I fantasmi di Ronda Rousey: "Dopo la Nunes pensavo che Dio mi odiasse"

L'ex campionessa pesi gallo UFC a tu per tu con gli spettri che l'hanno accompagnata dopo la sconfitta contro la brasiliana

120 condivisioni 0 commenti

di

Share

Ronda Rousey torna a parlare del suo passato nelle MMA. L'ex judoka olimpica, ormai passata ufficialmente alla carriera da pro-wrestler WWE - e attesa da un debutto di fuoco a WrestleMania 34 -, non dimentica i suoi trascorsi all'interno dell'ottagono. C'è tanta amarezza ripensando alla momentanea chiusura della sua carriera nelle arti marziali miste, con la sconfitta contro Holly Holm che l'aveva addirittura indotta a pensieri suicidi, come aveva candidamente ammesso lei stessa.

Una situazione aggravata definitivamente dal KO contro Amanda Nunes a UFC 207, e che ha probabilmente sancito l'addio definitivo di Ronda alle MMA professionistiche. Un'avventura di tutto rispetto chiusa con un record di 12-2, che ha permesso alle divisioni femminili di ritagliarsi uno spazio progressivamente più importante all'interno delle dinamiche di UFC. Questo, ovviamente, ha portato l'ex campionessa pesi gallo sotto i riflettori, moltiplicando le sue apparizioni televisive e cinematografiche.

Eppure, nonostante il successo, a sentire le parole di Ronda in un paio di passaggi nel suo promo di WrestleMania, sembra quasi che la vita nell'ottagono di fatto l'abbia svilita: 

Sapevo che potevo battere qualsiasi donna sul pianeta perché sapevo di essere la migliore. Io ero la migliore al mondo, e lo credo proprio perché lo sono stata. Non sono arrogante, perché non potrei dirlo? Perché sono una donna e questo mi rende una st**nza? Ricordo il mio ultimo match, quando andai via camminando pensai "Dio mi odia". Mio marito (Travis Browne, peso massimo UFC ndr) è stato fenomenale nel tirarmi fuori dai momenti difficili, dicendomi che non ero solo quello, non ero soltanto una semplice fighter.

Non è una cosa di cui dovrei vergognarmi, anzi deve essere un fattore da abbracciare per mostrare al mondo perché sono qui. Avevo bisogno di essere veramente infelice prima di essere realmente felice come adesso. Pensavo che l'oro olimpico potesse essere l'unica cosa che mi fosse mai interessata, idem poi con le MMA e UFC. Poi però le cose sono cambiate, e adesso penso lo stesso di WrestleMania. Ho raggiunto tutte le skill che mi permetteranno di essere la migliore su quel palco, perché sono sempre stata destinata a questo.

MMA: Ronda Rousey tornerà mai nell'ottagono?

La domanda che tutti ci poniamo, a questo punto, è scontata: Ronda Rousey rientrerà mai in gabbia? A sentire le ultime dichiarazioni, sembrerebbe proprio di no. Ciò non toglie che l'ex atleta olimpica non abbia mai parlato pubblicamente di un ritiro, lasciando la porta aperta ad un rientro che, viste le premesse, avrebbe comunque del clamoroso.

Vota anche tu!

MMA: Ronda Rousey rientrerà mai nell'ottagono?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.