I tifosi del Bayern seguono la Samb: perché sono gemellati?

Più di 100 supporters tedeschi hanno assistito il match di Serie C con il Südtirol insieme a quelli marchigiani: ecco la storia di un'amicizia nata nel lontano 2005.

2k condivisioni 0 commenti

di

Share

Ehi, ma cosa ci fanno qui i tifosi del Bayern Monaco? Qualcuno lo avrà pensato, al Drusus-Stadion di Bolzano. Che poi il nome, detto in tedesco, ci starebbe pure e la trasferta dalla Germania non sarebbe nemmeno così proibitiva. Ma l’impianto no, quello non è proprio da Champions League, né tantomeno da Bundesliga. E bensì ospita partite di Serie C, come quella tra Südtirol e Sambenedettese, impegnate in una complicata sfida del Girone B. 

Ma tornando alla domanda iniziale, senza troppe divagazioni: che ci fanno i supporters del Bayern Monaco a Bolzano e soprattutto insieme a quelli della Sambenedettese? Colpa - anzi, merito in questo caso - di un gemellaggio nato più di 10 anni fa, per la precisione nel 2005, con un bellissimo spot per il calcio: il rapporto di amicizia, nel mondo ultras, non fa distinzioni di categoria. 

Ed è così che un centinaio di sostenitori tedeschi (per la precisione 82 del Bayern Monaco e 25 del Friburgo) hanno deciso di sfruttare la sosta delle nazionali (e di conseguenza il weekend libero delle proprie squadre del cuore) per seguire da vicino il match poco internazionale di cui prima, finito 1-1 con il pareggio ospite siglato nel secondo tempo da Simone Mattia, classe ‘96 cresciuto nel settore giovanile della Lazio. 

I tifosi del Bayern Monaco seguono la Sambenedettese: quando nasce il gemellaggio?

Gemellaggio tra i tifosi del Bayern Monaco e della Sambenedettese
La Curva del Bayern Monaco si congratula con la Sambenedettese nel 2016 per la promozione in Lega Pro

Proprio questo stesso messaggio era comparso nel 2016 durante una partita di Bundes tra il Bayern e l’Hertha Berlino (2-0 con gol dell’ex Juve Vidal e dell’attuale bianconero Douglas Costa, ironia della sorte). Striscione rossoblù in Curva esposto dal gruppo “Schickeria” e scritta in perfetto italiano per omaggiare il ritorno tra i professionisti dei marchigiani: "L’amicizia va oltre ogni categoria. Auguri, magica Samb". 

Gemellaggio tra i tifosi del Bayern Monaco e della Sambenedettese
Una bandiera sventola a Bolzano durante la sfida con il Südtirol: ci sono gli stemmi di Samb e Bayern

Più recentemente, nel gennaio scorso, i tifosi bavaresi avevano onorato la memoria di Giuseppe Di Nicola, soprannominato “Lu Doce”, tifoso della Sambenedettese scomparso alla fine del 2017, durante la sfida con il Werder Brema: “Buon viaggio Doce, ora bevi la tua birra nel cielo degli ultras”. E ancora prima, nel 2015, la scenografia per festeggiare il decennale del gemellaggio: “X anni Samb e Monaco, e non si vede fine...”.

L'amicizia nasce nel 2005 contro il Napoli...

Gemellaggio tra i tifosi del Bayern Monaco e della Sambenedettese
La scenografia dei tifosi del Bayern in memoria di Giuseppe Di Nicola, detto "Doce"

Ma perché i tifosi del Bayern Monaco e quelli della Sambenedettese sono gemellati? Tutto risale alla primavera del 2005, al 26 marzo, quando alcuni esponenti della “Schickeria”, gruppo appassionato delle realtà calcistiche minori italiane (ma con un seguito importante), arrivano allo stadio "Riviera" per assistere alla partita della Sambenedettese con il Napoli, sprofondato in Lega Pro dopo il fallimento. Da quel giorno, grazie anche a un tifoso marchigiano che parlava perfettamente il tedesco, nasce un’amicizia che poi si trasformerà in un gemellaggio solido, ribadito con costanza negli anni successivi. Dal 2008 il gruppo “Schickeria”, per esempio, è sempre presente al torneo in ricordo di Luigi Coccia, detto “Tamburello”, storico tifoso morto nel 2014. 

La presenza in “trasferta”, naturalmente, è reciproca. Perché i tifosi della Samb hanno assistito dal vivo alle sfide di Champions League tra il Manchester United e il Bayern (7 aprile 2010) e alla finalissima dello stesso anno contro l’Inter, decisa dalla doppietta di Diego Milito per il triplete nerazzurro. In questo weekend l’ultima dimostrazione di vicinanza. Ecco spiegata la presenza dei 100 e passa tedeschi a Bolzano. Come detto prima: roba da ultras, non si fa caso alla categoria.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.