Champions League, la Roma sfida il tabù delle rimonte europee

Il ribaltone non riesce dal 2004, con Capello in panchina. In fumo gli ultimi nove tentativi, l'ultimo dodici mesi fa in Europa League con il Lione.

302 condivisioni 0 commenti

di

Share

Contro lo Shakhtar Donetsk, la Roma è chiamata al salto di qualità. Eliminando gli ucraini, non soltanto i giallorossi si qualificherebbero ai quarti di finale a dieci anni dall'ultima volta, ma completerebbero anche la prima rimonta in Champions League della propria storia.

Soltanto in sette occasioni, sulle trentuno totali, la Roma è riuscita a “cancellare” la sconfitta dell'andata: sei in Coppa Uefa e una in Coppa dei Campioni, nella storica semifinale contro il Dundee United. Ribaltando il ko del Metalist Stadium, gli uomini di Di Francesco interromperebbero inoltre una striscia negativa di nove eliminazioni consecutive.

Dopo il successo contro il Gaziantepspor ai sedicesimi di Coppa Uefa nel 2004, con Capello in panchina, i capitolini non hanno più rimontato una sconfitta europea, perdendo col Villarreal già nel turno successivo e con Middlesbrough, Manchester United, Arsenal, Panathinaikos, Shakhtar Donetsk, Slovan Bratislava, Real Madrid e Lione negli anni seguenti.

Strootman Roma-LioneGetty Images
La delusione di Strootman dopo l'inutile vittoria sul Lione

Roma, in Champions League la rimonta è un tabù

L'eliminazione per mano del Sottomarino Giallo e quella contro il Middlesbrough passarono in secondo piano a causa delle reali ambizioni dei giallorossi, che misero la Coppa Uefa una volta dietro alla lotta Scudetto e l'altra dietro al raggiungimento del quarto posto. Ben più cocenti furono i ko contro Manchester United e Arsenal: i Red Devils si imposero sia all'Olimpico (reti di Cristiano Ronaldo e Rooney) che all'Old Trafford (Tevez); i Gunners vinsero di misura a Londra grazie al gol di van Persie e strapparono la qualificazione ai calci di rigore, dopo che i tempi regolamentari si erano chiusi sull'1-0 per i giallorossi, a segno con il difensore brasiliano Juan.

Se la doppia vittoria del Panathinaikos fu giustificata dalla rincorsa all'Inter in campionato, lo stesso non si può dire delle ultime quattro mancate rimonte. Nel 2010-11 una Roma già senza grandi obiettivi in Serie A venne travolta in Champions League dallo Shakhtar, mentre nella stagione successiva lo Slovan Bratislava inaugurò nel peggiore dei modi l'esperienza italiana di Luis Enrique. Due anni fa, Spalletti venne eliminato dal Real Madrid futuro campione d'Europa, perdendo 2-0 in casa (Cristiano Ronaldo e Jesé) e con lo stesso al risultato al Santiago Bernabeu (Ronaldo e James Rodriguez). Il tecnico di Certaldo si arrese poi in Europa League al cospetto del Lione, con i transalpini che vinsero 4-2 al Parc OL e si qualificarono ai quarti di finale nonostante la sconfitta per 2-1 rimediata in Italia.

  • Coppa Uefa 2003-04, ottavi: Villarreal-Roma 2-0, 1-2
  • Coppa Uefa 2005-06, ottavi: Middlesbrough-Roma 1-0, 1-2
  • Champions League 2007-08, quarti: Roma-Manchester United 0-2, 0-1
  • Champions League 2008-09, ottavi: Arsenal-Roma 1-0, 0-1 (7-6 dcr)
  • Europa League 2009-10, sedicesimi: Panathinaikos-Roma 3-2, 3-2
  • Champions League 2010-11, ottavi: Roma-Shakhtar Donetsk 2-3, 3-0
  • Europa League 2011-12, playoff: Slovan Bratislava-Roma 1-0, 1-1 (dts)
  • Champions League 2015-16, ottavi: Roma-Real Madrid 0-2, 0-2
  • Europa League 2016-17, ottavi: Lione-Roma 4-2, 1-2
Rigore Tonetto Roma-ArsenalGetty Images
L'errore di Tonetto in Roma-Arsenal: contro i Gunners, la rimonta venne solo sfiorata

La Roma non dovrà quindi farsi scoraggiare dai precedenti. Le statistiche favorevoli ci sono: ad esempio i giallorossi quest'anno in Champions League non hanno mai perso all'Olimpico, mantenendo la porta imbattuta in tutte e tre le gare casalinghe finora disputate. Dal momento che pure una vittoria per 1-0 basterebbe per eliminare lo Shakhtar, la missione stavolta sembra tutt'altro che impossibile.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.