Il bambino che costruisce gli stadi della Bundesliga con i Lego

Joe Bryant è un bimbo inglese di soli 9 anni che basandosi sulle foto degli stadi tedeschi riesce a ricrearli con i Lego: 2000 mattoncini per fare la Veltnis-Arena.

 Joe Bryant, a soli 9 anni, crea gli stadi della Bundesliga con i Lego

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

È raro, ma capita. E quando succede la passione è travolgente. C'è chi nel proprio paese non trova una squadra nella quale identificarsi, per la quale fare il tifo. E allora si guarda intorno, guarda all'estero. È quanto successo a Joe Bryant, un bambino inglese di 9 anni innamorato della Bundesliga.

Più volte, insieme al papà, Joe è andato in Germania per guardare le partite dal vivo. È lì che si è innamorato del campionato, dell'atmosfera, delle squadre, degli stadi. E quindi ha deciso di ricostruirli con i Lego, altra sua grande passione. Il papà gli mostra le foto degli impianti, lui li ricrea fedelmente.

Lo ha fatto già con diversi stadi: quello del Colonia, quello dello Schalke, quello dell'Hannover. Nel novembre del 2017 è andato a Colonia e sul suo profilo twitter (controllato dai genitori) si è detto entusiasta dell'esperienza. Spesso Joe si fa fotografare con la maglia della nazionale tedesca addosso, o con quella dei club della Bundesliga. I suoi compagni di scuola non capiscono, lo sfottono perfino, ma lui si tiene la sua passione con fierezza.

Bundesliga, un bambino di 9 anni costruisce gli stadi con i Lego

Per costruire lo stadio dello Schalke gli sono serviti 2mila mattoncini dei Lego e varie ore di lavoro. Per questo il club di Gelsenkirchen ha deciso di invitarlo nel proprio impianto e di farlo entrare in campo per mostrare la propria opera ai tifosi tedeschi. Il tutto è successo prima della partita di Bundesliga fra Schalke e Hertha Berlino, Joe era comprensibilmente commosso.

Sul terreno di gioco Joe è stato intervistato da Dirk Oberschulte-Beckmann, lo speaker dello stadio, al quale ha spiegato che ha cominciato a giocare con i Lego quando aveva 5 anni. Per costruire la Veltnis-Arena ci ha messo una settimana esatta. Ma non è poi tanto tempo, se dedicato a una passione. Perché è raro, ma capita anche che ci si innamori a distanza.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.