Liga, Uragano Messi: al Barça basta un tempo contro l'Athletic Bilbao

I blaugrana chiudono la pratica contro i baschi già dopo i primi 45' grazie a Paco Alcacer e Messi. Striscia di imbattibilità ora a 29 partite per la squadra di Valverde.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Un Barcellona stellare annichilisce un impotente Athletic Bilbao. I baschi possono poco contro lo strapotere del Barcellona e di Messi che partono fortissimo e dopo poco meno di 10 minuti sono già in vantaggio. Il Barça impressiona soprattutto per qualità e facilità di gioco anche senza Busquets, Suarez e Iniesta oggi partito dalla panchina. Coutinho e Dembélé duettano benissimo con Messi che da solo dimostra sempre e comunque di poter decidere le partite quando e come vuole.

Bello (da vedere) e bravo, bravissimo Messi. Da far venire il mal di testa non solo ai suoi avversari, ma anche a chi lo guarda giocare: numeri d'alta scuola, trick da futsal. Il 25° gol in campionato poi è una perla: sinistro chirurgico dritto all'angolino basso, palla in fondo al sacco con un messaggio per l'impotente Kepa: "Questa non la prendi mai". Eppure Kepa ha tenuto in piedi con interventi precisi e personalità i suoi compagni, ma con questo Barcellona, oggi, era in formato Giudizio Universale.

Mani sempre più sulla Liga 2017/18 per la squadra di Ernesto Valverde che anche oggi ha dimostrato di appartenere ad un'altra categoria: quella degli extra terrestri. Per l'Athletic resta il rammarico di non averci creduto quando il Barça ha abbassato la guardia, ma francamente lo stra potere dei blaugrana oggi avrebbe messo KO chiunque.

Liga, Barcellona-Athletic Bilbao: Barcellona extra-lusso nel Primo Tempo

Era preventivabile un dominio del Barcellona contro l'Athletic Bilbao, ma così è stato davvero bellissimo. I 37 punti che c'erano di differenza ad inizio partita, in Liga, si sono visti tutti in campo. Qualità eccezionale degli uomini di Valverde a parte, l'Athletic ci ha messo anche del suo per spianare la strada alla vittoria a Messi e compagni. Che la Pulga fosse in formissima si era già capito dopo i primi 5' quando la sua punizione dal limite ha impegnato per la prima volta Kepa. Sarebbe stato il quarto gol consecutivo su punizione. Il Barça controlla e gestisce la partita accendendosi e spegnendosi a piacimento. Dopo 8' infatti c'è il vantaggio: Jordi Alba entra in area e mette in mezzo per Paco Alcacer che tutto solo in mezzo all'area apre il piattone e trafigge Kepa per l'1-0. Terzo gol in campionato per l'attaccante e ottavo assist in Liga per il terzino sinistro dei blaugrana.

Messi, Coutinho e Dembélé. Sono loro in ordine decrescente i pericoli maggiori per la porta di Kepa e la difesa dell'Athletic Bilbao che fatica a tenere il ritmo dei campioni della squadra di Valverde. Messi ingaggia un duello personale col giovane portiere avversario, Coutinho e Dembelè, invece, litigano con i pali, ma il pericolo è costante. Numeri d'alta scuola a ripetizione per gli avanti del Barcellona che a volte si perdono in leziosismi da futsal, ma che vengono apprezzati dal pubblico che ricambia con applausi scroscianti. Al 30' però l' 'Urgano Messi' spazza via l'Athletic Bilbao mettendo un sigillo importante su partita e risultato. Dembélé si accentra a destra e scarica al limite dell'area per il capitano del Barcellona che controlla e calcia: bolide chirurgico col sinistro che finisce alle spalle dell'impotente Kepa. Gioco, partita e incontro. Uno spettacolo infinito: Barça formato extra-lusso al Camp Nou. L'Athletic chiude in svantaggio di due gol ma deve ringraziare l'imprecisione degli avanti di Valverde (tre pali colpiti) e l'attento Kepa se lo svantaggio non è più largo.

Noia e gestione del vantaggio: il secondo tempo scorre senza troppe emozioni

Messi e compagni tornano in campo con la calma olimpionica di chi sa che questa partita si può perdere solo con un harakiri. E infatti a parte qualche piccolo errore difensivo della retroguardia di Valverde, la squadra di Ziganda fa il solletico al Barcellona che gestisce con esperienza e la tranquillità di chi la Liga ce l'ha praticamente in pugno. L'episodio più bello? Gli applausi scroscianti del Camp Nou per Don Andres Iniesta al suo ingresso in campo al 64'. La partita scorre senza troppe emozioni e pochi spunti personali da parte dei giocatori di entrambe le squadre. Il Barcellona resta primo e sale a 75 a +11 dall'Atletico Madrid atteso alle 18:30 dal Villareal. Per l'Athletic Bilbao settimana da dimenticare dopo l'eliminazione in Europa League contro il Marsiglia e stagione sempre più anonima che li vede al 13° posto in Liga a parimerito con l'Espanyol.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.