Atletica, Tom Walsh sesto di ogni tempo nel getto del peso con 22.67m

Week-end ricco di grandi risultati da tutto il mondo: in evidenza il pesista neozelandese, il 15enne sprinter giamaicano Sachin Dennis e la sprinter nigeriana Blessing Okagbare.

Tom Walsh

20 condivisioni 0 commenti

di

Share

Il formidabile pesista neozelandese Tom Walsh (campione del mondo in carica outdoor a Londra 2017 e indoor a Birmingham 2018) ha confermato il suo ottimo stato di forma stabilendo il record dell’Oceania e la migliore prestazione mondiale dell’anno con un lancio da 22.67m al secondo tentativo al Sir Graeme Doublas International Track and Field Challenge di Auckland, gara di avvicinamento ai prossimi Giochi del Commonwealth di Gold Coast. Walsh ha ottenuto la migliore prestazione al mondo dal 2003 in poi e ha eguagliato la sesta misura di ogni tempo. Si tratta inoltre dell’ottava vittoria consecutiva in questa stagione. Walsh sarà il protagonista di una grande gara di getto del peso al meeting della Diamond League a Eugene in onda il prossimo 26 Maggio su Fox Sports. 

Atletica, Tom Walsh sesto di ogni tempo nel getto del peso con 22.67m

Tom Walsh:

E’ stato abbastanza facile e mi sono sentito bene. E’ bello aver ottenuto un simile risultato ma non pensavo che l’attrezzo fosse andato così lontano. Il record del mondo di Randy Barnes a 23.12m diventa ogni giorno sempre più vicino. Più ti avvicini e più ci credi. Penso che sia a portata di mando. So di avere ancora qualcosa nel polso

Lo statunitense Ryan Whiting si è classificato secondo con 20.99m precedendo il campione europeo indoor Konrad Bukowiecki (20.75m). La due volte campionessa olimpica Valerie Adams si è migliorata ancora nella sua terza gara post-maternità ha ottenuto la stessa misura (18.48m) della canadese Brittany Crew ma si è aggiudicata la gara in virtù del secondo del secondo miglior tentativo (18.30m contro 18.24m).

La medaglia di bronzo olimpica del salto con l’asta Eliza McCartney ha superato la misura vincente di 4.75m prima di tentare tre prove a 4.85m. Settimana scorsa la giovane neozelandese ha superato 4.90m. Okagbare batte il record africano dei 200 metri con 22”04 La sprinter e saltatrice in lungo nigeriana Blessing Okagbare ha stabilito il record africano dei 200 metri con un eccellente 22”04 migliorando di tre centesimi il precedente primato detenuto dalla connazionale Mary Onyali con 22”07 dall’edizione 1996 del Weltklasse di Zurigo.

Grandi risultati ai Campionati scolastici giamaicani, Dennis Sachin il nuovo Bolt

Le celebri Calabar e Edwin Allen High Schools hanno vinto i titoli delle high school giamaicane rispettivamente in campo maschile e femminile in occasione dei “Boys and Girls Championships” al National Stadium di Kingston, già sede di grandi manifestazioni come i Mondiali Juniores del 2002. I Campionati delle High School hanno prodotto tanti risultati di grande livello in una rassegna che ogni anno sforna i campioni del futuro dell’isola caraibica. Il risultato che ha destato maggiore sensazione è stato il 10”20 (vento di +2.0 m/s) con il quale Sachin Dennis ha stabilito il primato del mondo per quindicenni e il record nazionale under 18 cancellando di 16 centesimi di secondo il precedente world age best detenuto dallo sprinter di Trinidad and Tobago Darrell Brown, che corse in 10”36 nel 2000 prima di vincere l’argento ai Mondiali assoluti sui 100 metri a Parigi 2003 alle spalle di Kim Collins e tre argenti iridati nella staffetta 4x100 nel 2001, 2005 e 2009.

