Atletica, Roma Ostia: Galen Rupp sfiora il record statunitense con 59’47”

Gli appassionati di atletica hanno vissuto una grande mattina sugli schermi di Fox Sports, che ha trasmesso per la prima volta la popolare Roma Ostia Half Marathon con la telecronaca di Nicola Roggero e dell’ex maratoneta Lucilla Andreucci.

Galen Rupp

20 condivisioni 0 commenti

di

Share

La quarantaquattresima edizione della Huawei Roma Ostia Half Marathon ha confermato il successo di partecipazione degli ultimi anni richiamando 11592 podisti sul percorso di 21 km dal Palalottomatica in zona EUR a Roma fino al lungomare Lutazio Catulo di Ostia. Più di 9000 corridori sono arrivati al traguardo. La mezza maratona più partecipata in Italia è il secondo di tre grandi appuntamenti di running nel nostro Paese trasmessi su Fox Sports quest’anno. Dopo la Napoli Half Marathon verranno mandate in onda le immagini della Maratona di Milano del prossimo 8 Aprile.

Come da previsioni la star statunitense Galen Rupp ha iscritto il suo nome nel prestigioso albo d’oro della corsa romana demolendo il record personale con 59’47”. In precedenza aveva un record di 1h00’30” realizzato a New York nel 2011. Il trentaduenne top runner nativo di Portland ha sfiorato di quattro secondi il record statunitense stabilito dal connazionale Ryan Hall con 59’43” a Houston nel 2007. Rupp è il primo top runner non africano ad imporsi alla Roma Ostia dall’edizione del 1997 quando si impose l’azzurro Stefano Baldini, che sette anni dopo avrebbe trionfato nella maratona olimpica di Atene 2004.

Galen Rupp ha fatto gara d’attesa rimanendo coperto nel gruppo di testa comprendente Moses Kemei, Justus Kangogo (secondo lo scorso anno con il record personale di 59’31”) e Emmanuel Kipsang in un avvio lanciato su ritmi molto sostenuti con passaggi da 13’50” al 5 km e 28'39;09” al 10 km. Kemei ha provato ad attaccare al 12 km ma Rupp è rimasto in controllo della gara prima di sferrare l’allungo decisivo dopo il passaggio al 15 km in 42’44”. Lo statunitense ha incrementato il suo vantaggio portandolo a 40 secondi al 20 km.

Atletica, Roma Ostia: Galen Rupp sfiora il record statunitense con 59’47”

Galen Rupp:

E’ stata una gara splendida. Le condizioni climatiche ci hanno dato una mano fino al traguardo. Sono veramente contento della mia prova. Avevo tanta paura per il meteo ma invece è andato tutto molto bene. E’ stata una gara veramente adorabile sotto ogni aspetto. Ho molta fiducia nei miei mezzi in vista della Maratona di Boston del prossimo 16 Aprile. Sono fiducioso perché lo scorso anno avevo corso una mezza maratona in 62 minuti prima di vincere a Chicago. Ora ho corso sotto l’ora. Non mi aspettavo un risultato cronometrico migliore perché sono carico di lavoro in vista della maratona. Dopo il dodicesimo chilometro Kemei ha provato ad attaccare ma ero fiducioso perché ero sicuro dei miei mezzi e ho preferito aspettare ancora un attimo prima di lanciare il mio attacco. Faccio i miei complimenti ai miei avversari che hanno lottato fino alla fine. Dopo la gara voglio recarmi a Città del Vaticano per visitare la Basilica di San Pietro

Moses Kemei:

Kemei ha stabilito il record personale in seconda posizione con 1h00’44” nella sua prima grande mezza maratona in carriera dopo l’esperienza da pacemaker alla Maratona di Firenze. Justus Kangogo ha tagliato il traguardo in terza posizione con il tempo di 1h01’02” precedendo l’altro keniano Emmanuel Kipsang, quarto in 1h01’33”

Moses Kemei:

Era il mio debutto internazionale come top runner. Fino ad ora avevo corso soltanto da pacemaker alla Maratona di Firenze. Sono al settimo cielo per la felicità. Quando ho attaccato al 12 km ho esagerato, ma mi sentivo davvero bene. Quando Galen Rupp ha sferrato l’attacco decisivo ho capito i miei sbagli tattici e da quell’attacco ho fatto tesoro per il futuro, ha dichiarato Kemei

Doppietta etiope nella gara femminile dove la maratoneta Hatamenesh Haylu Tesfay si è imposta in 1h09’02” con un vantaggio di 19 secondi sulla connazionale Dida Dera. La keniana Rebecca Chesir Kangogo ha tagliato il traguardo in terza posizione in 1h11’04” migliorando il quarto posto della passata edizione. La migliore delle atlete europee è stata l’azzurra Rosaria Console, sesta al traguardo in 1h13’45” malgrado un attacco febbrile.

Rosaria Console:

Questa gara mi dà sempre emozioni speciali. Qui vengo sempre trattata come una campionessa. Ho voluto assolutamente esserci e sono contenta della mia prestazione

Tra i tanti protagonisti che hanno animato la quarantaquattresima edizione della corsa organizzata da Luciano Duchi e dai Bancari Romani con l’importante collaborazione di RCS Sport vanno ricordati il maratoneta non vedente Raffaele Panebianco e il settantaduenne ex preparatore atletico della squadra di calcio della Roma Claudio Infusi, che ha preso parte a tutte le edizioni della Roma Ostia.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.