Serie A, Gattuso per Calhanoglu: "Doveva alzare il c**o su gol Juve"

L'allenatore dei rossoneri duro con il suo numero 10, disattento sulla rete di Cuadrado. Allegri fissa l'obiettivo: sette vittorie per il titolo.

1k condivisioni 2 commenti

di

Share

In pochi meglio di Gennaro Gattuso, 13 anni e 468 presenze con il Milan, possono capire quanto per i rossoneri bruci una sconfitta sul campo della Juventus. Figurarsi se arriva al termine di una partita giocata per larghi tratti alla pari o con più personalità e ritmo dell'avversario, e se da sette stagioni di fila i rossoneri non riescono a portare via nemmeno un punto dall'Allianz Stadium in Serie A.

Per questo il 3-1 maturato alla vigilia di Pasqua sul campo di Torino, arrivato dopo che il Milan aveva reagito allo svantaggio firmato Dybala con la rete dell'atteso ex Bonucci e tenendo il campo con personalità, fino a sfiorare il sorpasso con una traversa piena colta dalla distanza da Hakan Calhanoglu, fa ancora più male. I centri di Cuadrado prima e Khedira poi hanno permesso alla Juventus di allungare in vetta alla Serie A sul Napoli e tengono invece il Milan a otto punti dalla zona Champions League. Un gap che si somma ai 28 punti di distanza dai bianconeri, tema toccato in sede di commento da Rino Gattuso:

Il risultato è bugiardo. Mi brucia parlare di quella che poteva essere una vittoria, oggi a spostare gli equilibri sono state la gamba e la fisicità della Juventus. Oggi è questa la vera differenza tra noi e loro. Nelle ripartenze nel secondo tempo potevamo fare meglio: dobbiamo alzare ancora l'asticella.

La sconfitta patita all'Allianz Stadium ha costretto il Milan ad interrompere una serie positiva avviata all'inizio del 2018, con Donnarumma e compagni che avevano vinto 8 volte e pareggiato in una sola occasione. Nella volata-Champions diventa così decisivo il recupero nel derby di Milano contro l'Inter del 4 aprile. Gattuso ai microfoni di Sky ha puntato anche il dito su un suo calciatore in occasione del 2-1 di Cuadrado:

Anziché guardare in aria e sbraitare contro il compagno, in quella azione Calhanoglu poteva rincorrere l'avversario. Se avesse alzato il c**o e avesse corso forse la situazione sarebbe andata diversamente.

Serie A, per Allegri il titolo è a sette vittorie di distanza dalla Juventus

Se Rino Gattuso ha pungolato Calhanoglu per una mancata copertura difensiva, probabilmente l'allenatore della Juventus Massimiliano Allegri ha ringraziato la traversa che ha respinto il destro del numero 10 rossonero a Buffon battuto in avvio di ripresa. Gli innesti di Douglas Costa e Cuadrado, uniti alla crescita di Khedira nell'ultimo quarto di gara, hanno prodotto un allungo importante per la classifica bianconera: approfittando del pareggio del Napoli sul campo del Sassuolo, Dybala e soci guidano la classifica di Serie A con 4 punti di vantaggio sui diretti inseguitori. Allegri ha però chiari gli obiettivi:

I ragazzi sono stati bravi ad ottenere questa vittoria in uno scontro diretto. Il Napoli può arrivare a 98, quindi adesso pensiamo al Real Madrid e poi subito al Benevento. Mancano otto partite e dobbiamo vincerne sette.

Nelle parole di Allegri ai microfoni di Mediaset c'è stato spazio anche per gli elogi ai singoli (su tutti Khedira, arrivato al record personale di marcature in Serie A, e Cuadrado), per analizzare il gol da ex realizzato da Leonardo Bonucci e fissare lo sguardo sull'impegno di Champions League di martedì sera contro il Real Madrid. Tra meno di 72 ore si torna in campo, dato che limita gli spazi per le riflessioni e porta a pensare solo al prossimo passo:

Qui c’è voglia di arrivare in fondo, affronteremo una squadra che arriva in porta con tre passaggi. Sono i più forti, dovremo giocare al massimo per fare un grande risultato.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.