Argentina, Aguero: "Comanda Messi? E allora perché non gioco?"

L'attaccante del Manchester City parla del presunto potere della Pulce in Nazionale: "Se fosse vero che comanda non sarei una riserva visto che siamo amici".

1k condivisioni 0 commenti

Share

Lionel Messi detta legge in Nazionale e influenza anche le scelte del ct Sampaoli. Una voce che circola con insistenza da tempo e che Sergio Aguero ha smentito con fermezza ai microfoni di Fox Sports.

L'attaccante del Manchester City era seduto in tribuna vicino alla Pulce durante l'amichevole con l'Italia giocata all'Etihad Stadium. Lui era indisponibile per un infortunio al ginocchio (ha già lasciato il ritiro dell'Albiceleste), il numero 10 del Barcellona per un affaticamento muscolare. 

Ho sentito dire che Messi comanda - ha esordito Aguero - in Nazionale. Ma se fosse davvero così, perché io sono solo una riserva nonostante siamo grandi amici?

Poi torna alle prime presenze con la maglia dell'Argentina: 

A inizio carriera il ct dell'Argentina era Bielsa che non mi prendeva in considerazione, poi è arrivato Sabella che mi ha dato spazio. Con Martino sono tornato ai margini, Bauza ha ripreso a convocarmi

Il Kun punta il Mondiale:

Sento di avere un debito con la Nazionale, per questo voglio vincere in Russia. Ricordo come fosse ora quando Messi annunciò l'addio alla Nazionale dopo la Coppa America persa, fortunatamente è tornato sui suoi passi

Infine sul futuro:

Il mio contratto con il Manchester City scadrà nel 2020, poi tornerò a casa mia all'Indipendiente

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.