Il portiere del Messina sorpreso dall'arbitro a fare pipì: espulso

Armando Prisco è stato espulso per aver urinato dietro la sua porta durante il match contro l'Igea Virtus: "Chiedo scusa, credevo non mi vedesse nessuno".

Armando Prisco

439 condivisioni 0 commenti

Share

Non ce la faceva più a trattenerla, così ha approfittato di una sostituzione per lasciare momentaneamente i pali e fare pipì dietro alla sua porta. Non l'ha visto nessuno, fatta eccezione per il signor Iacovacci di Latina. Già, si è fatto beccare dall'unico che non doveva vederlo e che l'ha espulso da regolamento per "Comportamento antisportivo". 

Lui si chiama Armando Prisco, è il portiere classe 1997 del Messina diventato famoso suo malgrado durante il match di Serie D contro l'Igea Virtus terminato 0-0. "Mi scappava - ha raccontato a Gianlucadimarzio.com - e così appena ho potuto mi sono messo dietro un cartellone pubblicitario e l'ho fatta fingendo di allungarmi. Ho fatto di tutto per mimetizzarmi, ma non è bastato. Ho chiesto scuso all'arbitro, chiedo scusa a tutti". 

Prisco tra l'altro era subentrato a inizio ripresa al posto dell'infortunato Di Meo, così dopo la sua esplusione in porta ci è finito il difensore Bruno che è riuscito nell'impresa di mantenere la porta inviolata. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.