Argentina umiliata dalla Spagna, la rabbia di Messi in tribuna

Il campione del Barcellona, infortunato, ha assistito insieme a Lanzini alla pesante sconfitta contro le Furie Rosse.

941 condivisioni 0 commenti

di

Share

Esistono due versioni dell'Argentina: quella con Lionel Messi e quella senza Lionel Messi. La seconda versione, con la stella del Barcellona ai box per i problemi al bicipite femorale, è stata umiliata con un netto 6-1 dalla Spagna al Wanda Metropolitano. Tris di Isco, reti di Diego Costa, Thiago Alcantara e Iago Aspas per gli iberici, con inutile centro della bandiera albiceleste firmato da Otamendi.

Era dal 2009 che l'Argentina non incassava sei reti in una partita: l'ultima volta era successo a La Paz, contro la Bolivia, in una partita di qualificazione ai Mondiali 2010 condizionata anche dall'altura. Anche allora finì 6-1, ma nell'occasione Lionel Messi era in campo. Ieri sera, invece, la stella del Barcellona ha assistito dalla tribuna alla debacle della selezione allenata da Jorge Sampaoli.

Spagna-Argentina 6-1, Messi in tribuna accanto al compagno di Nazionale Manuel Lanzini
Spagna-Argentina 6-1, Lionel Messi soffre in tribuna accanto a Manuel Lanzini

Sconforto, amarezza, delusione. Sensazioni che si sono alternate nel corso della partita tra Spagna e Argentina sul volto di Lionel Messi. Emozioni negative, acuite dall'impossibilità di poter essere in campo con i suoi compagni. La Pulce ha condiviso una serata nera per tutto il calcio argentino con il compagno di rappresentativa Manuel Lanzini, indisponibile per un guaio muscolare e autore di una delle due reti con le quali la Selección aveva superato venerdì scorso l'Italia a Manchester.

Crollo Argentina contro la Spagna, le reazioni di Messi in tribuna

Il commissario tecnico dell'Argentina Jorge Sampaoli ha sottolineato nei commenti dopo il fischio finale la vicinanza di Messi ai suoi compagni di Nazionale. Le immagini catturate nel palchetto occupato dalla stella di Rosario e da Lanzini, sono la conferma delle parole del Ct. Messi senza pace, spesso in piedi a seguire l'azione o quasi a cercare di chiedere una reazione alla pesante sconfitta che stava maturando sul prato del Wanda Metropolitano, stadio di casa dell'Atletico Madrid che nella Liga segue il suo Barcellona capolista con 11 punti di ritardo.

Spagna-Argentina 6-1, Messi assiste alla sconfitta sugli spalti
Spagna-Argentina 6-1, Messi assiste alla sconfitta da un palchetto del Wanda Metropolitano

A 31 anni e 30 titoli conquistati con la maglia del Barcellona, ai quali sommare le cinque conquiste del Pallone d'Oro, Messi sa che è arrivato il tempo di vincere qualcosa di importante anche con l'Argentina: il curriculum del numero 10 in maglia albiceleste parla chiaro. Con 61 reti realizzate, è il miglior marcatore della storia della nazionale ed è stato anche il calciatore più giovane a giocare e segnare ai Mondiali con l'Argentina. Trofei sollevati? Zero. Per questo verso i Mondiali 2018 non sono più ammesse figuracce: come quelle del Wanda Metropolitano, dove senza Messi è maturata una delle notti più buie nella storia recente della Selección.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.