Grecia, il presidente del PAOK in campo con la pistola: stop al campionato

Durante la partita con l'Aek il presidente Ivan Savvidis ha guidato un'invasione di campo armato: il Ministro dello Sport ha sospeso a tempo indeterminato la Super League.

707 condivisioni 1 commento

di

Share

Passateci la battuta: scene così sono solo disarmanti. La partita fra Paok Salonicco e Aek Atene è stata sospesa per invasione di campo. Decine e decine di tifosi erano sul terreno di gioco, ma quel che sconvolge ancor di più è che sul campo da calcio fosse entrato anche il presidente del club di casa Ivan Savvidis.

La situazione è peggio di quanto si possa pensare, perché Savvidis non è entrato in campo per calmare gli animi, anzi, ha invaso il terreno di gioco armato di pistola. Si è avvicinato al direttore di gara Kominis e lo ha minacciato mostrandogli la pistola (inserita nella fondina attaccata al fianco): "La tua carriera è finita".

In realtà a finire, dopo che il campo era stato invaso anche dai tifosi di casa, è stata solo la partita. Il presidente dell'Aek Atene si è imposto affinché la gara non riprendesse. Evidente che la sicurezza dei suoi giocatori non fosse più garantita. Il presidente del Paok, invece, è stato accompagnato fuori dal campo dalla polizia. Doveva essere una bellissima partita di calcio, fra la prima e la seconda in classifica, ma la situazione è degenerata.

Il presidente del Paok in campo con la pistola: stop al campionato greco

Ma cosa è successo esattamente? Il Paok, secondo in classifica a -2 dall'Aek, ma con una partita in meno, avrebbe messo la propria impronta sul campionato se fosse riuscito a vincere lo scontro diretto. Quando l'arbitro ha annullato al 90' un gol ai padroni di casa la situazione è degenerata. Ivan Savvidis ha invaso il campo e con lui i tifosi. I giocatori dell'Aek si sono chiusi negli spogliatoi, aspettando indicazioni dalla polizia.

Ivan Savvidis
Ivan Savvidis

Probabile ora che la lega greca decida di dare la partita vinta all'Aek, che si ritroverebbe a +5 (con una partita in più). Da vedere invece cosa accadrà con Ivan Savvidis. Quel che è certo è che scene così non sono educative, non sono sportive, non sono da calcio. Da qui la decisione del governo ellenico di ospendere a tempo indeterminato la Super League. Il Ministro dello sport, Giorgios Vassiliadis, ha dichiarato:

Abbiamo deciso di interrompere il campionato. In questi minuti siamo in contatto con la UEFA e non abbiamo intenzione di fare un passo indietro. Dobbiamo attuare regole e norme più severe in materia di sicurezza. Ci saranno pene severe, le immagini di ieri sono scioccanti.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.