteggere sulla sua corsia.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.