Boateng, come Osvaldo? Vuole darsi alla musica per cambiare il mondo

L'ex centrocampista del Milan vuole combattere il razzismo e da musicista avrebbe più possibilità di girare il mondo: "Sinceramente mi ci vedo. Sarebbe bello".

Proprio come Osvaldo, anche Boateng potrebbe fare il cantante

309 condivisioni 0 commenti

di

Share

È il primo aprile, sembra uno scherzo, ma lui è serissimo. Kevin-Prince Boateng potrebbe diventare un cantante. Proprio come fatto da Daniel Pablo Osvaldo, che ha lasciato il calcio per darsi alla musica. L'argentino però lo ha fatto per passione, stravolgendo immediatamente la propria vita, il tedesco per ora invece prende tempo.

Boateng ha intenzione di combattere il razzismo con armi ancor più forti di quelle che ha usato negli ultimi anni. Ha lasciato il campo in un'amichevole fra Milan e Pro Patria quando ha sentito alcuni ululati razzisti, chiama spesso i giocatori che (fra Italia e Germania) subiscono offese razziali.

Ora però pensa anche ad altro, perché potrebbe riuscire a mandare segnali ancor più forti:

Al termine della carriera potrei anche fare il cantante. Così potrei raggiungere tutto il mondo e magari potrei riuscire a cambiare qualcosa. Sarebbe molto bello.

Boateng pianifica la carriera da musicista

Se ne riparlerà più avanti. Al momento l'ex giocatore del Milan non ha un piano definito, solo un'idea. Prima dovrà quindi portare a termine la propria carriera. Boateng però non si limita solo ai pensieri sulla musica, perché, in un'intervista rilasciata alla Bild, ripercorre anche alcune tappe importanti del passato:

Klopp è stato il miglior allenatore che io abbia avuto. Sia tecnicamente che dal punto di vista umano. Sa benissimo come prendere i giocatori.

Poi un'ammissione molto coraggiosa, perché Boateng riconosce che probabilmente in carriera avrebbe potuto ottenere qualcosa in più se solo si fosse applicato e avesse preteso il massimo da se stesso. Non è stato maniacale come Ronaldo e se il portoghese ha ottenuto il massimo, il ghanese sa che avrebbe potuto togliersi maggiori soddisfazioni:

Sono sereno e soddisfatto di quello che è stato il mio percorso, però credo che se mi fossi applicato di più avrei potuto giocare anche con il Real Madrid.

Col senno del poi avrebbe probabilmente voluto dare di più, anche perché lui stesso racconta di desiderare di stare al centro dell'attenzione. È il primo aprile, ma Boateng è serissimo. Sia per quel che riguarda il presente che per quel che riguarda il futuro.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.