Serie A, le pagelle di Juventus-Milan: Khedira "zittisce" Bonucci

Bonucci colpisce davanti ai suoi ex tifosi, ma la copertina gli viene sottratta all'ultimo momento dal tedesco, che inventa assist e gol dopo 75' pessimi.

Juventus Milan 3-1

447 condivisioni 0 commenti

di

Share

Una Juventus cinica e spietata batte il Milan per 3-1 e, complice il pareggio del Napoli a Sassuolo, vola nuovamente a +4 sui partenopei, allungando gli artigli sul settimo scudetto consecutivo. Risultato bugiardo nella forma e forse anche nella sostanza, quello maturato all'Allianz Stadium, ma che certifica una volta di più la straordinaria forza mentale dei bianconeri, bravi a contenere un Milan eccellente per 70', e poi a pugnalarlo al cuore nel finale con Cuadrado (79') e Khedira (87'). Di Dybala (7') il vantaggio iniziale bianconero, di Bonucci, proprio lui, il momentaneo pareggio degli ospiti (28').

Un plauso va rivolto anche a Massimiliano Allegri, ancora una volta abilissimo a leggere una partita che non sembrava aver preparato nel migliore dei modi: il 3-5-2 tutto muscoli, con Asamoah e Lichtsteiner sulle fasce e i soli Dybala-Higuain davanti, non ha funzionato, decisamente meglio la Juve dopo l'ingresso di Douglas Costa e Cuadrado. Ed è stato proprio il colombiano, che non giocava da tre mesi, a segnare con un colpo di testa il gol che ha definitivamente girato la partita. Quando sei il più bravo, capita anche di essere fortunato.

Per il coraggioso Milan di Gennaro Gattuso, tanti complimenti e zero punti, che erano poi l'unica cosa che serviva veramente. Dal punto di vista del gioco e della personalità, la gara contro i tiranni della Serie A ha confermato tutto quanto di buono si era detto e scritto di Bonucci e compagni negli ultimi mesi. Purtroppo per il Diavolo, la gioventù e l'inesperienza si pagano: le occasioni migliori per vincere le hanno avute Calhanoglu (traversa) e Bonaventura, i gol li hanno fatti gli altri, un po' com'era capitato contro l'Arsenal. E la Champions League assomiglia sempre più a un miraggio.

Serie A, le pagelle di Juventus-Milan

Juventus (3-5-2): Buffon 6; Barzagli 6, Benatia 6,5, Chiellini 6; Lichtsteiner 5 (46' Douglas Costa 6,5), Khedira 7, Pjanic 6 (75' Bentancur sv), Matuidi 5,5 (61' Cuadrado 7), Asamoah 6; Dybala 6,5, Higuain 6. A disp. Szczesny, Pinsoglio, De Sciglio, Rugani, Howedes, Marchisio, Sturaro. All. Allegri 6,5

Milan (4-3-3): G. Donnarumma 6; Calabria 6, Bonucci 7, Romagnoli 6,5, Rodriguez 5; Kessie 7, Biglia 6,5 (75' Montolivo 5,5), Bonaventura 5,5; Suso 6,5, André Silva 6 (59' Kalinic 5), Çalhanoglu 7 (80' Cutrone sv). A disp. A. Donnarumma, Storari, Musacchio, Zapata, Antonelli, Locatelli, Mauri, Borini. All. Gattuso 6

I migliori

Sami KhediraGetty
Khedira esulta dopo il gol al Milan

Khedira 7: fino a 10' dalla fine lo avreste trovato in queste pagelle, ma dall'altra parte, tra quelli col cappello da somaro. Pessima la partita di Sami, quasi vetusto al confronto della gamba vivace dei dirimpettai rossonero e addirittura fischiato dai suoi tifosi dopo l'ennesimo pallone buttato. Però non si è campioni del mondo per caso: assist al bacio (di sinistro) per il tuffo di Cuadrado, destro chirurgico per togliere dalla testa dei milanisti ogni vacua speranza di rimonta. A pensarci bene, è lui il paradigma di questa Juve che non smette mai di avere fame. 

Cuadrado 7: il suo ingresso (o forse è stato quello di Kalinic?) sposta di venti metri avanti il baricentro della squadra, e per il Milan iniziano i dolori. A dire il vero il colombiano è ben lontano dalla sua forma migliore, ma avercelo come carta di riserva è un lusso che si può permettere solo Allegri, come dimostra il volo d'angelo che buca Donnarumma e regala a Madama una bella fetta di tricolore.

Bonucci 7: si becca i prevedibili insulti di quella che era la sua gente, ma non perde la calma e anzi si toglie lo sfizio di segnare alla Juve il primo gol di questo 2018. Niente da dire, la sua partita personale la vince lui, peccato che i famosi equilibri siano ancora al loro posto e la partita, quella vera, l'abbia vinta la Juve.

Bonucci MIlanGetty
Bonucci, serata dolceamara

I peggiori

Rodriguez 5: dà costantemente l'impressione di poter perdere il pallone inciampandoci sopra. Dybala se ne accorge e gioca costantemente dalla sua parte, almeno finché non entra Cuadrado. Che lo svizzero puntualmente si perde, sul cross dalla sinistra di Khedira. Ancora una volta, il ventre molle della difesa rossonera.

Kalinic 5: con quella faccia da capro espiatorio che si ritrova, è impossibile non prendersela con lui anche questa sera. Certo, gioca solo mezzora, quella in cui la Juve guadagna inesorabilmente campo. Stavolta non ha sulla coscienza erroracci sotto porta, ma non tiene una palla che sia una e, negli ultimi 15', il Milan va in asfissia.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.