Nella stessa rassegna dell’anno scorso Sachin corse i 100 metri in 10”51 a 14 anni. Sui 200 metri il quindicenne caraibico si è classificato secondo in 20”95 a cinque centesimi di secondo da Antonio Watson. Molti lo paragonano già al grande Usain Bolt. La sedicenne Kevona Davis ha realizzato la doppietta vincendo i 100 metri in 11”16 (a soli 4 centesimi dal record nazionale detenuto dalla due volte campionessa olimpica Veronica Campbell) e i 200 metri in un formidabile 22”72 (migliorando il record giamaicano per sedicenni detenuto da Anneisha McLaughlin). Davis ha risposto così al 23”06 realizzato dalla statunitense classe 2003 Tamari Davis settimana scorsa a Jacksonville.

Il campione del mondo under 18 di Nairobi 2017 Dejour Russell (studente della celebre Calabar High School) ha stabilito a 17 anni la migliore prestazione mondiale under 20 del 2018 con 13”10. Russell vinse il titolo iridato in 13”04 ma vanta anche uno straordinario 13”32 con gli ostacoli da senior. L’altro miglior tempo mondiale dell’anno è stato firmato dall’altro studente della Calabar High School Christopher Taylor con un eccellente 20”35. Dashawn Morris ha stabilito il terzo miglior tempo di sempre in questa manifestazione sui 400 metri con 45”09 dopo il 44”93 di Akeem Bloomfield e il 45”00 di Javon Francis.

L’altro talento da seguire è Anthony Carpenter, secondo sui 200 metri in 20”92 (dopo il 20”57 della semifinale) e sui 400 metri in 45”47. Rovane Williams si è imposto nei 400 ostacoli con 49”94 diventando il terzo giamaicano a livello high school a scendere sotto i 50 secondi sui 400 ostacoli dopo il campione olimpico e mondiale dei 110 ostacoli Omar McLeod e Jaheel Hyde. La Calabar High School si è confermata grande fucina di staffette 4x100 vincendo in uno straordinario 39”17.

Semenya vicina al record sudafricano dei 1500 metri

Nell’ambito del terzo appuntamento dell’Athletix Grand Prix di Paarl in Sudafrica la due volte campionessa olimpica degli 800 metri Caster Semenya ha corso i 1500 metri in 4’02”50 avvicinando il vecchio record sudafricano detenuto da Zola Budd con 4’01”81. Ancora in luce gli sprinter sudafricani. Dopo il successo ai Campionati nazionali di Pretoria sui 200 metri Luxolo Adams è andato vicino a scendere sotto il muro dei 20 secondi con 20”01 precedendo Anaso Jobodwana di sei centesimi di secondo.

Michael Norman debutta sui 200 metri

Il campione del mondo under 20 dei 200 metri e neo primatista mondiale indoor dei 400 metri Michael Norman ha debuttato all’aperto vincendo i 200 metri in 20”37 al Trailblazer Challenge di Los Angeles. Nuovo bel risultato del lanciatore italiano Gian Piero Ragonesi (studente all’Università di Miami), che ha realizzato la terza migliore prestazione della sua carriera nel lancio del disco con 58.33m.

Un altro cinese sotto i 6”50 sui 60 metri

Mentre in diverse parti del mondo si gareggia già all’aperto, la stagione indoor continua in Cina. Nella finale del Grand Prix indoor cinese di Pechino è arrivato il clamoroso acuto di un altro sprinter Xu Zhouzheng, che ha fermato il cronometro in un sensazionale 6”48 sui 60 metri diventando il quarto atleta al mondo a scendere sotto i 6”50 nel 2018 e il secondo sprinter asiatico di sempre alle spalle del vice campione del mondo indoor di Birmingham 2018 Su Bingtian, che in questa stagione ha corso in 6”42. Da ricordare che sulla ribalta è salito anche un altro velocista di questo paese Xie Zhenye, quarto ai Mondiali di Birmingham in 6”52.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.